Elezioni anticipate, tutte le analisi e le opinioni pubblicate su MicroMega

Tutte le analisi e le opinioni in vista delle elezioni politiche antipate del 25 settembre 2022 pubblicate su MicroMega.

Redazione

Le opinioni sulle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 scaturite dall’ennesima crisi di governo sono tante e spesso diverse tra loro. Qui riepiloghiamo quelle pubblicate sul nostro sito a partire dal primo editoriale del direttore Paolo Flores d’Arcais.

L’ex-neo-post-filo-para fascismo prossimo venturo e i democratici schizzinosi | di PAOLO FLORES D’ARCAIS
Il centenario della Marcia su Roma potrebbe essere celebrato da un governo che da quella storia trae le sue origini. Per questo, alle prossime elezioni, saremo chiamati a votare non per una forza politica, ma “per la Costituzione”.

Insistere, insistere, insistere | di PAOLO FLORES D’ARCAIS
Per fermare le destre l’accordo tra Letta e Conte per l’uninominale è più che mai necessario dopo il voltafaccia di Calenda.

Dagli attacchi alla Cgil a quelli ai diritti civili: cosa si sta apparecchiando | di MARIA CONCETTA TRINGALI
È possibile che si stia preparando qualcosa di analogo a quello che è accaduto nel Ventennio? L’idea che dopo il 25 settembre Meloni e i suoi possano sedere da maggioranza schiacciante in Parlamento è scenario con il quale cominciare a fare i conti.

La prima premier | di MONICA LANFRANCO
“Almeno Giorgia Meloni è donna”? Niente di più sbagliato. Soprattutto per chi negli ultimi decenni si è impegnato perché una donna rappresentasse le più alte cariche istituzionali.

Norma Rangeri: a sinistra, dobbiamo ingoiare il rospo (bello grosso) Letta-Calenda | intervista a NORMA RANGERI
Quelle che abbiamo davanti, per la direttrice del “manifesto”, sono le elezioni più importanti degli ultimi decenni perché il trio Meloni-Salvini-Berlusconi è una tragedia per il Paese e per la Costituzione della Repubblica.

Un appello unitario per salvare l’Italia dall’intenzione delle destre di stracciare la Costituzione | di PAOLO FLORES D’ARCAIS
Proviamo a impedire fino all’ultimo istante che lo scellerato egoismo narcisista e autolesionista dei dirigenti delle non destre propizi un catastrofico naufragio elettorale.

“I partiti che si presentano alle elezioni sottoscrivano una clausola antifascista” | intervista a PAOLO BERIZZI
La proposta del giornalista Paolo Berizzi: “Così vediamo chi e cosa resta. Perché quelle del 25 settembre sono le elezioni più importanti dal ’48 a oggi. In ballo c’è la tutela della Costituzione italiana”.

Dopo l’accordo Letta-Calenda: perché la destra non stravinca | di MAURO BARBERIS
Un accordo “indispensabile” perché il centrosinistra possa giocarsi la partita elettorale con la destra. E non solo per una questione di collegi.

“Chiarezza, alternative, radicalità: solo così la sinistra potrà contrastare le destre” | Intervista ad ANDREA MORNIROLI
Il co-coordinatore del Forum Disugaglianze Diversità: “Niente strani contenitori, l’unica strada è recuperare fino in fondo la dimensione politica del proprio fare civile”.

Perché le destre non stravincano: “Coalizione d’emergenza” senza preclusione | Intervista a GUSTAVO ZAGREBELSKY
Per l’ex presidente della Consulta il pericolo è che si metta mano alla Costituzione, in particolare al sistema parlamentare.

In difesa del Reddito di cittadinanza | Intervista a CHIARA SARACENO
Al centro della campagna elettorale, e già da tempo nel mirino del centrodestra e di parte del centrosinistra, la misura è stata in realtà la salvezza per milioni di italiani. Eppure è raccontata come la causa di ogni male della nostra economia.

La “Marcia sull’Italia” di Meloni e Salvini | Intervista a ERIC GOBETTI
Il centenario della Marcia su Roma potrebbe cadere nel periodo della nascita di un governo “verdenero”. “Questo il risultato di anni di politiche giustificative del modello politico fascista”.

Le elezioni non garantiscono la governabilità | di FABIO ARMAO
In un paese in cui si sono succeduti, nell’età repubblicana, 67 governi in 76 anni è evidente l’esistenza di un problema strutturale.

Una crisi sbagliata a vantaggio delle destre putiniane | di PANCHO PARDI
I 5 Stelle, dopo aver imposto il taglio dei parlamentari che li ridurrà al lumicino, hanno aperto la crisi ma non ne hanno gestito lo sviluppo e hanno lasciato alla Lega la libertà di rientrare trionfalmente sulla scena, sostenuta da Berlusconi che così ha potuto compiere il suo ultimo danno al paese.

Il dopo Draghi | di MARIO BARBATI
Adesso che il governo è caduto, è il momento che chiunque abbia progetti e idee alternative all’agenda Draghi e alla destra si faccia avanti. Il programma politico è semplice: attuare la Costituzione repubblicana.

5Stelle, Pd e l’antifascismo che manca | di DANIELE NALBONE
Se il prossimo governo sarà guidato da un partito che nel suo simbolo ha la fiamma tricolore è colpa di chi ha sdoganato l’estrema destra al governo.

Chi ha scritto il discorso di Mario Draghi al Senato? | di FLAVIO DE BERNARDINIS
Breve analisi delle strategie comunicative del discorso politico contemporaneo.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Redazione

In ricordo di Piero Angela, scomparso il 13 agosto, ripubblichiamo una sua conversazione con Telmo Pievani apparsa su MicroMega.

Salman Rushdie, oggetto di una fatwa nel 1989 per il suo libro "I versi satanici", è stato aggredito durante un evento nello Stato di New York.

Con contributi di Vito Mancuso, Cinzia Sciuto, Sofia Belardinelli, Gianfranco Bettin, Theresa Reinold, Giovanni Carbone, Federica D’Alessio.

Altri articoli di Politica

Una riflessione sulla congenita inettitudine della destra – da quella conservatrice a quella reazionaria – a promuovere un pensiero propositivo.

La crisi di governo italiana è un esempio della crescente inadeguatezza delle istituzioni statali ad affrontare le sfide del nuovo millennio.

Carl Rhodes esplora come l'abbraccio calcolato della giustizia sociale da parte del mondo aziendale rappresenti una minaccia per la società.