Il capitalismo italiano e l’euro

Il capitalismo italiano aveva davvero bisogno dell’euro? Il video del dibattito fra Lucio Baccaro, direttore dell’Istituto per la ricerca sociale Max Planck di Colonia, e Luigi Zingales, economista presso la University of Chicago Booth School of Business.

Lucio Baccaro / Luigi Zingales

In un saggio pubblicato sul numero 5/2021 di MicroMega, Lucio Baccaro e Massimo d’Antoni sostengono che la scelta dell’Italia di entrare nell’euro non fu oggetto di grandi discussioni, ma venne dai più (anche a sinistra) considerata un passo necessario per far maturare il capitalismo italiano affetto da tare antiche. Eppure secondo i due autori già con i parametri di allora si poteva prevedere che la perdita della leva monetaria avrebbe necessariamente condotto a politiche di austerità. Di quello snodo cruciale della storia italiana ed europea e delle conseguenze che quella scelta ha avuto, e continuerà ad avere, per il nostro Paese e per l’Europa Lucio Baccaro, direttore dell’Istituto per la ricerca sociale Max Planck di Colonia, discute con Luigi Zingales, economista presso la University of Chicago Booth School of Business.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Economia

Un’analisi che indica la centralizzazione dei capitali come uno dei fattori decisivi di squilibrio del sistema economico e politico internazionale.

Il report è stato presentato all’evento “La transizione ecologica: un’opportunità di sviluppo per l’Italia”.

Il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo di Joe Biden in cui il Presidente attacca le Big Tech. La lettera sembra preludere l’impegno di contrastare il potere delle aziende monopolistiche della Silicon Valley.