Ci rivediamo a settembre? L’interrogativo di ogni anno dei docenti precari

Filippo Poltronieri

Scenderanno in piazza il 6 maggio per rivendicare il diritto alla stabilizzazione. Sono le migliaia di precari, un terzo del corpo docente, che tengono in piedi il sistema scolastico. “Senza di noi la scuola si ferma”, dice Giulia Pezzella, docente delle scuole medie romane, una delle animatrici del Coordinamento Nazionale Precari della Scuola. I professori hanno avviato una forma di protesta che prevede una staffetta davanti ai luoghi più simbolici dell’istruzione in Italia.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Filippo Poltronieri

I migranti, a maggior ragione se irregolari, rischiano di restare esclusi dalla campagna vaccinale. Ne parliamo con i rappresentanti della comunità bengalese, di quella sudanese e con la FLAI CGIL di Latina.

Promossa da Radicali Italiani e altre associazioni, mira a informare le donne e a rendere più accessibile un diritto che rischia di restare solo su carta.

Che tempi per vedere il vaccino diffondersi in tutti i paesi del mondo? Come accelerare in Italia e in Europa e raggiungere l'immunità di gregge? Parla Giampiero Massolo, presidente di ISPI.

Altri articoli di Società

Un gruppo di docenti: “La scuola deve tornare a essere principalmente un luogo di conoscenza e relazione umana”.

Pubblichiamo i video dei due confronti andati in onda su La7, tra Cinzia Sciuto e l'Imam Izzedin Elzir a partire dal caso di Saman.

Il grande flop nella lotta all’emersione del lavoro nero. Le testimonianze dei lavoratori rimasti invisibili: “Non possiamo nemmeno vaccinarci”.