Ci rivediamo a settembre? L’interrogativo di ogni anno dei docenti precari

Filippo Poltronieri

Scenderanno in piazza il 6 maggio per rivendicare il diritto alla stabilizzazione. Sono le migliaia di precari, un terzo del corpo docente, che tengono in piedi il sistema scolastico. “Senza di noi la scuola si ferma”, dice Giulia Pezzella, docente delle scuole medie romane, una delle animatrici del Coordinamento Nazionale Precari della Scuola. I professori hanno avviato una forma di protesta che prevede una staffetta davanti ai luoghi più simbolici dell’istruzione in Italia.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Filippo Poltronieri

La digitalizzazione della raccolta firme rischia di rendere troppo facilmente “attivabile” lo strumento referendario?

De Marzo: “Sconfiggere le disuguaglianze è fondamentale per prevenire la rinascita di qualsiasi forma di fascismo”.

Oltre cinquantamila persone hanno riempito piazza San Giovanni per chiedere al governo di sciogliere le forze politiche neofasciste, a partire da Forza Nuova. MicroMega ha raccolto le voci dei manifestanti.

Altri articoli di Società

Gli insulti ricevuti dalla casa editrice Settenove confermano l’urgenza di una seria educazione sessuale, per adulti e bambini.

Il presidente dell’Istituto Mario Negri di Milano stigmatizza la mancanza di una strategia per contrastare la pandemia in vista dell’autunno.

Zuppi ha espresso profondo cordoglio per l'ennesimo femminicidio. A quando però una discussione sulla profonda misoginia della Chiesa?