Da nord a sud, insieme contro l’autonomia differenziata: manifestazione nazionale a Napoli

Pubblichiamo il testo dell'appello con il quale comitati e associazioni hanno promosso una manifestazione nazionale per sabato 16 marzo 2024 a Napoli, contro l'autonomia differenziata, il disegno di legge "spacca-Italia", ddl Calderoli, che dopo essere stato approvato al Senato è ora in discussione alla Camera. MicroMega ha aderito alla manifestazione.

Redazione

Da Nord a Sud insieme contro l’Autonomia Differenziata. Nun ce scassate ‘o Paese!
Fermiamo il DDL Calderoli – L’autonomia differenziata ci riguarda tutte e tutti.

Il disegno di legge che attua la cosiddetta “autonomia differenziata” dissolve l’unità giuridica, territoriale e culturale del Paese, conferendo alle Regioni poteri legislativi, gestionali ed amministrativi abnormi, tali da condizionare pesantemente la vita e i diritti di ognuna di noi, di ognuno di noi; rinunciando a realizzare l’uguaglianza prescritta dalla Costituzione e istituzionalizzando, invece, gli enormi divari economici e sociali esistenti tra le diverse realtà territoriali.

Senza consultarci, senza informarci, con un patto di potere scellerato, stanno portando a termine un progetto che ci renderà ancora più poveri e diseguali, cancellando tutto ciò che è pubblico, dalla scuola alla sanità, spezzettando infrastrutture, beni comuni e ambientali, contratti e condizioni di lavoro, cancellando la speranza di costruire un Paese finalmente degno dei principi costituzionali: una Repubblica Una e Indivisibile, unita e solidale.

Sabato 16 marzo saremo insieme, in piazza a Napoli, con chi lotta per il lavoro e con gli operai delle fabbriche avvelenate; con quanti hanno aperto vertenze ambientali legate all’ecocidio; con i precari, i disoccupati, i sottoccupati, gli studenti e le studentesse che subiscono repressione e censura.

Scenderemo in piazza per denunciare dissimmetrie e disservizi intollerabili e penalizzanti per tutti/e, per fermare l’emigrazione giovanile, per porre fine al lucrativo e avvilente “turismo” sanitario, per le aree interne dimenticate e depredate.

Dimostreremo che esiste un’Italia che non vuole privilegi: donne e uomini che non vogliono salvarsi da sole/i, ma chiedono scuole a tempo pieno da Sondrio a Siracusa, rispetto per i diritti delle bambine e dei bambini, ovunque siano nate/i; per le donne, cui è negata l’emancipazione piena; per chi è costretto a rinunciare alle cure e alla prevenzione. Eleveremo un ponte di pace contro il mostro sullo Stretto; lotteremo insieme perché l’hub energetico non si trasformi nell’ennesima servitù; insieme per il Mezzogiorno, cancellato dal testo della Costituzione dalla Riforma del Titolo V.

Saremo in piazza con le vertenze a difesa dei diritti di tutti e tutte, contro l’inganno dei Lep e del residuo fiscale, che premia i ricchi e penalizza e colpevolizza i poveri; contro la lusinga ingannevole con cui vengono allettati/e i cittadini e le cittadine del Nord, cui si promette benessere mentre si privatizzano persino i pronto soccorso, in una competizione assurda fra lavoratori e territori, Nord e Sud, grandi centri e piccoli comuni. Una competizione a perdere, che premia i potentati regionali e li rende permeabili al malaffare.

Rifiutiamo la logica dei diritti garantiti e differenti sulla base del certificato di residenza. Non barattiamo il benessere di pochi/e con la miseria di troppi/e.

Esigiamo diritti uguali e indivisibili, garantiti allo stesso modo su tutto il territorio della Repubblica, abbandonando la logica dell’essenzialità per assumere quella dell’uniformità. Impediamo che lotte e conquiste siano vanificate da un processo irreversibile. Un mondo come il nostro – fondato sull’alternativa tra diritti e profitto – non è quello in cui ci riconosciamo.

Fermiamoli qui ed ora! Dopo sarà troppo tardi; non si potrà più tornare indietro.

Da Napoli si alzi una voce sola: stop al disegno di legge Calderoli!

Ci appelliamo a chi siede in Parlamento, a sindaci e sindache, ai rappresentanti di tutte le istituzioni, ai movimenti sociali, alle associazioni e ai comitati, ai sindacati e ai partiti politici, agli uomini e alle donne del Sud che non piegano la testa, agli uomini e alle donne del Nord che credono ancora nell’uguaglianza e nella solidarietà, all’Italia che non si fa ingannare.

Appuntamento a Napoli, Sabato 16 marzo, ore 14.30, Piazza Garibaldi

Manifestazione di lotta, festa di popolo unito per dire NO alla disgregazione della Repubblica

per aderire, scrivere a: noaogniad@gmail.com

Evento FB: https://www.facebook.com/events/380020521447444?ref=newsfeed

 



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Redazione

MicroMega+ del 19 aprile con Michael Sappir, Hanno Hauenstein, Francesco Suman, Mario Barbati, Elisabetta Grande, Serena Celeste, Sara Rossi.

La Corte di Giustizia Federale tedesca ha condannato a 14 anni di prigione un membro dell’Isis per crimini contro l’umanità e crimini di guerra.

MicroMega+ del 12 aprile con Micol Meghnagi, Mosè Vernetti, Eszter Kováts, Fabio Bartoli, Roberto Rosano e Giovanni Fava.

Altri articoli di Politica

Dall'Msi ad Almirante, per Giorgia Meloni non sarà cosa facile dimostrare che nessun sentimento neonazista alberga nella sua anima.

“Dalla stessa parte mi troverai”, di Valentina Mira, stana il fascismo eterno della destra di governo mascherato dalle vesti istituzionali.

Antony Loewenstein racconta come le tecniche di controllo di massa che Israele sperimenta in Palestina siano un modello in tutto il mondo.