Effetti perversi della riduzione dei parlamentari: come sono stati ridisegnati i collegi uninominali

Equilibri elettorali stabiliti da tempo immemorabile sono venuti meno. Si è allargato il divario tra elettori ‘di città’ ed elettori di periferia o ‘campagna’.

Michele Marchesiello

Gerrymandering’ è il termine inglese – da noi poco familiare –, che indica ogni metodo fraudolento per disegnare i confini dei collegi elettorali in un sistema maggioritario. ‘Inventore’ di questo metodo è stato il politico americano Elbridge Gerry, che da governatore del Massachusetts disegnò un collegio elettorale in modo da includervi gruppi di elettori a lui favorevoli ed escluderne gruppi a lui contrari. La forma del nuovo collegio era così tortuosa e irregolare dal farla somigliare a una salamandra. Da qui il termine ‘Gerry(sala) mandering’.

Questa pratica, largamente utilizzata negli Stati Uniti, ha dato luogo in quel Paese a importanti controversie a livello politico-costituzionale, e può ritenersi abbastanza specifica di quel sistema, caratterizzato da una estrema polarizzazione dei partiti politici e al fatto che il compito di disegnare quella così speciale geografia è in genere demandata direttamente al legislatore.

In Italia esiste una situazione diversa da entrambi i punti di vista: da un lato la frammentazione dei partiti politici, e dall’altro il fatto di affidare il disegno dei collegi a una commissione di esperti imparziali, a capo della quale è posto il presidente dell’ISTAT. Ciò non toglie che – nel nostro Paese – l’importanza decisiva di quell’operazione, al fine dell’assegnazione del seggio, sia stata nel tempo abbastanza trascurata, per ragioni socio-culturali ma soprattutto per l’interesse del sistema dei partiti a mantenere, sotto questo aspetto, un sostanziale ‘status quo’.

Il taglio al numero dei parlamentari e la crisi dei partiti tradizionali, ha cambiato le carte in tavola e reso necessario un allargamento dei collegi e una loro nuova configurazione. Collegi ritenuti tradizionalmente ‘sicuri’ non lo sono più. Equilibri elettorali stabiliti da tempo immemorabile sono venuti meno. Si è allargato il divario tra elettori ‘di città’ ed elettori di periferia o ‘campagna’. La creazione delle città metropolitane ha aggiunto un elemento nuovo e incalcolabile.

Esemplare è il ‘caso Modena’, riportato dalla stampa.

Il collegio di Modena – sino al 2018 di sicura fede di centro-sinistra – era composto dal capoluogo e altri tre comuni. Oggi, invece, è composto da Modena e da un’altra trentina di comuni, alcuni situati in aree rurali dell’Appennino, da tempo riserve del centro- destra.

Questo cambiamento andava affrontato sotto due aspetti: quello strettamente politico riguardante la scelta del candidato, e quello sociologico – più complicato ma fondamentale – riguardante la necessità di imparare a conoscere una nuova, composita, multiforme comunità di elettori.

Incurante delle due esigenze, a Modena, ma si sospetta anche altrove, il PD è andato incontro alla sconfitta del suo candidato ‘paracadutato’ in un collegio ritenuto sicuro e superato da una candidata di FdI, sconosciuta a livello nazionale ma radicata nel territorio.

Più in generale – e questo vale per l’Italia come per gli Stati Uniti (Trump insegna ) – i partiti cosiddetti democratici non sembrano capaci di tenere nel giusto conto la spaccatura in atto tra la cultura e gli orientamenti politici dei centri urbani medio-grandi (le ‘ZTL’) , e quelli delle realtà periferiche o di campagna, dove prevalgono – in sintonia con le tendenze populiste – orientamenti di destra.

Un discorso analogo deve farsi, da noi, per le città ‘metropolitane’, crogiuolo spesso non riuscito di condizioni di vita, culture, rabbie e insofferenze diverse e tra loro contrastanti, che aspettano di essere capite e – per quanto possibile – conciliate tra loro.

Cosa che i partiti cosiddetti di sinistra non sembrano al momento in grado di fare.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Michele Marchesiello

Il carabiniere che dichiara a Franca Caffa di non riconoscere il Presidente Mattarella non è un avvenimento da prendere sotto gamba.

Il governo Meloni sta facendo di tutto per accentrare progressivamente il potere politico nelle mani di pochi eletti. Dalla gestione dei fondi del PNRR, alla votazione diretta del Presidente, la presunta volontà popolare rivendicata dalla Premier sarebbe quella di delegare a poche donne e uomini forti il destino della democrazia italiana.

“Separazione dei poteri e giustizia digitale” ci riguarda tutti per via dell'’incombere minaccioso della prospettata riforma costituzionale.

Altri articoli di Politica

Con la morte di Aleksej Naval'nyj muore anche l’idea di una Russia diversa da quella di Putin, spiega il presidente di Memorial Italia.

Il caso Assange volge a risoluzione? l'Alta Corte di Giustizia britannica è chiamata a decidere sull'istanza di appello contro l'estradizione negli Usa.

Il mondo della cultura è in ginocchio e sottoposto a un modello di sviluppo urbano che punto tutto solo sul turismo.