Dieci anni senza Antonio Tabucchi: il ricordo di MicroMega

Il 25 marzo 2012 a Lisbona moriva uno dei più grandi scrittori contemporanei, un amico della nostra rivista, un vero intellettuale.

Redazione

Sostiene Tabucchi | di PAOLO FLORES D’ARCAIS
Ripercorrere le pagine del più noto romanzo di Antonio Tabucchi – Sostiene Pereira – è l’occasione per il direttore di MicroMega per tracciare il rapporto tra l’immaginario e l’impegno civile del grande scrittore scomparso otto anni fa. Perché è attraverso l’invenzione letteraria che Tabucchi esprime la verità in modo più profondo e più radicale. Un programma che unifica creazione letteraria, lavoro giornalistico, impegno civile.
Da MicroMega 4/2020 [Qui potete acquistare il volume]

Osservando il Novecento | di ANTONIO TABUCCHI
L’inquietudine di Gadda e il ‘desassossiego’ di Pessoa, misura occidentale del nostro secolo. L’impossibilità, secondo l’autore di Sostiene Pereira, di pensare il romanzo del Novecento senza la dissolvenza cinematografica.
Da MicroMega 2/2002 [Qui potete acquistare il volume]

Catullo e il cardellino | di ANTONIO TABUCCHI
Che cosa vuol dire impegno dal punto di vista di uno scrittore che fugge l’immediatezza, la presa diretta. La lezione di Pasolini e quella di Eco.
Da MicroMega 2/1996 [Qui potete acquistare il volume]

Credi foto: EPA/JULIAN MARTIN



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Redazione

Su MicroMega+ i contributi di Rossella Guadagnini, Samuel Farber, Angela Galloro, Sergio Cesaratto, Massimo Baldacci, Michela Fantozzi.

Ultima Generazione lancia un presidio di solidarietà ai suoi attivisti processati a Città del Vaticano.

Sono sette i manifestanti impiccati in Iran finora, condannati a morte dal regime iraniano. Ma la rivoluzione prosegue.

Altri articoli di Cultura

Sei decenni fa il menestrello di Duluth pubblicava il suo secondo album, quello che lo avrebbe reso una leggenda della musica.

Nel panorama mediatico di oggi per milioni di persone è più facile immedesimarsi nella protagonista di “Aşk-i Memnu” che nei coinquilini di “Friends”.

Tommaso Duranti, attraverso un excursus di citazioni, miniature e affreschi ci consegna un medioevo complesso, vivido, caleidoscopico.