Il capitalismo italiano e l’euro

Il capitalismo italiano aveva davvero bisogno dell’euro? Il video del dibattito fra Lucio Baccaro, direttore dell’Istituto per la ricerca sociale Max Planck di Colonia, e Luigi Zingales, economista presso la University of Chicago Booth School of Business.

Lucio Baccaro / Luigi Zingales

In un saggio pubblicato sul numero 5/2021 di MicroMega, Lucio Baccaro e Massimo d’Antoni sostengono che la scelta dell’Italia di entrare nell’euro non fu oggetto di grandi discussioni, ma venne dai più (anche a sinistra) considerata un passo necessario per far maturare il capitalismo italiano affetto da tare antiche. Eppure secondo i due autori già con i parametri di allora si poteva prevedere che la perdita della leva monetaria avrebbe necessariamente condotto a politiche di austerità. Di quello snodo cruciale della storia italiana ed europea e delle conseguenze che quella scelta ha avuto, e continuerà ad avere, per il nostro Paese e per l’Europa Lucio Baccaro, direttore dell’Istituto per la ricerca sociale Max Planck di Colonia, discute con Luigi Zingales, economista presso la University of Chicago Booth School of Business.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Economia

Per gli economisti che egemonizzano oggi il discorso sulla scuola lo studente conta solo in relazione al profitto che sarà in grado di produrre.

Un link nell’articolo sul Financial Times firmato dai due leader rimanda a una proposta più particolareggiata su come riformare le regole europee.

Cosa succederà all’Italia quando la Bce porrà fine ai suoi programmi straordinari? Tra le élite finanziarie già si arriva a evocare la Troika.