Usb sotto attacco: “Gravissima provocazione dei carabinieri e del governo Draghi”

Commento al blitz nella sede dell'Unione sindacale di base, dove i carabinieri si sono recati per una perquisizione alla ricerca di armi.

Giorgio Cremaschi

Con la stupefacente motivazione di aver ricevuto una denuncia anonima, i carabinieri di Roma hanno proceduto ad una lunga e naturalmente infruttuosa perquisizione nella la sede nazionale del sindacato USB [QUI IL VIDEO]. I carabinieri erano alla ricerca di armi. Sì proprio così, questa è la motivazione che hanno offerto ai dirigenti sindacali presenti in sede, che sono passati dallo stupore assoluto alla indignazione totale.

È bene sapere che la USB ha deciso per il 22 aprile uno sciopero con manifestazione a Roma contro la guerra e per chiedere misure sociali immediate contro i danni della guerra. Per questo l’incredibile perquisizione non può essere spiegata e giustificata come l’atto particolarmente stupido di qualche militare.
Ciò che è avvenuto va spiegato dal clima e dalle scelte guerrafondaie del governo Draghi, sostenute da Giorgia Meloni. Un clima di aggressione intimidazione continua a tutte le forze e le persone che si oppongono al coinvolgimento italiano nella guerra e alle politiche economiche e sociali che ne derivano.
Proprio ieri una commissione del Senato ha deciso di togliere l’IVA dalla vendita delle armi e la senatrice Paola Nugnes che si opponeva è stata oggetto di insulti e intimidazioni. È il clima nefasto che si diffonde nel paese, alimentato da mass media degenerati in feroci propagandisti di guerra, un clima che ancora una volta dimostra che guerra e democrazia sono incompatibili.

Quella contro la USB è una intimidazione e provocazione reazionaria senza precedenti da denunciare e condannare . Solidarietà alla USB, fuori subito l’Italia dalla guerra e dal dominio dei guerrafondai, prima che sia troppo tardi.

AGGIORNAMENTO ORE 14.20. Il fatto è ancora più grave. Apprendo ora che i carabinieri hanno trovato un pistola nello scarico del water. Sono andati a colpo sicuro perché la segnalazione anonima indicava specificamente dove trovare l’arma. È evidente che la segnalazione è dell’autore stesso della provocazione, che assume contorni ancora più inquietanti.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Giorgio Cremaschi

Questa è una guerra mostruosa che nessuno può vincere. Il solo modo di fermarla è un compromesso di pace doloroso per tutte le parti.

Bisogna fare tutto il possibile per fermare l’escalation. L’esatto contrario di ciò che l’invio di armi all’Ucraina comporterebbe.

Altri articoli di Blog

"Con l’elmetto e con la mitraglietta / sta correndo con Gentiloni e Letta / per fare della Nato il segretario / di Stoltenberg ancor più temerario".

Il 26 aprile nella base Nato in Germania si sono incontrati i ministri della Difesa di 40 Paesi per un vertice straordinario sull’Ucraina.

Ciò che sta accadendo sull'aborto è l'ennesima dimostrazione dell’obsolescenza della costituzione americana.