“La morte ha vinto una volta, noi migliaia di volte”: Cecilia Strada ricorda papà Gino

Intervista a Cecilia Strada che da giorni si trova a bordo della ResQ: “Abbiamo salvato 165 persone. Essere qui e salvare vite è il modo migliore per salutare mio padre”.

Valerio Nicolosi

Quattro soccorsi in poche ore e 165 persone salvate, testimonianza di un respingimento dei libici e l’avvistamento di un barchino abbandonato con ancora oggetti dei migranti a bordo, probabilmente intercettato dalla cosiddetta Guardia Costiera libica e riportati a Tripoli. La nave ResQ dell’omonima ONG italiana nata lo scorso anno, ha completato la prima parte della sua prima missione. “Sono stati giorni lunghi e impegnativi e ora abbiamo 165 persone a bordo che abbiamo soccorso nei giorni scorsi, abbiamo bisogno di un porto sicuro” racconta da bordo Cecilia Strada, raggiunta da MicroMega per una video-intervista.

Nelle ultime settimane il Meditterraneo Centrale è stato lo scenario di soccorsi e respingimenti che hanno interessato migliaia di persone: come ogni anno, non appena le condizioni meteo lo permettono le persone tentano di fuggire dalla Libia e inizia il solito dibattito politico attorno a quella che viene chiamata “emergenza”.

“La vera emergenza oggi è essere a Kabul, Herat o nei centri di detenzione in Libia. Fin quando l’Europa continuerà a chiudersi nella sua fortezza mettendo i libici nel fossato al posto dei coccodrilli, la vera emergenza saranno i diritti umani” prosegue Cecilia Strada che aggiunge: “Mi ricordo una chiacchierata con mio padre a Khartoum, in Sudan, e mi disse che la morte alla fine vince sempre, ma una sola volta. Tutti gli altri giorni vinciamo noi e in queste ore noi abbiamo vinto 165 volte e abbiamo fatto quello che è giusto fare”.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il Tribunale ha revocato i licenziamenti dei lavoratori dell’azienda. Il collettivo di fabbrica: “Subito la legge contro le delocalizzazioni”.

L’Europa ha perso l’ennesima occasione per ripensare le sue politiche migratorie, rimpiazzando una prigione con un’altra prigione.

Nella stazione di polizia di Korenica la pratica della violenza e della tortura contro i migranti è divenuta prassi quotidiana.

Altri articoli di Politica

Il Tribunale ha revocato i licenziamenti dei lavoratori dell’azienda. Il collettivo di fabbrica: “Subito la legge contro le delocalizzazioni”.

Attorno alla lotta GKN sta nascendo una mobilitazione che unisce Alitalia a Whirlpool, la logistica alle scuole, il pubblico impiego all’industria.

Il voto di ottobre per Roma, Milano, Torino, Bologna, Napoli e altre città racconta tanto delle politiche che verranno. E della necessità di una diversa legge elettorale.