Cinzia Sciuto assume la condirezione di MicroMega

La giornalista siciliana codirigerà la rivista MicroMega a partire dal numero 6.2022 in uscita il 24 novembre. La lettera del direttore Flores d'Arcais.

Redazione di MicroMega

Ai redattori, dipendenti, collaboratori, abbonati, lettori, amici di MicroMega

Roma, 14 novembre 2022
Nei giorni scorsi ho proposto a Cinzia Sciuto, attualmente Redattore capo di MicroMega, di diventare Condirettore della rivista. Sono molto felice che Cinzia abbia accettato.
Cinzia lavora a MicroMega ormai da vent’anni (meno qualche mese), il tempo di una generazione. Di MicroMega è diventata ogni giorno di più la colonna e ne rappresenta certamente il futuro.
Tenevo perciò a informare in anticipo e personalmente tutti i redattori, dipendenti, collaboratori, abbonati, lettori, amici di MicroMega che dal prossimo numero (6/2022, in uscita il 24 novembre) Cinzia mi affiancherà nella direzione della rivista.
Con il vostro sostegno, sempre più necessario, ci sforzeremo di continuare a farne lo strumento di approfondimento teorico e impegno politico che MicroMega è da trentasei anni e mezzo, e che sempre più diventa imprescindibile per gli anni che ci attendono, di governo ex-neo-post-filo-para fascista, gli anni più bui della storia dell’Italia repubblicana.

Paolo Flores d’Arcais



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Redazione di MicroMega

Le analisi e le opinioni sulla crisi pubblicate su MicroMega. In taluni casi molto distanti dalla posizione del direttore Paolo Flores d'Arcais.

Tutti gli approfondimenti sui referendum del 12 giugno pubblicati su MicroMega.

Il 12 giugno si voterà per i referendum sulla giustizia. La posta in gioco dei cinque quesiti nei commenti di autorevoli esperti.

Altri articoli di Rubriche

In questa puntata: “The Emerald Duets” – Wadada Leo Smith / “World Record” – Neil Young / “Haydn Quartet” – Festetics Quartet.

Il manifesto degli intellettuali tedeschi per una mobilitazione solidale al fianco del popolo ucraino.

Dopo i feroci assassinii di Roma, manca qualcosa nell'analisi diffusa della compravendita del corpo femminile.