La chiesa e gli omosessuali: tra retorica, sofismi e ipocrisie

La Chiesa ammette la benedizione dei singoli omosessuali ma non le loro unioni. L’ex Sant’Uffizio è fermo al passato: vede i gay ancora come “anormali” e insiste - su più versanti - con schemi superati. Mentre i gay vengono picchiati nelle strade.

Angelo Cannatà

C’è stato un tempo in cui Pascal attaccava i gesuiti per il loro vuoto formalismo. È bene ricordarlo oggi ragionando della Chiesa Cattolica, dalla quale arrivano parole contrastanti sull’omosessualità: qui segnalo quelle della Congregazione per la Dottrina della Fede e il docufilm “Francesco” di Afineevsky, presentato al Festival del cinema di Roma (ottobre 2020).

Papa Francesco si è espresso più volte in favore degli omosessuali (“Chi sono io per giudicare un gay?”), nel docufilm è ancora più chiaro: “Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio. Ciò che dobbiamo creare è una legge di convivenza civile. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo”. Parole nette. Le più recenti però spiazzano, perché l’ex Sant’Uffizio, guidato dal gesuita Ladaria Ferrer, nega che la Chiesa possa “impartire la benedizione a unioni di persone dello stesso sesso”, e aggiunge che Papa Francesco condivide “e ha dato il suo assenso” al “responsum” della Congregazione.

La verità è che l’ex Sant’Uffizio rispolvera “ragioni” antiche e argomenti capziosi: “Poiché le benedizioni sono in relazione coi sacramenti”, le unioni gay sono illecite perché costituirebbero “un’imitazione o un rimando di analogia con la benedizione nuziale”. Già qui è chiaro il formalismo gesuita che, nei secoli, non ha certo fatto bene alla Chiesa. Ma c’è di più: infatti, la Congregazione per la Dottrina della Fede accetta che vengano impartite benedizioni alle persone con inclinazione omosessuale, “ma dichiara illecita ogni benedizione che tenda a riconoscere le loro unioni”.

Immagino l’ironia di Pascal oggi: la Chiesa dunque ammette la benedizione dei singoli omosessuali (e quindi comprende), ma non ammette le loro unioni (e quindi non comprende affatto) …ammette e non ammette… è come se un gay avesse la “grazia sufficiente” (Dio la dà a tutti) per salvarsi l’anima, ma non la “grazia efficace” se non la accoglie uniformandosi alla Chiesa che perdona il singolo ma non la coppia gay. Perfetto gesuitismo. Condito col manto di una formale misericordia che gioca (ancora) con la vecchia distinzione tra peccatore e peccato: e va da sé che solo il peccatore è perdonabile; mai il dubbio che certi “peccati” possano non essere tali.

Nessuna apertura da parte della Chiesa, ma distinguo sofistici che fanno solo male agli omosessuali. Dopo il pestaggio di un gay finito in ospedale, scrissi: “Sembra che un infermiere gli abbia detto: ‘Con una cura di ormoni puoi guarire’. È quest’idea, che l’omosessualità sia una malattia, a generare violenza. Ma dicono qualcosa di diverso i cattolici integralisti che arringano contro l’omosessualità?”. Urge rivedere le certezze “ideologico-religiose” che veicolano anatemi e ostracismi

La Chiesa dimentica spesso il suo messaggio centrale: “Ama il prossimo tuo come te stesso”. E allora: se da più parti arrivano segnali sbagliati, possiamo davvero prendercela con quei giovani balordi che da Reggio a Milano insultano e picchiano un gay? “Molti non lo sanno, ma è figlia della sensibilità gay gran parte della cultura mondiale: Foucault, Gide, Pasolini, Proust, Rimbaud, Shakespeare, Tasso, Platone, Garcìa Lorca, Wilde, Visconti, Verlaine… mi fermo qui. Bisogna ricordarlo ogni tanto. Con la speranza che la Chiesa esca dal medioevo”. Ecco, l’ex Sant’Uffizio è fermo al passato, vede i gay ancora come “anormali” e insiste – su più versanti – con schemi superati; mentre gli omosessuali vengono picchiati nelle strade.

Certo, la Chiesa poi assolve tutti: il gay che non ha fatto nulla di male, se non essere sé stesso; e l’aggressore perché anche lui è figlio di Dio. È ora di dire che tutto questo non va bene; di più: che si favoriscono i pestaggi dei gay continuando a ostracizzarli come coppia, a non riconoscergli dignità civile. La Chiesa ha una visione ristretta della famiglia e accetta l’omosessuale solo se nasconde la sua natura. Che ciò avvenga in nome di Dio – lo dico con rispetto – è solo un aggravante; Dio non può essere tirato in ballo sull’“omosessualità” (come su molti altri temi).

Dicono che l’omosessualità sia contro natura; lo affermano senza mai dimostrarlo: “In che senso sia contro natura non si è mai capito, e senza l’argomento-Dio non potrà mai essere sostenuto. (…) Cosa si può obiettare contro il matrimonio omosessuale, se si tiene ferma l’eguaglianza tra gli uomini e non si tira in ballo Dio?” (Paolo Flores d’Arcais, 2013). Ecco, non si può obiettare nulla. Lo sapeva bene “il divino Platone” che nel Simposio, capolavoro assoluto della letteratura mondiale, non mostra le gesuitiche preoccupazioni odierne. Ma il problema della Chiesa Cattolica (uno dei tanti) è che di Platone, di Aristotele e di Tommaso – per dirla con Severino – prende solo ciò che le fa comodo.

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Angelo Cannatà

Il “pensiero debole” ha nella politica di emancipazione il suo necessario destino. Lo si capisce bene leggendo l’opera omnia di Vattimo pubblicata da “La Nave di Teseo”.

Un libro di Pif e Marco Lillo racconta il caso delle sorelle Pilliu, mostrandoci fino a che punto sia difficile la lotta alla mafia.

A Verona un’alunna bendata per un’interrogazione. Cos’è diventata la nostra scuola se accadono cose simili? Servono interventi urgenti nella selezione dei docenti perché siano all’altezza del loro compito.

Altri articoli di Laicità

Pubblichiamo il video dell'incontro di venerdì 11 giugno all'interno della dodicesima edizione delle Giornate della laicità di Reggio Emilia.

Su MicroMega il documentario di Chiara Ercolani "Just a concession".