“I talebani stanno dando la caccia alla mia famiglia”

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”. I talebani “non sono cambiati: a Kabul stanno mostrando un volto che non è il loro”. Per questo si appella all’Ue e all’Italia: “Creare subito i corridoi umanitari”.

Valerio Nicolosi

“Dobbiamo combattere con la testa, non con le armi” è la filosofia di Emran, un giovane afghano che vive a Trieste dove lavora come mediatore culturale in un centro d’accoglienza.
Gli studi universitari e la voglia di una vita “senza quella sensazione di stato di guerra permanente” lo hanno portato a lasciare l’Afghanistan. I suoi cari continuano però a vivere in un piccolo paese vicino Kabul, e in questo momento sono in pericolo: “Fanno tutti parte dei mujaheddin e hanno sempre combattuto contro i talebani. Negli ultimi venti anni sono morte 42 persone della mia famiglia” racconta Emran. Oggi, “fuori da Kabul, stanno cercando le persone che hanno collaborato con gli occidentali o che hanno sempre combattuto i talebani. Li cercano casa per casa per riempirli di pallottole”.

Nonostante l’appello lanciato dal portavoce Zabihullah Mujahid, nel quale dicono di voler “perdonare tutti” e di “non volere più nemici”, i talebani sono gli stessi di sempre. “A Kabul mostrano un volto che non è il loro e lo fanno per far vedere al mondo che sono cambiati. Fuori dalla capitale, però, hanno ripreso a frustrare le donne, a segregare in casa, a uccidere i nemici. Ho uno zio che era ufficiale dell’esercito e ora lo stanno cercando per ucciderlo” chiosa Emran.

Credit foto: Alessandra Fuccillo



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il nuovo accordo supera Dublino. Ma è una vittoria della destra che non vuole accogliere. Vediamo perché.

A poco meno di un anno di distanza dal ritorno dei talebani a Kabul, i corridoi umanitari italiani sono ancora fermi a causa della burocrazia.

Anche se il soccorso in mare è sparito dalle cronache, i migranti continuano a partire dalla Libia. E a morire.

Altri articoli di Video

L’8 gennaio a Torino la comunità iraniana ha tenuto un corteo per ricordare le vittime del volo P572L del 2020: tre anni fa, il Boeing 737-800 Ukraine International Airlines 752 fu abbattuto da un missile antiaereo iraniano poco dopo il decollo. Morirono tutti i 176 passeggeri, molti dei quali iraniani e altri ucraini. Inizialmente il...

Il monologo di Fracesca Fornario alla mobilitazione contro l'autonomia differenziata

Ieri in piazza a Roma un partecipato sit-in con decine di interventi ha detto No al progetto di legge sull'autonomia differenziata.