Crimini di guerra in Sudan, la denuncia di Amnesty International

Amnesty ha diffuso un nuovo rapporto sui crimini di guerra commessi nel conflitto in Sudan tra le Forze di supporto rapido (Fsr) e le Forze armate sudanesi (Fas), che sta devastando lo stato. Il rapporto documenta massacri di civili a seguito di attacchi deliberati e indiscriminati portati a termine dalle parti in conflitto contro la popolazione civile e denuncia violenze sessuali contro donne e ragazze, attacchi mirati contro strutture civili, quali ospedali e chiese e vasti saccheggi.

Amnesty International Italia

Amnesty International ha diffuso un nuovo rapporto sui crimini di guerra commessi nel conflitto tra le Forze di supporto rapido (Fsr) e le Forze armate sudanesi (Fas), che sta devastando lo stato.
Il rapporto documenta massacri di civili a seguito di attacchi deliberati e indiscriminati portati a termine dalle parti in conflitto contro la popolazione civile e denuncia violenze sessuali contro donne e ragazze, attacchi mirati contro strutture civili, quali ospedali e chiese e vasti saccheggi.
Alcune di queste azioni – come gli attacchi contro i civili e quelli contro le strutture civili, lo stupro e altre forme di violenza sessuale e i saccheggi – costituiscono crimini di guerra. Il rapporto riguarda principalmente la capitale Khartoum e il Darfur occidentale.
“Ogni singolo giorno, mentre le Fsr e le Fas combattono per il controllo del territorio, la popolazione civile sudanese soffre orrori inimmaginabili”, ha dichiarato Agnès Callamard, segretaria generale di Amnesty International.

“I civili vengono uccisi all’interno delle loro abitazioni o mentre cercano disperatamente cibo, acqua e medicinali. Finiscono in mezzo al fuoco incrociato quando provano a fuggire e vengono intenzionalmente assassinati in attacchi mirati. Decine di donne e ragazze, alcune di soli 12 anni, sono state stuprate o sottoposte ad altre forme di violenza sessuale. Nessun luogo è sicuro”, ha sottolineato Callamard.
“La violenza dilagante nella regione del Darfur, dove le Fsr e le milizie loro alleate stanno portando morte e distruzione, fa venire in mente la campagna di terra bruciata dei decenni scorsi, in alcuni casi ad opera dei medesimi responsabili”, ha aggiunto Callamard.
“Le Fsr, le Fas e i gruppi armati affiliati alle une e alle altre, devono porre fine agli attacchi contro i civili e garantire percorsi sicuri in uscita per chi cerca salvezza. Occorrono misure urgenti per assicurare giustizia e riparazione per le vittime e le persone sopravvissute”, ha proseguito Callamard.

Dal 15 aprile 2023 le Fas (dirette dal capo del Consiglio supremo del Sudan, il generale Abdel Fattah al-Burhan) e le Fsr (un gruppo paramilitare guidato dal generale Mohamed Hamdan Dagalo, noto come Hemedti) si stanno scontrando per il controllo del Sudan.
Data la dimensione dei combattimenti e l’organizzazione delle due parti, ai sensi delle Convenzioni di Ginevra quello in corso è un conflitto armato non internazionale. Ai combattimenti, dunque, si applicano tanto il diritto internazionale umanitario, il cui scopo è proteggere i civili, quando il diritto internazionale dei diritti umani. Determinate violazioni delle loro norme costituiscono crimini di guerra, dei quali singoli soldati e comandanti possono essere chiamati a rispondere sul piano giudiziario.

Civili uccisi nel fuoco incrociato
Uomini, donne, bambine e bambini sono finiti nel fuoco incrociato di entrambe le parti che spesso hanno usato armi esplosive con effetti devastanti su vaste aree e lanciato frequenti attacchi contro zone densamente popolate.
I combattimenti a Kalakla, quartiere meridionale di Khartoum, sono iniziati il 20 aprile.
“Mia figlia e i miei figli sono usciti di corsa da casa all’inizio degli scontri. I miei due figli minori [Hassan e Ibrahim, di sei e otto anni] e mio nipote [Koko, di sette anni] erano troppo piccoli per correre velocemente. Non so chi personalmente li abbia uccisi. La guerra li ha uccisi”, ha dichiarato Kodi Abbas, un insegnante di 55 anni.

