Adil, Luana e gli altri: padroni assassini, governo complice

L’omicidio del sindacalista a Novara non è un incidente, ma la conseguenza di una sempre più diffusa criminalità imprenditoriale e della complicità con essa del sistema politico di una Repubblica non più fondata sul lavoro ma sullo sfruttamento.

Giorgio Cremaschi

A Biandrate di Novara davanti a un magazzino Lidl il compagno Adil, operaio sindacalista del Si Cobas padre di due figli, è stato barbaramente assassinato da un camionista crumiro, che lo ha investito col suo mezzo durante lo sciopero. Abdil era in lotta assieme a tutti i lavoratori della logistica, per lo sciopero nazionale proclamato unitariamente, superando consolidate divisioni, dal SiCobas, dalla USB e da tutti i sindacati di base. La mobilitazione era stata decisa proprio come risposta allo squadrismo criminale che aveva aggredito lavoratori in sciopero davanti ai magazzini FedEx-TNT di Lodi e alla Texprint di Prato.

I lavoratori della logistica, i facchini che fanno funzionare e guadagnare una delle attività oggi più lucrose la distribuzione capillare delle merci, ovunque si stanno battendo per conquistare condizioni di lavoro e salari dignitosi. Devono vedersela con un sistema meticoloso e criminale di sfruttamento, organizzato con una catena di appalti e subappalti, che parte dalle grandi multinazionali miliardarie e arriva alle cooperative di caporalato. Un sistema di sfruttamento brutale e banditesco, che reagisce alle sacrosante rivendicazioni dei lavoratori con la violenza dei licenziamenti, delle persecuzioni e delle liste nere per gli attivisti, con l’aggressione fisica diretta da parte di bande di picchiatori assoldati e anche con l’omicidio, come è avvenuti pochi anni fa con il sindacalista USB Abd el Salam e ora con quello del SiCobas Abil.

Quanto accaduto a Novara non è un incidente, come invece cercheranno di minimizzare il potere e i mass media, ma la conseguenza di una sempre più diffusa criminalità imprenditoriale che, grazie alla comprensione e al sostegno del sistema politico, si sente autorizzata a violare ogni regola e diritto pur di conseguire i propri sporchi profitti. Fino all’assassinio.

L’omicidio di Adil si collega a quello di Luana massacrata in fabbrica a Prato, perché erano state eliminate le misure di sicurezza per farla lavorare di più. Al ragazzo di sedici anni in fin di vita a Brescia perché mandato allo sbaraglio sopra un capannone durante l’alternanza scuola lavoro. Alle vittime del Mottarone e della ex Ilva, ai lavoratori e ai cittadini le cui vite ogni giorno sono sacrificate nel nome degli affari e del raggiungimento del PIL.

La violenza criminale che colpisce i lavoratori della logistica, in gran parte migranti che subiscono la doppia oppressione del sistema di sfruttamento aziendale e della discriminazione e del razzismo istituzionale, è in realtà la punta emersa di una realtà che oramai coinvolge tutto il mondo del lavoro. Ovunque dilaga il fascismo aziendale con il quale le imprese impongono ai lavoratori la rinuncia ai più elementari diritti costituzionali. Un operaio è stato licenziato da Arcelor Mittal per aver pubblicato su Facebook l’invito a vedere una fiction televisiva. Ovunque nei luoghi di lavoro si sopprimono quei diritti umani per i quali l’ipocrisia borghese si commuove in paesi lontani che considera nemici. E quando tutto questo non basta, si uccide.

La criminalità assassina nel padronato italiano dilaga per la complicità del sistema politico e di governo. L’eliminazione dell’articolo 18 e la deregolazione di tutti i rapporti di lavoro, l’attacco ai contratti nazionali e la diffusione delle più barbare forme di precarietà autorizzate e incentivate per legge. E più in generale “l’impresismo”, ultima degenerazione del liberismo, cioè l’ideologia per cui impresa e affari debba essere al centro di tutto. E poi la campagna schiavista di Confindustria e politicanti contro i fannulloni del reddito che rifiuterebbero di lavorare per paghe da fame. Questo il contesto nel quale i padroni si sentono autorizzati a fare tutto ciò che fanno. E il governo Draghi continua e accelera in questo percorso devastante, con lo sblocco dei licenziamenti, con ulteriori concessioni agli appalti selvaggi, con altra criminale flessibilità, con la voluta assenza di controlli e interventi a tutela delle condizioni e della vita di chi lavora.

Sì, Adil è vittima di un padronato assassino e della complicità con esso del sistema politico e del governo di una Repubblica che non è più fondata su lavoro, ma sullo sfruttamento.

Condividiamo con i familiari e con le compagne del SiCobas il dolore per Adil. E noi che siamo ancora vivi scendiamo in piazza e chiediamo conto dell’assassinio a tutti i responsabili.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Giorgio Cremaschi

Quella in campo a Genova nel 2001 era ben più che una grande mobilitazione, era una possibile alternativa sociale e politica a tutto il sistema dominante.

Nel 1986 invitò in tv un operaio siderurgico di Brescia che raccontò tutte le ingiustizie, le sofferenze, le terribili condizioni di lavoro della sua fabbrica.

Il via libera ai licenziamenti di massa mentre non siamo ancora fuori dalla pandemia è una infamia, la conferma della subalternità assoluta della classe politica al mondo degli affari.

Altri articoli di Politica

Le testimonianze degli operai dei due stabilimenti che le multinazionali proprietarie hanno deciso di chiudere dall’oggi al domani.

Tenere a distanza chi non vuole vaccinarsi è una misura elementare minima di difesa della libertà (e vita) degli altri.

Mimmo Lucano a Reggio Calabria al controvertice “TheLast20”: “Riace ha mostrato che un’altra politica è possibile”.