Dalla parte degli studenti, dalla parte della scuola

L’appello di un gruppo di insegnanti: “Esprimiamo piena e incondizionata solidarietà agli studenti che manifestano e vengono manganellati. Non c’è diritto allo studio in una scuola che trasforma gli studenti in manovalanza aziendale gratuita”.

Autori vari

Il 23 gennaio, a Roma, studenti e studentesse hanno levato la propria voce in piazza contro l’attuale assetto della scuola italiana, con particolare riferimento ai PCTO, gattopardesca mutazione dell’alternanza scuola-lavoro. L’episodio che ha motivato questa ennesima azione di protesta è la morte, proprio durante il PCTO, di Lorenzo, un ragazzo di 18 anni che frequentava un centro di formazione professionale. Tale centro aderisce al “sistema duale”, che assegna un ruolo strategico alle esperienze formative in azienda: per questo chi sa vedere solo una singola parte e non il complesso dei processi strutturali in corso si è affrettatto a fare dei distinguo rispetto ai PCTO operanti nelle scuole non direttamente professionalizzanti.

Gli studenti di Roma non sono d’accordo, e hanno deciso di scendere in piazza. Non per additare le irregolarità o le negligenze che avrebbero influito sull’incidente secondo alcune ricostruzioni, ma per ribadire la loro contrarietà all’alternanza scuola-lavoro, per qualunque studente e comunque la si voglia chiamare. Lo Stato li ha presi a manganellate.

Come lavoratori e lavoratrici della scuola, esprimiamo piena e incondizionata solidarietà agli studenti che manifestano e vengono caricati, che chiedono diritto allo studio e vengono manganellati.

La scuola italiana, in questo modo, continua a negare e calpestare nei fatti proprio quel diritto allo studio che dovrebbe essere la ragione della sua esistenza.

Non c’è diritto allo studio in una scuola che trasforma gli studenti in manovalanza aziendale gratuita e i docenti in esecutori di protocolli burocratici conformati a interessi altrettanto aziendali.

Non c’è diritto allo studio in una scuola che proclama il trionfo dell’interdisciplinarità facendo a pezzi i contenuti di ogni disciplina.

Non c’è diritto allo studio in una scuola che sbandiera l’avvento del “pensiero critico” e sostituisce le faticose conoscenze con le superficiali “competenze”: ottuso “saper fare” da analfabeti funzionali.

Non c’è diritto allo studio in una scuola che annuncia la fine del nozionismo e promuove i test a crocette.

Dopo due anni di pandemia, continuiamo a invocare invano il potenziamento e la ristrutturazione dell’edilizia scolastica, il potenziamento dei trasporti, l’istituzione di presidi sanitari nelle scuole, le assunzioni di personale docente e ATA che consentano di ridurre il numero di alunni per classe.

Tutte misure necessarie e richieste da ben prima della pandemia, ma che oggi, unite a una politica antipandemica organizzata con criterio, eviterebbero il disastro sanitario, didattico, psicologico e sociale dell’insensato apri-chiudi continuo e della catastrofica didattica a distanza.

Tutto ciò è negazione del diritto allo studio.
Per tutto ciò gli studenti scendono in piazza. Per tutto ciò ricevono le manganellate dello Stato. E la nostra solidarietà.

Per aderire: https://chng.it/HZN7jWXh

Primi firmatari:

  • Emiliano Manca, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Maria Bonaria Carboni, docente scuola primaria, Tertenia (NU)
  • Domenico Messinò, docente scuola secondaria di II grado, Catanzaro
  • Teresa Grillone, docente scuola secondaria di II grado, Lamezia Terme (CZ)
  • Carlo Di Bella, docente scuola secondaria di II grado, Carbonia (SU)
  • Alessandro Deiana, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Francesco Capuzzi, docente scuola secondaria di II grado, Iglesias (SU)
  • Alessandro Pellegrino, docente scuola secondaria di II grado, Soverato (CZ)
  • Antonio Marchese, docente scuola secondaria di II grado, Taverna (CZ)
  • Paolo Procopio, docente scuola secondaria di II grado, Soverato (CZ)
  • Maria teresa Allegretti, docente scuola secondaria di II grado, Capoterra (CA)
  • Fabrizio Agus, docente scuola secondaria di II grado, San Gavino Monreale (SU)
  • Maria Giovanna Piredda, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Maurizio Cocco, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Francesco Morittu, docente scuola secondaria di I grado, S. Andrea Frius (CA)
  • Michela Caria, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Basilio Littarru, docente scuola secondaria di I grado, Muravera (SU)
  • Laura Soro, docente scuola secondaria di II grado, Sassari
  • Daniela Flore, docente scuola secondaria di II grado, Sassari
  • Barbara Guardo, docente scuola secondaria di II grado, Carbonia (SU)
  • Margherita Pisano, docente scuola secondaria di I grado, Cagliari
  • Maria Luisa Meloni, educatrice asilo nido (sistema integrato 0-6), Cagliari
  • Mariella Setzu, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Barbara Sabatini, docente scuola primaria, Soleminis (SU)
  • Anna Carapi, docente scuola secondaria di II grado, Soverato (CZ)
  • Francesca Manca, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Leonardo Erriu, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Maria Barbara Guastella, docente scuola primaria e secondaria, Soverato (CZ)
  • Carla Naitza, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Letizia Fraschini, docente scuola secondaria di II grado, Olbia (SS)
  • Stefania Mascia, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Cinzia Asuni, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Giuseppe Drosi, docente scuola secondaria di I grado, Soverato (CZ)
  • Roberta Piras, docente scuola secondaria di I grado, Selargius (CA)
  • Maria Vittoria Papoff, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Anna Maria Pau, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Anna Masala, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Luciano Boris Smocovich, docente scuola secondaria di II grado, Selargius (CA)
  • Mauro Frigau, docente scuola secondaria di II grado, Cagliari
  • Luca De Simone, docente scuola secondaria di II grado, Torino
  • Lorenzo Imbimbo, docente scuola secondaria di I grado, Muravera (SU)

(credit foto ANSA)

“La Lupa”, nascita di un nuovo movimento studentesco



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Autori vari

La politica del governo Draghi non dà segni di discontinuità con una linea che non ha risolto ma anzi aggravato i problemi del paese.

I cittadini che vivono nella zona in stato di emergenza chiedono una soluzione urgente alla crisi umanitaria sul confine polacco-bielorusso.

Un gruppo di docenti: “La scuola deve tornare a essere principalmente un luogo di conoscenza e relazione umana”.

Altri articoli di Politica

È irrilevante se Hasib abbia commesso dei reati. Se le accuse contro gli agenti saranno confermate, sarà semplicemente vittima dell’arroganza del potere.

La novità elettorale del 2022 è lo sbarco della politica su questo ulteriore segmento del vasto mare dei social network.

Nei decenni si è cercato di relegare questa data nell’obsolescenza. Operazioni funzionali ai poteri reazionari cui la democrazia va stretta.