“Quella mattina ci siamo svegliati all’inferno. Si sentivano spari ed esplosioni ovunque, senza sosta. Ero preoccupato per mia figlia Ala’, che era andata a lavoro in ospedale. Poi è rientrata, ma pochi minuti dopo un proiettile è entrato dalla finestra del salotto, ha colpito mia moglie al volto e Ala’ al petto, uccidendola all’istante. Un solo proiettile ha distrutto la nostra famiglia nel giro di pochi secondi. Ala’ avrebbe dovuto essere al sicuro e invece la morte ci è entrata dentro casa”, ha raccontato Fawzi al-Mardi, padre di Ala’, dottoressa di 26 anni, uccisa il 15 aprile nel quartiere di Hay al-Manara a Omdurman.
Molti civili hanno riferito ad Amnesty International di essere rimasti feriti o che i loro parenti sono stati uccisi mentre cercavano riparo. Il 6 giugno, i dormitori femminili dell’Università di El Geneina, nel Darfur occidentale, sono stati raggiunti ripetutamente da colpi di mortaio. Sono rimaste ferite decine di persone che si erano rifugiate lì a causa dei combattimenti nei dintorni.

Uccisioni deliberate di civili
Numerosi civili sono stati deliberatamente uccisi e feriti in attacchi mirati che, secondo le persone sopravvissute e altri testimoni sono stati generalmente portati da termine dalle Fsr.
Il 13 maggio gli uomini delle Fsr sono entrati nel complesso della chiesa copta di Mar Girgis (San Giorgio), nel quartiere di Bahri a Khartoum. Hanno ucciso cinque religiosi e trafugato danaro e una croce d’oro.
Il 14 maggio, Adam Zakaria Is’haq, un medico e difensore dei diritti umani di 38 anni, è stato ucciso insieme a 13 pazienti nella clinica di emergenza Markaz Inqadh al-Tibbi, nel quartiere di Jamarik a El Geneina. Secondo due colleghi di Is’haq, gli assassini facevano parte di una milizia armata araba. Uno di loro lo ha ricordato così:
“Il dottor Adam curava persone malate in una piccola clinica dato che il principale ospedale di El Geneina era stato distrutto alla fine di aprile dalla stessa milizia armata e dalle Fsr. Gli hanno sparato al petto. Aveva una moglie e due figli di quattro e sei anni”.

Attacchi basati su motivi etnici nel Darfur occidentale
Via via che nel Darfur occidentale la tensione aumentava, molte persone di etnia masalit sono fuggite nel Ciad orientale e da lì hanno raccontato ad Amnesty International ciò di cui sono state testimoni.
La zona di El Geneina è stata attaccata pesantemente da milizie armate arabe appoggiate da combattenti delle Fsr.
Il 28 maggio gli scontri tra le Fsr, le milizie loro alleate e i gruppi armati masalit hanno interessato la città di Misterei, a sudovest di El Geneina. In un solo giorno sono state sepolte 58 persone. In una famiglia sono stati uccisi cinque fratelli.
“Sei uomini delle Fsr hanno fatto irruzione alle 8 di mattina nella nostra abitazione. Si sono diretti nella stanza in cui c’erano mio marito e i suoi quattro fratelli e li hanno uccisi. Poi sono entrati nella stanza in cui ero con i miei figli e altre 12 persone, tra donne e bambini. Ci hanno presi a bastonate e a scudisciate, ci hanno chiesto dove fossero le armi e ci hanno rubato i telefoni”, ha dichiarato Zeinab Ibrahim Abdelkarim, moglie di uno dei cinque fratelli, Al-Haj Mohamed Abu Bakr.
Il diritto internazionale vieta gli attacchi deliberati contro i civili così come gli attacchi che non fanno distinzione tra civili e combattenti e tra obiettivi civili e militari.

