“250 Serie Tv da non perdere”- Un imperdibile sussidio per la marea di indecisi del telecomando

In un’industria cinematografica dove le serie tv stanno sostituendo i film nella produzione avanguardista di qualità, l’offerta per gli spettatori è ormai infinita e in crescita esponenziale. “250 Serie Tv da non perdere”, di Mario Sesti offre una soluzione agli indecisi che ogni giorno si trovano a dover navigare nella sconfinata offerta sulle piattaforme.

Romano De Marco

È ormai da ben oltre un ventennio che le serie TV hanno superato il cinema nel livello di qualità delle sceneggiature, nelle performance degli attori e nel grado di sperimentazione artistica dei registi. Con l’avvento, poi, della serialità sul grande schermo, ( vedi il filone supereroistico e le saghe infinite come Fast & Furios e Mission Impossible ecc.) e l’abuso di sequel fuori tempo massimo, si è di fatto consumato un vero e proprio ribaltamento. Laddove in passato i cosiddetti telefilm rappresentavano una produzione generalista, ripetitiva, sempre uguale a sé stessa  -seppur fra alti e bassi qualitativi – a partire dalla fine degli anni novanta, le serie TV hanno rappresentato innovazione, qualità e sperimentazione di nuovi linguaggi narrativi a fronte di un generale appiattimento delle produzioni destinate al grande schermo. Una crisi, quella dei film in sala, che prosegue – nonostante qualche colpo di coda- alimentata, oltre che dall’incubo covid, anche dallo strapotere delle piattaforme di streaming che stanno contribuendo a livellare sempre più – verso il basso- le differenze tra prodotti cinematografici e televisivi.
Nel corso dell’ultimo ventennio, anche il livello delle serie è progressivamente sceso, in virtù di una crescita enorme della produzione. Un’offerta pressoché illimitata che ad oggi crea un vero e proprio disorientamento anche negli spettatori più preparati e dotati di senso critico.
In questo scenario è quantomai utile disporre di un aiuto nella scelta. Ce lo fornisce Mario Sesti, critico cinematografico, regista, esperto della narrazione in immagini e già autore di importanti libri sul mondo del cinema. Il suo “LE 250 SERIE TV DA NON PERDERE” – Fazi Editore – è davvero un gioiellino che spicca nel marasma di raccolte e manuali più o meno ragionati sulla serialità televisiva. Destano ammirazione i rigorosi criteri di stesura di questa vera e propria guida, spiegati dall’autore nella sua interessante nota introduttiva, impreziosita anche dal  contributo  di Carlo Verdone. In sostanza non vi sono stroncature perché i giudizi critici espressi da Mario Sesti, in una scala che va da 1 a 4, partono da una rigorosa selezione che valuta più parametri e prende in esame solo serie che, già a partire da quelle con il voto più basso, sono comunque “da vedere con piacere” (fino ad arrivare a quelle con voto massimo definite come “mitiche”).
Le schede sono molto professionali, obiettive, esaustive, e offrono un validissimo ausilio a chi volesse orientarsi nella scelta di qualcosa di nuovo e interessante da seguire. Allo stesso tempo, soddisfano aspetti più tecnici per la curiosità di chi è a caccia di notizie inedite e approfondimenti sulle proprie serie del cuore.
Inutile contestare criteri, scelta dei titoli, punteggi o altro. Con circa 600 serie all’anno prodotte solo negli Stati Uniti, sarebbe impossibile realizzare una guida onnicomprensiva. Occorrerebbe una sorta di enciclopedia di cinquanta volumi con crescita esponenziale periodica! Ed è chiaro che nella lettura – così come nella realizzazione – di un’opera del genere, i gusti personali giocano un ruolo importante, come è logico e giusto che sia. Ma l’autore, per inciso, non fa pesare affatto i suoi, di gusti. La forza delle schede proposte da Mario Sesti è proprio quella che possono essere lette e apprezzate indipendentemente dal punteggio assegnato a ogni serie.
Personalmente, auspico che il volume sia il primo di una collana e avrei molto piacere di conoscere il parere approfondito dell’autore su alcune delle serie TV che, proprio a cavallo fra gli anni 90 e i 2000, hanno decretato il passaggio fra due diverse forme di narrazione televisiva- Penso ad esempio a NYPD – in Italia New York Police Department – che purtroppo è assente da questa guida. Allo stesso modo sarebbe molto interessante uno sguardo critico sulle produzioni antecedenti, quelle che dagli anni cinquanta ai novanta hanno fatto la storia della televisione e occupano ancora un posto importante nel nostro immaginario.
Un libro, una guida, un supporto davvero prezioso per i tanti, tantissimi che – come il sottoscritto – scontano quotidianamente l’indecisione della scelta di fronte a un’offerta sconfinata. Indecisione causata anche dalle inevitabili delusioni che, per chi ha vissuto con entusiasmo la stagione d’oro delle serie nei primi anni 2000, sono ormai all’ordine del giorno.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Romano De Marco

Il poema omerico rivisitato in chiave femminile, con la guerra narrata dalle dee.

Il Premio Strega è una farsa cui tutti fanno finta di credere. Ma ogni tanto vince un libro che rappresenta una gemma di vera arte.

Altri articoli di Cultura

“Scrivere di donne in Roma antica”, di Graziana Brescia e Mario Lentano, esplora come la cultura maschile dei Romani descriveva le donne.

"I Dannati" osserva e testimonia la condizione umana e il suo Essere per la morte senza sentimentalismi e con severa semplicità.

“Parthenope” del regista italiano e “The Substance“ della regista francese affrontano il mito della giovinezza mettendo il corpo della donna al centro.