“I talebani stanno dando la caccia alla mia famiglia”

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”. I talebani “non sono cambiati: a Kabul stanno mostrando un volto che non è il loro”. Per questo si appella all’Ue e all’Italia: “Creare subito i corridoi umanitari”.

Valerio Nicolosi

“Dobbiamo combattere con la testa, non con le armi” è la filosofia di Emran, un giovane afghano che vive a Trieste dove lavora come mediatore culturale in un centro d’accoglienza.
Gli studi universitari e la voglia di una vita “senza quella sensazione di stato di guerra permanente” lo hanno portato a lasciare l’Afghanistan. I suoi cari continuano però a vivere in un piccolo paese vicino Kabul, e in questo momento sono in pericolo: “Fanno tutti parte dei mujaheddin e hanno sempre combattuto contro i talebani. Negli ultimi venti anni sono morte 42 persone della mia famiglia” racconta Emran. Oggi, “fuori da Kabul, stanno cercando le persone che hanno collaborato con gli occidentali o che hanno sempre combattuto i talebani. Li cercano casa per casa per riempirli di pallottole”.

Nonostante l’appello lanciato dal portavoce Zabihullah Mujahid, nel quale dicono di voler “perdonare tutti” e di “non volere più nemici”, i talebani sono gli stessi di sempre. “A Kabul mostrano un volto che non è il loro e lo fanno per far vedere al mondo che sono cambiati. Fuori dalla capitale, però, hanno ripreso a frustrare le donne, a segregare in casa, a uccidere i nemici. Ho uno zio che era ufficiale dell’esercito e ora lo stanno cercando per ucciderlo” chiosa Emran.

Credit foto: Alessandra Fuccillo



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il Tribunale ha revocato i licenziamenti dei lavoratori dell’azienda. Il collettivo di fabbrica: “Subito la legge contro le delocalizzazioni”.

L’Europa ha perso l’ennesima occasione per ripensare le sue politiche migratorie, rimpiazzando una prigione con un’altra prigione.

Nella stazione di polizia di Korenica la pratica della violenza e della tortura contro i migranti è divenuta prassi quotidiana.

Altri articoli di Video

Intervista a Cecilia Strada che si trova a bordo della nave ResQ: “Essere qui e salvare vite è il modo migliore per salutare mio padre”.

A bordo di una piccola imbarcazione, accompagnati da un gruppo di attivisti, per mostrare l’inquinamento del fiume della Capitale.

Prosegue la lotta degli operatori di Anpal Servizi per la stabilizzazione dei 400 dipendenti. Perché in Italia ad aiutare i disoccupati a trovare lavoro sono i precari.