Violenza sessuale
Innumerevoli donne e ragazze, anche di soli 12 anni, sono state sottoposte a violenza sessuale, stupri compresi, da uomini delle parti in conflitto. Alcune di loro sono state trattenute per giorni in condizioni di schiavitù sessuale.
Nella maggior parte dei casi documentati dal rapporto di Amnesty International, i responsabili sono membri delle Fsr e delle milizie arabe loro alleate. Lo stupro, la schiavitù sessuale e altre forme di violenza sessuale durante un conflitto armato sono crimini di guerra.
Una donna di 25 anni di El Geneina ha raccontato che il 22 giugno tre miliziani arabi in abiti civili hanno fatto irruzione negli uffici dell’anagrafe, nel quartiere di al-Jamarik, dove lavorava, e l’hanno stuprata:
“Non c’è alcun luogo sicuro a El Geneina. Avevo lasciato casa perché c’erano sparatorie ovunque e questi criminali mi hanno stuprata. Ora temo di essere incinta. Non potrei sopportarlo”, ha dichiarato.
Ventiquattro donne e ragazze sono state rapite da membri delle Fsr e portate in un albergo, dove sono state trattenute per parecchi giorni in condizione di schiavitù sessuale. Molte di loro non hanno poi mai avuto accesso a cure mediche e a servizi di sostegno psicologico.
Numerose strutture sanitarie e umanitarie sono state danneggiate o distrutte in tutto il Sudan, privando la popolazione di cibo e medicinali e peggiorando una già grave situazione. La maggior parte dei casi di saccheggio chiama in causa membri delle Fsr. Gli attacchi intenzionali contro personale umanitario od obiettivi umanitari, così come quelli contro strutture mediche e sanitarie, sono crimini di guerra.

Raccomandazioni
Amnesty International sta sollecitando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad agire rapidamente per estendere all’intero Sudan l’embargo sulle armi attualmente vigente per il Darfur e ad assicurare che sia applicato.
“La comunità internazionale dovrebbe aumentare significativamente il sostegno umanitario. Gli stati confinanti dovrebbero garantire l’apertura dei confini ai civili sudanesi in cerca di salvezza. Gli stati che hanno una certa influenza sulle due parti in conflitto dovrebbero usarla per chiedere la fine delle violazioni dei diritti umani. Infine, il Consiglio Onu dei diritti umani dovrebbe dare seguito alle richieste dell’Autorità intergovernativa sullo sviluppo e istituire un meccanismo indipendente d’indagine e di accertamento delle responsabilità per monitorare la situazione e raccogliere e conservare prove delle violazioni dei diritti umani in Sudan”, ha concluso Callamard.

Metodologia
Ai fini della stesura del suo rapporto, Amnesty International ha intervistato 181 persone, in primo luogo nel Ciad orientale nel mese di giugno e poi attraverso collegamenti sicuri da remoto. L’organizzazione ha esaminato un’ampia quantità di materiali audiovisivi e immagini satellitari.
Il 21 giugno Amnesty International ha scritto alle Fas e alle Fsr per condividere le sue conclusioni e per chiedere informazioni su specifici casi documentati nel rapporto.
Le Fas e le Fsr hanno risposto, rispettivamente il 12 e il 14 luglio, dichiarando il rispetto del diritto internazionale e accusando l’altra parte di averlo violato. Le Fas hanno affermato di aver istituito un team col compito di assicurare che la scelta degli obiettivi da colpire riducesse al minimo i danni ai civili.
Le Fsr hanno negato le accuse di violenza sessuale e hanno dichiarato di aver costituito comitati col compito di esaminare tutte le denunce di cattiva condotta. Sempre le Fsr hanno negato ogni coinvolgimento in “ciò che è accaduto” nel Darfur occidentale, Misterei compreso, e che “la maggior parte” delle milizie arabe sono collegate alle Fas.
Testimonianze coerenti tra loro e altre prove hanno identificato le Fsr, a volte insieme alle milizie arabe armate, come responsabili di gravi violazioni dei diritti umani nel Darfur occidentale.

Abbonati a MicroMega

CREDITI FOTO Twitter | TRT World Now



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Amnesty International Italia

Nella notte tra il 25 e il 26 febbraio di un anno fa morivano 94 persone migranti nel naufragio della “Summer Love” a pochi metri dalla costa di Cutro.

Amnesty International pubblica una nuova ricerca che testimonia l’utilizzo delle leggi anti terrorismo a danno dei dissidenti nella Russia di Putin.

"Invitiamo tutti gli stati a riflettere sul fatto che la loro inazione non solo aggrava la tragedia di Gaza, ma li implica in essa".

Altri articoli di La parola a...

Apre i battenti il 29 febbraio il Milazzo Film Festival, la kermesse cinematografica che andrà avanti fino a domenica 3 marzo.

Organizzazioni russe e internazionali per la difesa dei diritti umani denunciano l'ingiusta condanna a due anni e sei mesi di reclusione per Oleg Orlov.

Nella notte tra il 25 e il 26 febbraio di un anno fa morivano 94 persone migranti nel naufragio della “Summer Love” a pochi metri dalla costa di Cutro.