Non tutto è perduto. Andiamo a votare!

Non si vota per il governo ma per il parlamento. Non conta dunque solo chi vince e chi perde ma anche quanto forti saranno le opposizioni.

Cinzia Sciuto

Diciamoci la verità, in questa campagna elettorale ci siamo tutti fatti prendere dalla rassegnazione e dalla frustrazione. Incomprensibili scelte dei leader dei partiti di centro-sinistra hanno indotto molti di noi a pensare che non valesse neanche la pena andare a votare, tanto la vittoria del centro-destra è certa. Si tratta però della classica profezia che si autoavvera: più siamo convinti di “perdere” più siamo tentati dal non voto e più la sconfitta è certa.

Questa, quindi, sarebbe già un’ottima motivazione per andare a votare: non è affatto vero che i giochi sono fatti, e occorre fare dunque di tutto affinché la profezia non si autoavveri o almeno non nelle proporzioni in cui si annuncia.

Ma c’è un’altra considerazione che deve spingerci ad andare ai seggi domenica. Noi non viviamo – ancora – in un regime in cui chi vince ottiene un potere assoluto e gli altri stanno a guardare per quattro anni. Nonostante la legge elettorale faccia di tutto per farci pensare il contrario, noi domenica noi non votiamo per il futuro governo ma per il nuovo parlamento e ogni spostamento di anche piccole percentuali può sfociare in configurazioni parlamentari non prevedibili. Con la storia della governabilità ci hanno quasi fatto dimenticare che noi viviamo in una repubblica parlamentare dove non conta solo chi vince, ma anche quanto forti sono le forze di opposizione in parlamento.

E non è una magra consolazione: un’opposizione forte, che possa contare anche sul sostegno della popolazione nelle piazze, potrebbe fare la differenza. Per esempio, per impedire che venga stravolta la Costituzione repubblicana o per vigilare con grandissima attenzione sui tentativi di limitare alcuni diritti, a partire da quello all’aborto.

È dunque dovere democratico andare a votare. Un voto che non sarà di pura testimonianza ma già anche di lotta.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Cinzia Sciuto

Sono almeno tre le questioni sollevate dal caso dell’anarchico al 41 bis che meritano di essere tenute distinte.

Le reazioni di Giuseppe Cimarosa, parente del boss e figlio di un collaboratore di giustizia, all’arresto del latitante.

L’arresto del boss mafioso significa la liberazione di una terra da un giogo soffocante.

Altri articoli di Politica

Il costituzionalista Gaetano Azzariti spiega a MicroMega il perché l'autonomia differenziata può portare conseguenze devastanti per l’Italia.

B. dice: «La riforma della giustizia è per i magistrati corretti, che sono la maggioranza». Un vero cambio di registro. Ma la memoria racconta altro.

‘Tenere’ una classe di venti persone è un obiettivo possibile. ‘Tenerne’ una di trenta persone è un incubo che a noi insegnati toglie il sonno.