Ci rivediamo a settembre? L’interrogativo di ogni anno dei docenti precari

Filippo Poltronieri

Scenderanno in piazza il 6 maggio per rivendicare il diritto alla stabilizzazione. Sono le migliaia di precari, un terzo del corpo docente, che tengono in piedi il sistema scolastico. “Senza di noi la scuola si ferma”, dice Giulia Pezzella, docente delle scuole medie romane, una delle animatrici del Coordinamento Nazionale Precari della Scuola. I professori hanno avviato una forma di protesta che prevede una staffetta davanti ai luoghi più simbolici dell’istruzione in Italia.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Filippo Poltronieri

Nel Lazio ci sono oltre 40mila ettari di terreni agricoli pubblici abbandonati. Alcuni dei progetti di occupazione agricola, nati negli anni '70, portano ancora i loro frutti, con un uso del suolo meno intensivo e l'impiego di persone fragili.

Prosegue la lotta degli operatori di Anpal Servizi per la stabilizzazione dei 400 dipendenti. Perché in Italia ad aiutare i disoccupati a trovare lavoro sono i precari.

I lavoratori della logistica del sindacato Si Cobas sono scesi in piazza di fronte al Ministero dello sviluppo economico per protestare contro la chiusura dei magazzini di Piacenza decisa dalla multinazionale.

Altri articoli di Società

Risorse carenti, classi pollaio, il problema trasporti, le bugie di un ministro parolaio. La scuola pubblica è allo sbando.

L’anno scolastico inizia con un nuovo Protocollo di sicurezza sconcertante e nelle stesse condizioni drammatiche di un anno fa.

Il flop della mostra genovese e le contraddizioni del “tessuto della libertà”, un fenomeno di costume dalle molteplici sfaccettature.