“La 194 inapplicata: obiettori 7 ginecologi su 10”, al via la campagna “Libera di abortire”

Filippo Poltronieri

Oltre 40 anni dopo la legge 194 non è sufficiente a garantire il diritto delle donne ad accedere facilmente all’interruzione volontaria di gravidanza. In Italia i ginecologi obiettori sono sette su dieci, una percentuale che aumenta sensibilmente in alcune regioni costringendo le donne a un turismo sanitario intranazionale. Esemplare il caso di Francesca Tolino, testimonial della campagna “Libera di abortire”, promossa da Radicali Italiani e da altre associazioni che da anni si battono per i diritti delle donne, e presentata a Roma dopo la prima tappa di Pescara.

“Il mio è stato un percorso a ostacoli”, racconta Francesca che ha denunciato la sua storia al settimanale L’Espresso. “Quando ho scelto di abortire in tutta la città non c’era un ginecologo disponibile, il mio mi ha detto di andare a Londra” denuncia la donna, che dopo un anno dall’interruzione di gravidanza ha dovuto anche subire l’onta di una lapide per il feto abortito, collocata nel cimitero Flaminio a sua insaputa. “Ci sono stigmatizzazioni, violenze fisiche e psicologiche”, dice Adele Orioli, dell’UAAR e storica collaboratrice di MicroMega. “Basti pensare alla settimana di ripensamento, la legge 194 sente tutti i suoi 43 anni, certo intanto si dovrebbe applicarla bene”.

Queste le ragioni alla base del lancio della campagna, che mira a informare le donne e a rendere più accessibile un diritto che rischia di restare solo su carta. “Invitiamo il Parlamento a pubblicare la relazione con i dati sulle interruzioni di gravidanza, numeri fermi al 2018”, spiega Giulia Crivellini, avvocata e tesoriera di Radicali Italiani. “Anche il comitato per i Diritti sociali ha condannato l’Italia per il non rispetto del diritto di accesso alla salute per le donne: per questo chiediamo che si proceda con l’indizione di bandi regionali ad hoc per la ricerca di medici non obiettori”, conclude Crivellini.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Filippo Poltronieri

La digitalizzazione della raccolta firme rischia di rendere troppo facilmente “attivabile” lo strumento referendario?

De Marzo: “Sconfiggere le disuguaglianze è fondamentale per prevenire la rinascita di qualsiasi forma di fascismo”.

Oltre cinquantamila persone hanno riempito piazza San Giovanni per chiedere al governo di sciogliere le forze politiche neofasciste, a partire da Forza Nuova. MicroMega ha raccolto le voci dei manifestanti.

Altri articoli di Società

Le nobili proteste in difesa della scuola tradizionale troppo spesso sono servite a dissimulare le gravi carenze della scuola “normale” in presenza.

Il “problema principale” della scuola non esiste: ci sono tante criticità, come riflesso di una società problematica.

Per gli economisti che egemonizzano oggi il discorso sulla scuola lo studente conta solo in relazione al profitto che sarà in grado di produrre.