“Abbiamo salvato mille bambini”: podcast di Valerio Nicolosi

A Medyka, confine tra Polonia e Ucraina, incontriamo Julia, ex miss Ucraina e ambasciatrice UNICEF, che dall'inizio della guerra accompagna i minori lontano da Leopoli. Questo è il suo racconto.

Valerio Nicolosi

Siamo a confine di Medyka, piccolo comune rurale polacco del distretto di Przemyśtra. La frontiera che divide Polonia e Ucraina è a meno di due chilometri. Qui il flusso dei profughi è diminuito, mentre è aumentato quello di chi torna in Ucraina: chi torna dalla famiglia, chi si arruola nella legione straniera e chi è solo di passaggio per recuperare la figlia di alcuni amici che hanno deciso di combattere per difendere il proprio Paese.
Seguiamo Julia, ex miss Ucraina e ambasciatrice UNICEF, che dall’inizio della guerra accompagna i minori che scappano da Leopoli vero i Paesi europei, dove verranno inseriti nel sistema di accoglienza.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Visto l'ampio consenso che i paramilitari di estrema destra stanno raccogliendo, è utile ricordare chi sono veramente i "ragazzi" di Azov.

Altri articoli di Mondo

La Francia torna al voto per le legislative. Che possibilità ci sono per l’Unione delle sinistre di imporre a Macron una coabitazione con Mélenchon?

Alessia De Luca, analista dell’Ispi, spiega le ragioni che hanno condotto i due Paesi scandinavi a rompere una lunga tradizione di neutralità.

La criminalizzazione del dissenso è un’arma fondamentale con cui Putin sembra riuscire a rendere invisibili le proteste contro la guerra.