Velo islamico: libertà o sottomissione?

Secondo appuntamento della serie "Controversie". Discussione tra Cinzia Sciuto, caporedattrice di MicroMega, e Marisa Iannucci, ricercatrice in scienze sociali.

Redazione

Il secondo appuntamento della serie “Controversie” vede protagoniste Cinzia Sciuto, caporedattrice di MicroMega e autrice di Non c’è fede che tenga. Manifesto laico contro il multiculturalismo (Feltrinelli), e Marisa Iannucci, ricercatrice in scienze sociali e autrice di Gender Jihād. Storia, testi e interpretazioni nei femminismi musulmani (Società Editrice «Il Ponte Vecchio») e Contro l’Isis. Qual è il significato del velo? È possibile “risignificarlo” fino a farne un segno di emancipazione? O rimane comunque un segno di sottomissione e segregazione delle donne incompatibile con la parità di genere e i princìpi fondamentali della democrazia?

 

Guarda anche:

Flores d’Arcais e S.E. Zuppi discutono di eutanasia: crimine o diritto civile?



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Redazione

Con contributi di Roberto Scarpinato, Ingrid Colanicchia, Gérard Biard, Marco D’Eramo, Nicolò Bellanca, Raffaele Carcano.

Federico Carboni, questo il suo nome, è il primo cittadino italiano ad accedere all'aiuto al suicidio.

L'annuncio dato dalla famiglia. La morte è avvenuta attraverso l'interruzione dei trattamenti di sostegno vitale e la sedazione profonda e continua.

Altri articoli di Cultura

«Rituals of Transition» di Misha Mengelberg / «Fuga in blues, per la libertà» / «Le quattro stagioni» di Antonio Vivaldi

Esplorazione filosofica del corpo come realtà ultima, l’ultimo film del geniale regista canadese ci immerge in un universo da incubo.

In questa puntata: "La lugubre gondola" di Tomas Tranströmer e "Nemico, amico, amante…" di Alice Munro