Come selezionare la classe politica e vivere felici

Mauro Barberis

Il tormentone della scelta dei candidati-sindaco nel Centrodestra, con riunioni convulse da cui escono nomi sconosciuti ai più – li citerei pure, se me li ricordassi – , solleva un interrogativo semiserio, alcuni sospetti cattivi e tre proposte serissime.

L’interrogativo semiserio è: ma come, il Centrodestra è dato dai sondaggi nazionali al quarantotto per cento, un passo dalla maggioranza assoluta, e non riesce a scegliere un candidato per città come Roma e Milano? Pare che davanti alla sfilata di sconosciuti più o meno “civici” e riciclati della politica nazionale, Vittorio Sgarbi, candidato assessore alla cultura a Roma, sia arrivato a proporre il generale Figliuolo. E meno male che nessuno l’ha preso sul serio, sennò ci toccava pure trovare un altro commissario per la pandemia.

Il sospetto cattivo è: la colpa non sarà proprio dei sondaggi? Voglio dire, il centrodestra imbaldanzito fa “pacchetto”, come dice Salvini, che tradotto in italiano vuol dire: una città a me e una a te. D’altro lato, e qui il sospetto s’incattivisce ancora, gli stessi sondaggi danno Fratelli d’Italia a un’incollatura dalla Lega, sicché tutto diventa una questione di leadership nel centrodestra. Si spiegherebbe così l’opposizione di Salvini al candidato della Meloni a Roma, dove FdI è più forte, cercando di trovargli degli scheletri nell’armadio.

Ma un sospetto ancor più cattivo è che la classe politica, specie del Centrodestra ma anche degli altri partiti, sia quella che è: sicché, sempre a Roma, fra un candidato tribuno radiofonico e una giudice minorile presenzialista televisiva, con tutto il rispetto delle rispettive categorie, non fa troppa differenza. Se così fosse il problema vero diverrebbe un altro, come diceva l’onorevole De Mita: la selezione della classe politica.

E qui il gioco si fa duro, e le proposte serissime. Scartato il modello piattaforma Rousseau, e anche le primarie, usate dal Centrosinistra giusto per far vincere qualcosa ai propri candidati, le proposte restano tre. La prima è già praticata: candidare figure della società civile emerse nelle rispettive professioni. È il metodo scelto dal centrosinistra durante il berlusconismo: la destra era maggioritaria ma la sinistra vinceva nelle città perché presentava candidati come Illy a Trieste. Nell’attuale rumore mediatico, però, come stabilire chi emerge e chi no?

Poi c’è il modello Ena, l’École Nationale d’Administration francese, da cui è uscito Macron e la metà dei presidenti francesi: una scuola per professionisti della politica, finalmente. Tanto professionisti, però, che lo stesso Macron, poverino, ha dovuto lavorare alla banca Rothschild, che lo pagava di più, e ultimamente ha riformato la stessa Ena, costringendo gli enarchi a farsi un giro per le amministrazioni locali prima di approdare ai vertici dello Stato.

E qui affiora la terza proposta, vecchia come gli antichi romani, gente più pratica dei romani attuali, ma riscoperta dai burocrati cinesi in forma di meritocrazia di partito: il cursus honorum. Si entra in politica dal basso, nelle amministrazioni locali, facendosi votare dai propri amministrati. Solo passando per questa strada più lunga e faticosa – ma, si spera, pagata in proporzione alle responsabilità, anche penali – si arriva finalmente ai vertici. Una sorta di selezione naturale darwiniana: se scampi agli scandali e ai giudici, diventi un politico vero. Prospettiva così poco allettante, però, da spiegare perché già oggi, a Roma, i candidati sindaco li cerchino con il lanternino.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Mauro Barberis

L'assalto della polizia cinese di Hong Kong nella redazione del giornale Apple Daily riporta l'attenzione sulle violazioni dei diritti umani.

Contro ogni previsione, Joe Biden ha detto e fatto più cose di sinistra, in pochi mesi, che i leader progressisti europei in decenni.

Il premier è davvero quel tecnocrate liberista che tutti temevano? Ad analizzare le sue uscite pubbliche, sembra proprio di no. Sembra, appunto.

Altri articoli di Blog

L'assalto della polizia cinese di Hong Kong nella redazione del giornale Apple Daily riporta l'attenzione sulle violazioni dei diritti umani.

Viene rilanciata la favola delle Democrazie che intensificano la loro cooperazione per contenere le Dittature (Russia e Cina), a difesa dei diritti e delle regole dello Stato di diritto.

Oggi la stampa padronale italiana, praticamente tutta, festeggia il ritorno in grande stile della NATO, finalmente in campo contro il nuovo nemico formalmente individuato: la Cina. Tra i più entusiasti si è subito proclamato Mario Draghi, manager di Goldman Sachs diventato anche per questo banchiere europeo e poi presidente del consiglio in Italia. Draghi ha...