Velo islamico: libertà o sottomissione?

Secondo appuntamento della serie "Controversie". Discussione tra Cinzia Sciuto, caporedattrice di MicroMega, e Marisa Iannucci, ricercatrice in scienze sociali.

Redazione

Il secondo appuntamento della serie “Controversie” vede protagoniste Cinzia Sciuto, caporedattrice di MicroMega e autrice di Non c’è fede che tenga. Manifesto laico contro il multiculturalismo (Feltrinelli), e Marisa Iannucci, ricercatrice in scienze sociali e autrice di Gender Jihād. Storia, testi e interpretazioni nei femminismi musulmani (Società Editrice «Il Ponte Vecchio») e Contro l’Isis. Qual è il significato del velo? È possibile “risignificarlo” fino a farne un segno di emancipazione? O rimane comunque un segno di sottomissione e segregazione delle donne incompatibile con la parità di genere e i princìpi fondamentali della democrazia?

 

Guarda anche:

Flores d’Arcais e S.E. Zuppi discutono di eutanasia: crimine o diritto civile?



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Redazione

Con contributi di: Axel Honnet, Moni Ovadia, Maurizio Franco, Marco Trainito, Teresa Simeone, Stefano Piastra.

Scopri la newsletter esclusiva per abbonati di MicroMega, ogni settimana nelle vostre caselle di posta elettronica.

Le raccomandazioni del Network italiano Salute Globale.

Altri articoli di Cultura

Una riflessione sulla lingua a partire dall'incidente accaduto a Roma in occasione della cerimonia di intitolazione di una piazza a Carlo Azeglio Ciampi.

In “Aleksandra Kollontaj. Passione e rivoluzione di una bolscevica” di Annalina Ferrante la storia di una protagonista del movimento femminile.

L’orrore e la violenza del razzismo nell’America di metà Novecento nella serie tv “Them”.