Guerra in Ucraina, “l’attacco all’Anpi è un attacco al movimento per la pace”

Il presidente Pagliarulo denuncia la campagna di stampa corso l'associazione dei Partigiani: "Condanniamo fermamente l'invasione della Russia".

Daniele Nalbone

“L’attacco all’ANPI è un attacco al movimento per la pace”. Inizia così la denuncia di Gianfranco Pagliarulo, presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. “Leggo oggi su alcuni giornali un insieme di fake news e di diffamazioni – come per esempio un titolo su Il Tempo: I partigiani dell’ANPI abbracciano Putin: legittime le bombe sull’Ucraina – di cui si occuperà il nostro ufficio legale per valutare gli estremi di una querela”.

Guerra in Ucraina, la fake news: “L’ANPI dalla parte della Russia”

Ricapitoliamo. Il 24 febbraio, poche ore dopo l’invasione russa, esce un comunicato dell’ANPI che inizia così: “La Segreteria nazionale dell’ANPI condanna fermamente l’invasione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa. È un atto di guerra che nega il principio dell’autodeterminazione dei popoli, fa precipitare l’Europa sull’orlo di un conflitto globale, impone una logica imperiale che contrasta col nuovo mondo multipolare, porta lutti e devastazioni”.
Ora, come sottolinea il presidente “Qualsiasi persona normale intende che l’ANPI condanna l’invasione senza se e senza ma”.

Guerra in Ucraina, la posizione dell’ANPI dopo l’attacco della Russia

Il 22 febbraio, poche ore dopo il riconoscimento unilaterale del Donbass da parte di Putin, l’ANPI denuncia: “Siamo a un passo dal baratro. A chi governa la Russia, gli Stati Uniti, l’Ucraina, i Paesi dell’Unione Europea, il nostro stesso Paese, chiediamo un atto di responsabilità e di saggezza. Prima che sia troppo tardi. Il delirio bellicista va sconfitto dalla forza tranquilla di Paesi e popoli”. E aggiunge: “Il riconoscimento dell’indipendenza del Donbass da parte della Russia può portare il mondo a un passo dalla guerra ed è l’ultimo, drammatico atto di una sequenza di eventi innescata dal continuo allargamento della NATO ad est vissuto legittimamente da Mosca come una crescente minaccia”.

Come sottolinea Pagliarulo, “il 22 febbraio era molto difficile condannare un’invasione avvenuta il 24 febbraio. Si trattava di stigmatizzare il riconoscimento unilaterale del Donbass individuando le ragioni per cui si era giunti a tale gravissimo gesto. Tali ragioni sono fra l’altro (ma non solo) il continuo allargamento della NATO ad est, cioè uno dei tanti errori commessi dopo la caduta del muro. Questa critica è propria di un ampio arco di politici e di personalità che avevano colto da tempo i pericoli di una politica occidentale di crescente confronto-scontro con la Federazione russa, cogliendo assieme, giustamente, il carattere autocratico del governo di Putin”.

Guerra in Ucraina, l’ANPI e le armate naziste nel Donbass

“Non è un mistero che, dopo Maidan”, analizza ancora Pagliarulo, “nel Paese hanno imperversato in Ucraina bande armate naziste come Pravy Sector e Svoboda (primo nome: Partito socialnazionalista ucraino) e che da otto anni è in corso una guerra civile che vede Kiev bombardare il Donbass con l’esito di alcune decine di migliaia di morti. Una guerra di cui per otto anni si è parlato pochissimo sui media italiani. Da ciò la nostra richiesta di un riconoscimento dell’autonomia del Donbass, previsto dai mai applicati accordi di Minsk, come unico modo per sventare la secessione, unilateralmente riconosciuta da Putin”.

“Far finta che tutto ciò non sia mai successo, rimuovere l’evidenza, negare gli errori vuol dire indebolire il fronte della pace. La pace può vincere solo raffreddando le tensioni attuale col negoziato e la trattativa, e più in generale con una politica che garantisca la sicurezza dell’UE e della Federazione russa. Biden ha affermato ieri che l’alternativa alle sanzioni è la terza guerra mondiale. Le sanzioni sono probabilmente necessarie, ma ancor più probabilmente insufficienti. Se falliscono andiamo allegramente verso la guerra mondiale?”.

Qui un approfondimento sui nazisti in Ucraina

L’ANPI e il movimento per la pace

“Siamo tutti uniti nel condannare aspramente l’invasione russa” sottolinea Pagliarulo, “ma c’è chi si mette l’elmetto e chi non se lo mette. L’ANPI e il movimento per la pace non se lo mettono, perché la guerra sarebbe una catastrofe per l’umanità. L’Italia deve stare lealmente e se necessario criticamente nella NATO. Ma le posizioni ‘fieramente atlantiste’ non aiutano. È difficile spegnere un fuoco versandoci sopra benzina. A ben vedere la posizione dell’ANPI e del movimento per la pace è molto semplice: no all’aggressione, immediato ritiro delle truppe russe, immediato cessate il fuoco, negoziato internazionale. Qualcuno forse dimentica che l’Italia ripudia la guerra”.

Le immagini dalla piazza per la pace di Roma

Credit foto: la manifestazione per la pace del 26 febbraio a Roma ANSA/MASSIMO PERCOSSI



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Daniele Nalbone

Il crollo di Salvini, la scomparsa di Di Maio, il flop di Letta. Resiste solo Conte. Così Giorgia Meloni ha vinto senza faticare.

Intervista a Vanessa Pallucchi, portavoce del Forum Terzo Settore, per analizzare la campagna elettorale: “Molto meglio i programmi del dibattito”.

“Rifiutato ogni confronto, nessuna visione capace di costruire speranza”. La denuncia di associazioni, reti sociali, comitati, cooperative e sindacati.

Altri articoli di Politica

La classe dirigente uscente, nonostante abbia dato dimostrazione di grandi fallimenti, è stata riconfermata dagli elettori siciliani.

Le vere ragioni della clamorosa sconfitta del Pd e i pericoli sottovalutati della vittoria della destra postfascista rappresentata da Giorgia Meloni.

Equilibri elettorali stabiliti da tempo immemorabile sono venuti meno. Si è allargato il divario tra elettori ‘di città’ ed elettori di periferia o ‘campagna’.