Draghi, tutto per i ricchi

Draghi ha solennemente affermato di voler ridurre la pressione fiscale, ma a lavoratori, pensionati e disoccupati non andrà nulla, anzi molti pagheranno di più.

Giorgio Cremaschi

Dalla conferenza stampa di Draghi e Franco, che ai mass media interessa solo per i giochi di palazzo post elettorali di Salvini e Letta, emerge con chiarezza che con la delega fiscale del governo:

– La cosiddetta riforma del catasto a costo zero prepara una politica per la casa ancora più a favore della grande proprietà immobiliare.
– Per profitti da capitale ci sarà una bassa flat tax, per ridurre la competizione coi paradisi fiscali hanno detto.
– Per il lavoro invece continuerà la tassazione progressiva, ma abbassando alcune aliquote, guarda caso quelle medio alte.

– Verrà eliminata l’IRAP come vuole Confindustria. Cioè  la tassa con cui le imprese finanziano la sanità pubblica, che quindi subirà altri tagli.
– Ci sarà l’aumento dell’IVA chiamato razionalizzazione, cioè crescerà il costo della vita per le famiglie.
– Ci sarà una valanga di tasse degli enti locali visto che lo stato ridurrà i finanziamenti per le loro spese.

Draghi ha solennemente affermato di voler ridurre la pressione fiscale, ma ai  lavoratori, ai pensionati ai disoccupati non andrà nulla, anzi molti pagheranno di più. Questo vuol dire che chi ha meno, finanzierà la riduzione delle tasse per chi ha di più. Draghi è un altro Robin Hood rovescia, che ruba ai poveri per donare ai ricchi e per questo continua l’acclamazione dei padroni per lui.
Perché fa tutto, proprio TUTTO PER I RICCHI.
PS: Franco ha ricordato che l’evasione fiscale è di 100 miliardi all’anno ma che il governo ha obiettivi credibili e realistici… cioè nulla.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Giorgio Cremaschi

L’indifferenza tra oppressi e oppressori diventa rassegnazione di massa, sottomissione allo slogan principale del potere: non ci sono alternative.

In assenza di una forte alternativa politica di sinistra la democrazia si riduce sempre più alla competizione tra diverse versioni dello stesso partito.

Il 16 ottobre CGILCISLUIL riusciranno a dire a Draghi che l’antifascismo fondato sulla libertà d’impresa aiuta i fascisti?

Altri articoli di Blog

La nostra fame di energia può giustificare i rischi radioattivi che il nucleare comporta?

L’indifferenza tra oppressi e oppressori diventa rassegnazione di massa, sottomissione allo slogan principale del potere: non ci sono alternative.

Odio, sofferenza, impotenza e rabbia. È il clima che emerge tra i giovani maschi tra i 14 e i 18 anni riguardo le relazioni tra i sessi.