Cosa fare durante i ponti lavorativi? 5 consigli

CONTENUTO SPONSORIZZATO - Le vacanze regalate dai ponti lavorativi spesso diventano un momento prezioso da dedicare alla famiglia, agli amici e alle scampagnate. In realtà ci sono diverse soluzioni per sfruttarle al massimo del loro potenziale, per certi versi anche inconsuete, ma estremamente efficaci.

Redazione

Le vacanze regalate dai ponti lavorativi spesso diventano un momento prezioso da dedicare alla famiglia, agli amici e alle scampagnate. In realtà ci sono diverse soluzioni per sfruttarle al massimo del loro potenziale, per certi versi anche inconsuete, ma estremamente efficaci. Vediamo dunque alcuni consigli utili su cosa fare durante i ponti lavorativi.

Approfittane per seguire un corso
I corsi e la formazione vengono spesso trascurati durante la settimana per mancanza di tempo. Tuttavia, grazie ai ponti lavorativi, si potrebbe approfittarne per imparare qualcosa di nuovo. Inoltre, molte volte abbiamo la possibilità di farlo anche da casa nostra, grazie a Internet. Non a caso, ci sono diverse piattaforme specializzate che consentono di iscriversi ai corsi di formazione online, così da aumentare il bagaglio delle proprie competenze.

Metti ordine e stabilisci i tuoi obiettivi
Le vacanze dei ponti lavorativi possono essere sfruttate anche per fare ordine e per fissare gli obiettivi per i prossimi mesi. Ciò significa fare un bilancio di quanto fatto finora e fissare nuovi traguardi da raggiungere per il futuro. Questo ti aiuterà a sfruttare al meglio il tuo tempo, e ad assicurarti di essere produttivo anche durante le vacanze. Si parla ad esempio di quei progetti che avresti voluto affrontare, ma senza mai trovare il tempo per farlo.

Stacca la spina da tutto e tutti
I ponti lavorativi, anche se sono pochi e brevi, possono essere un buon momento per staccare la spina e dedicarsi completamente a ciò che si ama. Vuol dire disconnettersi dal lavoro, dai social media e da tutto ciò che potrebbe impedirti di goderti appieno il tuo tempo libero. In altre parole, si tratta di prendersi una pausa
dalla frenesia e dall’agitazione, allontanandosi da tutto e da tutti, per dedicarsi al 100% a se stessi.

Regalati un weekend fuori con la famiglia
Ecco un consiglio classico, per certi versi banale, ma mai fuori moda. Quando si presenta l’occasione per un ponte lavorativo, è possibile staccarsi dal lavoro e dedicarsi alla propria famiglia, ad esempio godendosi un bel weekend fuori porta tutti insieme. Si tratta di un consiglio eccellente per chi ha dei bambini piccoli, ma è
perfetto anche per chi desidera ritagliarsi del tempo di qualità insieme al proprio partner.

Fare qualcosa per gli altri
Un periodo di vacanza, anche se breve, può essere un'occasione per fare qualcosa per gli altri. Ad esempio, puoi andare a trovare una persona anziana che vive da sola, aiutare un amico a svolgere dei lavori che non può fare da solo, o semplicemente offrire il tuo aiuto a chi ne ha bisogno. Da questo punto di vista, il
volontariato rappresenta un’ottima opportunità per sfruttare al meglio il tempo libero. Inoltre, aiutare gli altri fa bene anche a noi, visto che ci consente di sentirci bene con noi stessi.

In conclusione, oltre alle classiche vacanze, i ponti lavorativi offrono mille opportunità diverse per sfruttare il tempo che si ha a disposizione. Il segreto, ovviamente, è organizzarsi prima e sapere esattamente cosa fare durante i giorni di pausa.

 

CREDITI FOTO: Pexels via Canva



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Redazione

Con contributi di Pegah Tashakkori, Mariam Rawi, Marilisa D’Amico, Alessandra Testa, Cristina Laura Cecchini, Ilaria Boiano, Monica Lanfranco.

Il manifesto degli intellettuali tedeschi per una mobilitazione solidale al fianco del popolo ucraino.

Il video del confronto fra il direttore di MicroMega Paolo Flores d’Arcais e quello di Radio Popolare Alessandro Gilioli.

Altri articoli di Società

Dal lavoro della Commissione Femminicidio emerge una consegna chiara: mostrare la realtà della violenza sulle donne.

È tempo che donne e uomini siano uniti non solo nel condannare la violenza ma nel rifiutare il modello culturale che ne è all’origine.

Dopo i feroci assassinii di Roma, manca qualcosa nell'analisi diffusa della compravendita del corpo femminile.