Con Bobbio, illuminati dal “lumicino della ragione”

Un saggio di Gaetano Pecora, appena edito da Donzelli, illustra il profondo laicismo del filosofo torinese, che riteneva molteplici le facce della verità e argomentava sull’etica a partire dalla pietra angolare della libertà di coscienza.

Rossella Guadagnini

“Il lumicino della ragione” è un’immagine a cui Norberto Bobbio teneva, ricorrendovi per spiegare il come e il perché del suo “convinto laicismo”, secondo la sua stessa definizione. La figura della piccola luce ripresa dal filosofo Locke, ben si addice infatti a illustrare un atteggiamento che trova riscontro nella concezione di uno Stato il quale, nel conflitto tra religione e ateismo, non prende posizione né per la credenza, né per la miscredenza.

E lascia così che ognuno segua i percorsi di una propria, autentica spiritualità. È questa una prospettiva che sarebbe assai valida nel caso di numerosi temi (bio)etici e sociali che tanto stanno surriscaldando il dibattito attuale: a volerne citare uno solo per tutti, ad esempio, c’è il fine vita: l’eutanasia è effettivamente un diritto oppure no?

Sarà una strada buona o cattiva quella presa dal singolo individuo, assecondando il suo sentire più alto? Non sappiamo – risponde Bobbio – sappiamo soltanto che è la sua strada. E tanto basta per chi “ritiene che la verità abbia molte facce e non vi sia alcun criterio oggettivo e assoluto per distinguere la verità dall’errore”. In questi casi, aggiunge il politologo torinese, “l’unico rimedio è l’incontro o lo scontro delle opinioni, dei giudizi, delle idee, vale a dire una situazione che non può attuarsi senza libertà”.

Parole anticipatrici che andrebbero tenute in maggior conto: ce ne gioveremmo soprattutto quando la consapevolezza del conflitto si attenua in direzione una superficialità pressocché assoluta, annegando poi del tutto nell’attacco gratuito e personale. Le sottolinea con grande chiarezza Gaetano Pecora, filosofo e docente di Storia delle dottrine politiche all’Università del Sannio e alla Luiss, che ha appena scritto un saggio intitolato appunto “Il lumicino della ragione”. Esce in questi giorni per i tipi di Donzelli e scruta con acribia ogni più riposta piega del laicismo di Bobbio.

A contare è soprattutto la libertà di coscienza, vera e propria pietra angolare di Bobbio, che è contro il relativismo etico. Perché a fare da diga ai richiami di una fede ‘obbediente’ ci sono le esigenze dettate da una volontà autonoma, quella del singolo. Mentre contro i privilegi del confessionalismo, ecco arrivare le ‘parificazioni’ dallo Stato laico (oggi purtroppo in numero sempre minore). Pur nei toni “conversevoli che testimoniavano la squisitezza dell’uomo, quello di Bobbio è un pensiero ‘contro’ – precisa Pecora – che perciò non sopporta contaminazioni spurie, né troppo elastiche interpretazioni”.

Scrive Pecora: “Guardate, eccolo lì: quell’uomo ha attraversato la strada; un attimo dopo viene travolto da un’auto in velocità e muore. Perché? Ecco – spiega Bobbio – non c’è domanda più puntualmente, più ostinatamente filosofica di questa: perché? Dove quel «perché», evidentemente, non equivale a chiedersi per quale principio, empiricamente verificabile, è avvenuto l’incidente, ma significa interrogarsi sul senso che l’incidente porta con sé (ammesso che ne porti uno in grembo). Ecco, la domanda delle domande, la domanda dei filosofi, è una tipica domanda di senso. Ma esiste un senso? E qual è? (…)

Ora, sia dinanzi al caso che dinanzi alla necessità il pensiero di Bobbio prendeva quella nota di malcontento che gli faceva dire: «il caso spiega troppo poco, la necessità troppo». Aveva ragione? Aveva torto? Non sappiamo”.

L’autore non rinuncia a segnalare talune incertezze e oscillazioni nelle convinzioni espresse da Bobbio, ma giunge un punto “in cui gli sviluppi dei suoi presupposti fanno scattare la molla di un’ultima risoluzione che afferma: questo sì, questo no”. In altre parole, la tale idea è compatibile e può entrare nei territori della laicità, la talaltra è invece incongrua e deve restarne fuori.

E qui viene da pensare non solo alla questione del laicismo in generale, quanto piuttosto a certe interpretazioni ed equiparazioni revisionistiche della storia che tanta destra al giorno d’oggi pratica assiduamente, ma anche ai ‘distinguo’ di cui si è persa traccia non solo nelle riflessioni degli intellettuali, ma pure nei comportamenti di buona parte dei politici di oggi.

Per cui, conclude Pecora, anche quando la ragione è ‘tremula’ – proprio come lo è la carne secondo la visione ironica e compassionevole offerta dal regista Almodovar – anche allora accende un cerchio di luce nel quale si vede ancora abbastanza bene. Quel tanto almeno da distinguere, separare e, se è il caso, contrapporre. Sono questi i meriti per i quali la lezione di Bobbio ha scavato un solco profondo nella memoria e ha tanto da insegnare, ancora oggi, a tutti noi. Che talvolta vediamo poco chiaramente perfino sotto la luce abbagliante del sole, figuriamoci cosa possiamo discernere nel crepuscolo delle idee.

 

(credit foto ARCHIVIO ANSA/DEF)



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Rossella Guadagnini

“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono”. Malcom X “Io credo che le donne si debbano giudicare per il merito. In questi giorni si è fatto un gran parlare, grandi polemiche sull’uso de ‘il presidente’ o ‘la presidente’, ma io non ho mai pensato che la grandezza...

L’8 ottobre la grande manifestazione a Londra per liberare il giornalista australiano.

Un carattere indomito, un’intelligenza limpida e acuta, un sapere consolidato, mai sfoggiato. Il ricordo di quanti le sono stati vicini in questi anni.

Altri articoli di Laicità o barbarie

La Cgil sta perdendo la sua laicità? L'udienza del 19 dicembre fra Bergoglio e migliaia di delegati causa sconcerto nel sindacato.

Il nazionalismo religioso sembra costituire la stella polare che Meloni intende seguire. Il suo discorso alla Camera è stato ricco di riferimenti cattolici.

Nei decenni si è cercato di relegare questa data nell’obsolescenza. Operazioni funzionali ai poteri reazionari cui la democrazia va stretta.