Antisemitismo e critiche a Israele, una confusione pericolosa

Un gruppo di intellettuali e attivisti ebrei, fra cui Naomi Klein, Judith Butler e Tony Kushner rivendicano il diritto di criticare le politiche israeliane senza che queste vengano tacciate di antisemitismo e chiedono l’immediato cessate il fuoco a Gaza.

Redazione

Siamo scrittori, artisti e attivisti ebrei che desiderano sconfessare la narrazione diffusa secondo cui qualsiasi critica a Israele è intrinsecamente antisemita. Israele e i suoi difensori hanno usato a lungo questa tattica retorica per proteggere Israele dalle responsabilità, per dare una veste morale all’investimento multimiliardario degli Stati Uniti nell’esercito israeliano, per oscurare la realtà mortale dell’occupazione e per negare la sovranità palestinese. Ora, questo insidioso bavaglio alla libertà di parola viene utilizzato per giustificare i continui bombardamenti militari di Israele su Gaza e per mettere a tacere le critiche della comunità internazionale.
Condanniamo i recenti attacchi contro i civili israeliani e palestinesi e piangiamo questa straziante perdita di vite umane. Nel nostro dolore, siamo inorriditi nel vedere la lotta all’antisemitismo usata come pretesto per crimini di guerra con dichiarato intento genocida.
L’antisemitismo è una parte dolorosa del passato e del presente della nostra comunità. Le nostre famiglie sono sfuggite a guerre, vessazioni, pogrom e campi di concentramento. Abbiamo studiato la lunga storia di persecuzioni e violenze contro gli ebrei e prendiamo sul serio il continuo antisemitismo che mette a rischio la sicurezza degli ebrei in tutto il mondo. Lo scorso ottobre si è celebrato il quinto anniversario del peggior attacco antisemita mai commesso negli Stati Uniti: gli undici fedeli dell’Albero della Vita – Or L’Simcha di Pittsburgh, uccisi da un uomo armato che sosteneva teorie cospirative che incolpavano gli ebrei dell’arrivo dei migranti centroamericani e che, in tal modo, disumanizzavano entrambi i gruppi. Rifiutiamo l’antisemitismo in tutte le sue forme, anche quando si maschera da critica al sionismo o alle politiche di Israele. Riconosciamo anche che, come ha scritto il giornalista Peter Beinart nel 2019, “l’antisionismo non è intrinsecamente antisemita, e sostenere che lo sia sfrutta la sofferenza ebraica per cancellare l’esperienza palestinese”.

Riteniamo che questa tattica retorica sia antitetica ai valori ebraici, che ci insegnano a riparare il mondo, a mettere in discussione l’autorità e a difendere gli oppressi dagli oppressori. È proprio a causa della dolorosa storia dell’antisemitismo e delle lezioni dei testi ebraici che sosteniamo la dignità e la sovranità del popolo palestinese. Rifiutiamo la falsa contrapposizione tra la sicurezza degli ebrei e la libertà dei palestinesi; tra l’identità ebraica e la fine dell’oppressione dei palestinesi. Crediamo infatti che i diritti degli ebrei e dei palestinesi vadano di pari passo. La sicurezza di ciascun popolo dipende da quella dell’altro. Non siamo certo i primi a dirlo e ammiriamo coloro che hanno dato forma a questa linea di pensiero sulla scia di tanta violenza.
Comprendiamo da dove nasca la confusione fra l’antisemitismo e la critica a Israele o al sionismo. Per anni, decine di Paesi hanno sostenuto la definizione di antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Alliance. La maggior parte degli undici esempi di antisemitismo che essa contiene riguardano commenti sullo Stato di Israele, alcuni dei quali possono essere interpretati in modo tale da limitare l’ambito delle critiche accettabili. Inoltre, la Anti-Defamation League classifica l’antisionismo come antisemitismo, nonostante i dubbi di molti dei suoi stessi esperti. Queste definizioni hanno favorito l’intensificarsi delle relazioni del governo israeliano con forze politiche di estrema destra e antisemite, dall’Ungheria alla Polonia agli Stati Uniti e oltre, mettendo in pericolo gli ebrei della diaspora. Per contrastare queste definizioni generiche, un gruppo di studiosi dell’antisemitismo ha pubblicato la Dichiarazione di Gerusalemme nel 2020, offrendo linee guida più specifiche per identificare l’antisemitismo e distinguerlo dalle critiche e dai dibattiti su Israele e il sionismo.

Le accuse di antisemitismo alla minima obiezione alla politica israeliana hanno permesso a lungo a Israele di sostenere un regime che gruppi per i diritti umani, studiosi, analisti legali e organizzazioni palestinesi e israeliane hanno definito di apartheid. Queste accuse continuano ad avere un effetto spaventoso sulla nostra politica. Questo ha significato la soppressione politica a Gaza e in Cisgiordania, dove il governo israeliano confonde l’esistenza stessa del popolo palestinese con l’odio per gli ebrei di tutto il mondo. Nella propaganda rivolta internamente ai propri cittadini ed esternamente all’Occidente, il governo israeliano afferma che le rivendicazioni dei palestinesi non riguardano la terra, la mobilità, i diritti o la libertà, ma piuttosto l’antisemitismo. Nelle ultime settimane, i leader israeliani hanno continuato a strumentalizzare la storia del trauma ebraico per disumanizzare i palestinesi. Nel frattempo, gli israeliani vengono arrestati o sospesi dal lavoro per i loro post sui social media in difesa di Gaza e giornalisti israeliani temono conseguenze per aver criticato il loro governo.

