Draghi e i No-Pass

Se la tua libertà danneggia la mia, la tua non è libertà, ma arbitrio e sopraffazione. Viene il sospetto che i No-Vax antidraghiani siano draghiani a loro insaputa.

Michele Martelli

Dracone (in greco antico Δράκων, in latino: Draco) fu il primo legislatore dell’antica Atene, ma il suo codice penale (621 a.C.) rimase famoso per la sua eccessiva severità (istituì la pena di morte anche per piccoli reati). Ebbene, a torto è apparso draconiano il decreto sull’obbligo del green pass. Draconiano, ma almeno chiaro e inequivocabile, sarebbe stato semmai l’obbligo vaccinale generalizzato, invece del ricorso furbesco, ipocrita e caotico al green pass per tutti, senza neppure spiegarne le ragioni. Il principio ispiratore del decreto, a mio parere, è indiscutibile: difendere la salute pubblica, riducendo al minimo gli effetti più drammatici del contagio da Covid.

Problematica può apparire invece la sua estensione ai luoghi di lavoro e alle scuole, dove il diritto alla salute confligge col diritto al lavoro e col diritto allo studio. Perciò Draghi doveva spiegarne le motivazioni, e non imporlo zitto e mosca, ex auctoritate, come fosse ancora alla Bce. Il che ha provocato la reazione ribellistica e confusionaria dei No-Vax e No-Pass, i protestatari di fine settimana, che si dichiarano apolitici e apartitici, né di destra né di sinistra, ma si fanno forti del sostegno dell’estrema destra di Meloni-Salvini e marciano gomito a gomito persino con i mazzieri di Forza Nuova e Casa Pound, assistendo indifferenti all’assalto neosquadrista della Cgil e del Pronto Soccorso a Roma nel più nero dei loro sabati.

Ma, mi chiedo, in quale mondo vivono i No-Vax? Proviamo a riflettere su alcune loro parole d’ordine urlate nelle piazze. «Libertà libertà»: ma quale libertà, quella di contagiarsi e contagiare gli altri, come da più parti è già stato ripetuto fino alla noia? Se la tua libertà danneggia la mia, la tua non è libertà, ma arbitrio e sopraffazione. Non è questa la libertà individualistica, atomistica, asociale e antisociale dei poteri forti neoliberisti? Al contrario: senza la società non esiste individuo, così come nessuno è libero, se non siamo tutti liberi. Il neoliberismo celebra poi i suoi trionfi con le manifestazioni no-pass di frange di portuali, come quelli triestini. Siamo al «mondo rovesciato» di lavoratori che scioperano non per il salario, la sicurezza, le pensioni ecc., ma contro la carta verde, inaugurando una nuova lotta di classe: non più degli operai contro i capitalisti, ma quella ridicola dei No-Vax contro i Sì-Vax.

«No alla dittatura sanitaria». Ma la lotta alla pandemia è sì dittatura, ma contro il virus, la sua aggressività e il suo killeraggio, per garantire la vita, la salute, la libertà, l’attività, il lavoro, lo studio, il tempo libero dei cittadini: quest’ultima non è dittatura, ma democrazia, di cui la sanità è parte importante. Perché non si va in piazza a manifestare per il potenziamento del servizio sanitario pubblico e gratuito, ridotto in modo pietoso da trent’anni di tagli e privatizzazioni, e per cui il Pnnr di Draghi prevede uno stanziamento di fondi completamente inadeguati? O per la liberalizzazione dei brevetti farmaceutici? O per la vaccinazione di massa dei paesi poveri? Non farlo, significa ancora una volta accettare inconsapevolmente il dominio dei poteri neoliberisti, di cui Draghi è un pupillo. Viene il sospetto che i No-Vax antidraghiani siano draghiani a loro insaputa.

 

(credit foto ANSA/ANGELO CARCONI)



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Michele Martelli

Parlare di Ustica ma non delle ingerenze USA e NATO in Italia

La sacra saga tolkeniana di SoyGiorgia della Garbatella continua.

Meloni e melonisti governano con piglio deciso, anzi decisionistico, quasi pretendendo quei pieni poteri che alimentavano i sogni del Salvini.

Altri articoli di Politica

Il Pe approva una relazione contro la domanda di prestazioni sessuali ma non vincola gli Stati ad affrontare seriamente il fenomeno.

Per usare le parole di Pena-Ruiz, non si può rischiare che il diritto alla diversità sfoci nella diversità dei diritti.

I conservatori inglesi sono stati considerati un modello per una nuova destra italiana. Ma le differenze fra i due partiti rimangono sostanziali.