Ballottaggi, a Verona il vescovo si schiera in sostegno di Fratelli d’Italia

Il vescovo Giuseppe Zenti in una lettera "a tutti i presbiteri e diaconi": "Votate per chi difende la famiglia voluta da Dio, contrasta l'ideologia gender, l'aborto, l'eutanasia e difende la scuola cattolica". Berizzi: "“L’Italia è uno Stato laico anche a Verona?".

Daniele Nalbone

A pochi giorni dai ballottaggi, il vescovo di Verona, Giuseppe Zenti, scende in campo e si schiera esplicitamene con il candidato della destra, il “meloniano” Federico Sboarina. E lo fa attaccando frontalmente Damiano Tommasi, sfidante per il centrosinistra del sindaco uscente. E poco importa che Damiano Tommasi sia un cattolico praticante, abbia sei figli e sia il fondatore di una scuola dedicata a don Milani, in quel di Pescantina.

Per il vescovo Zenti, in una lettera indirizzata “a tutti i presbiteri e diaconi” scrive, testualmente: “Approfitto dell’occasione anche per chiarire un nostro coinvolgimento in occasione di elezioni politiche o amministrative, soprattutto in considerazione delle ricadute dei nostri interventi sui fedeli. Come scriverò su Verona Fedele, compito degli ordinati non è mai quello di schierarsi per un partito o per una persona, ma quello di segnalare eventuali presenze o carenze di valori civili con radice cristiana”.

“Concretamente», è il messaggio (elettorale) del vescovo, “nelle varie tornate elettorali, di qualsiasi genere, è nostro dovere far coscienza a noi stessi e ai fedeli di individuare quali sensibilità e attenzioni sono riservate alla famiglia voluta da Dio e non alterata dall’ideologia del gender; al tema dell’aborto e dell’eutanasia; alla disoccupazione, alle povertà, alle disabilità, all’accoglienza dello straniero; ai giovani; alla scuola cattolica, a cominciare dalle materne. Queste sono frontiere prioritarie che fanno da filtro perla coscienza nei confronti della scelta politica o amministrativa”. Messaggio finale: “Mantenete il buonsenso”.

“L’Italia è uno Stato laico anche a Verona?” commenta su Twitter Paolo Berizzi (qui una sua intervista recente), giornalista di Repubblica che a Verona e alla sua passione per la camicia nera ha dedicato il suo ultimo libro. “Te lo chiedi sentendo il vescovo Zenti, alla vigilia del ballottaggio, dare indicazioni di voto: non datelo a chi sostiene gender, aborto ed eutanasia, dice. Zenti fa campagna per la destra da anni”.

I rapporti tra Zenti e la destra veronese sono noti da tempo, come ricorda Berizzi. Così come non è un caso che sia stata proprio Verona a ospitare nel 2019 il triste Family Day al motto di “preghiamo per i gay, se non si convertono c’è l’inferno per loro“, popolato da persone (elettori) che non si fanno problemi a sostenere che “Hitler è meglio di Gesù“. Il tutto a favore di telecamere.

Ma è sulla profondità culturale di Zenti e, di riflesso, della chiesa veronese che qui è bene mettere il punto per capire “chi è” il “prete-elettore” tipo di Giorgia Meloni. Per Zenti sapete qual è la più grave conseguenza del precariato giovanile? Il calo dei matrimoni celebrati (lo scrisse in una lettera a Romano Prodi nel settembre 2006, alla quale purtroppo ebbe anche risposta). E sapete chi è, per Zenti, uno dei nemici più pericolosi per i bambini? Babbo Natale.

Testuali parole, tratte da un suo editoriale pubblicato dal settimanale diocesano L’Azione (3 dicembre 2006):
“Sempre più violenta e intollerante si fa la cultura di babbo natale che […] con il Natale cristiano non ha nulla da spartire. […] Sta scippando e defenestrando il Natale cristiano per buttarlo fuori dalla scena del sociale che conta, […][in] modo strategicamente vincente, poiché si avvale della potenza suasiva dei mass media di maggior audience, che puntano le carte sulla carica emotiva, e del mercato economico, per estirpare le radici cristiane rendendole innocue, alterandone i geni”.

E chi, per Zenti e la chiesa veronese, può contrastare “la famiglia, l’ideologia gender, l’aborto, l’eutanasia” e difendere “la scuola cattolica”? Ovviamente il candidato sindaco del partito di Giorgia Meloni.

CREDIT FOTO: ANSA/CLAUDIO MARTINELLI (s) | ANSA/FILIPPO VENEZIA (d)



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Daniele Nalbone

La Francia si polarizza. Il grande sconfitto è Macron. Ma non si può parlare di vittoria di Mélenchon. Intervista all’economista Emiliano Brancaccio.

La notizia è su tutti i giornali. Peccato che sia falsa. Agnoletto: "Ancora una volta il profitto ha vinto sulla vita delle persone".

Intervista a Massimiliano Iervolino per analizzare quanto sta accadendo a Roma dopo l'incendio che ha interessato il Tmb di Malagrotta.

Altri articoli di Politica

L’Union ha dato un po’ di speranza agli elettori della sinistra francese. Ma, come ha detto Mélenchon, il risultato è stato “abbastanza deludente”.

La Francia si polarizza. Il grande sconfitto è Macron. Ma non si può parlare di vittoria di Mélenchon. Intervista all’economista Emiliano Brancaccio.

Francia, sconfitta bruciante per il presidente appena rieletto. Ora per Macron inizia un percorso a ostacoli.