Definire tutte le critiche a Israele come antisemite, inoltre, schiaccia nell’immaginario popolare tutto il popolo ebraico su Israele. Nelle ultime due settimane negli Usa, abbiamo visto sia democratici che repubblicani difendere l’identità ebraica sulla base del sostegno a Israele. Una lettera molto vaga firmata da decine di personalità e pubblicata il 23 ottobre ha ripetuto a pappagallo le posizioni del Presidente Biden come sostenitore del popolo ebraico sulla base del suo appoggio a Israele. Di recente la 92NY ha rinviato un evento con l’autore Viet Thanh Nguyen, che aveva firmato una lettera in cui chiedeva la fine degli attacchi di Israele a Gaza, sottolineando la sua identità di “istituzione ebraica”. Come altri hanno osservato, i tentativi di collocare storicamente gli attacchi del 7 ottobre sono visti come un ripudio della sofferenza ebraica piuttosto che come necessari strumenti per comprendere e porre fine a tale violenza.
L’idea che tutte le critiche a Israele siano antisemite diffonde l’idea che palestinesi, arabi e musulmani siano intrinsecamente sospetti, agenti dell’antisemitismo finché non dicono esplicitamente il contrario. Dal 7 ottobre, i giornalisti palestinesi hanno dovuto affrontare una repressione senza precedenti. Un cittadino palestinese di Israele è stato licenziato dal suo lavoro in un ospedale israeliano per un post su Facebook del 2022 che citava il primo pilastro dell’Islam. I leader europei hanno vietato le proteste a favore della Palestina e hanno criminalizzato l’esposizione della bandiera palestinese. A Londra, un ospedale ha recentemente tolto dei disegni realizzati da bambini di Gaza dopo che un gruppo pro-Israele ha affermato che facevano sentire i pazienti ebrei “vulnerabili, molestati e vittimizzati”. Persino dei disegni di bambini palestinesi vengono associati a un’allucinazione di violenza.

I leader statunitensi alimentano ulteriormente la confusione schiacciando la sicurezza degli ebrei sul finanziamento militare incondizionato e costante di Israele, che non ha alcuna intenzione di fare la pace. Il 13 ottobre, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha diffuso una nota interna in cui si esortavano i funzionari a non utilizzare il linguaggio della “de-escalation/cessate il fuoco”, della “fine della violenza/spargimento di sangue” o del “ripristino della calma”. Il 25 ottobre, Biden ha messo in dubbio il numero di morti palestinesi e lo ha definito il “prezzo” della guerra di Israele. Questa logica crudele continuerà a favorire l’antisemitismo e l’islamofobia. Il Dipartimento di Sicurezza Nazionale si sta preparando per un aumento previsto dei crimini d’odio contro ebrei e musulmani, che è già iniziato.
Per ognuno di noi, l’identità ebraica non è un’arma da brandire nella lotta per il potere di Stato, ma una fonte di saggezza che dice: “Giustizia, giustizia, perseguirai”. Tzedek, tzedek, tirdof. Ci opponiamo allo sfruttamento del nostro dolore e al silenzio dei nostri alleati.
Chiediamo un cessate il fuoco a Gaza, una soluzione per il ritorno sicuro degli ostaggi a Gaza e dei prigionieri palestinesi in Israele e la fine dell’occupazione israeliana. Chiediamo inoltre ai governi e alla società civile degli Stati Uniti e dell’Occidente di opporsi alla repressione del sostegno alla Palestina.
Ci rifiutiamo di permettere che queste richieste urgenti e necessarie vengano soppresse in nostro nome. Quando diciamo “mai più”, lo diciamo sul serio.*

* Il testo originale della lettera è uscito su n+1. La traduzione dall’inglese è a cura della redazione.

Guerra Israele-Hamas: tutte le analisi e le opinioni

foto 1 Wikipedia| Moizsyed; foto 2, Flickr | Andrew Rusk; foto 3 Wikipedia | YouTube: Tony Kushner: Hollywood and Socialism

 



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Redazione

Al via la raccolta fondi per finanziare il progetto di archiviazione digitale dell’opera del grande vignettista Sergio Staino

MicroMega+ del 5 aprile con Peter Beinart, Sara Chessa, Manuel Bianco, Francisco Scalese, Anna Paola Lacatena e Fabio Bartoli.

Ripubblichiamo qui tutte le riflessioni maturate a seguito del documento condiviso dalla redazione di MicroMega su Israele e Palestina.

Altri articoli di Mondo

Antony Loewenstein racconta come le tecniche di controllo di massa che Israele sperimenta in Palestina siano un modello in tutto il mondo.

Ecuador: preoccupante manifestazione di rinuncia alla diplomazia in favore di una politica di forza che si risolve in atti di autoritarismo.

Il libro “L’Iran in Fiamme” di Arash Azizi racconta delle instancabili lotte del popolo iraniano dell’ultimo secolo contro i regimi.