Sul popolo senza rappresentanza

La bassa partecipazione al voto non deve far credere che con un nuovo partito la sinistra possa di nuovo tornare ad essere scelta. Il motivo è elementare: i grandi corpi sociali non esistono più.

Pancho Pardi

La bassissima partecipazione al voto (34% circa) e la rinuncia da parte di circa il 66% degli aventi diritto hanno indotto molti commentatori a considerare la massa dei non votanti come un popolo, un tutto unico. Su questo fondamento si sono sentiti appelli a costituire il partito dei non votanti, come inizio di ribellione verso la minoranza che ha sequestrato a proprio vantaggio la rappresentanza politica. Si può arrivare a capire la disperazione che genera queste fantasie ma è difficile accettarne la validità. La massa dei non votanti è enorme ma le ragioni che l’hanno prodotta sono tutt’altro che omogenee. La massa dei votanti è più larga della platea necessaria per un sondaggio d’opinione: se ne può quindi trarre la conclusione che se il restante 66% degli aventi diritto avesse votato grosso modo il risultato sarebbe stato simile. Per noi che abbiamo perso è sconsolante ma è molto più costruttivo considerare la cosa con realismo piuttosto che fondare la ricostruzione totale della nostra politica sulla base del sogno di un’enorme maggioranza che aspetta solo un nuovo partito risolutivo.

Questa maggioranza omogenea non esiste e non può esistere, e del nuovo partito non si vede nemmeno la prima cellula generatrice. Il motivo è elementare: i grandi corpi sociali non esistono più. Le classi sono state scomposte e rimescolate da un’economia che si fonda sulla conflittualità interna al mercato del lavoro, dove ogni soggetto è costretto a stare in competizione con i propri simili. In queste condizioni la protezione sindacale è difficilissima e la rappresentanza politica poco meno. La frantumazione del centrosinistra ne è a suo modo specchio fedele: nemmeno sulla base della propria legge elettorale ha saputo schierare unite le proprie componenti mentre il centrodestra utilizzava la legge degli avversari con la massima disinvoltura. E’ davvero curiosa l’autodifesa degli sconfitti: nemmeno l’unità avrebbe scongiurato la sconfitta. E quindi? Con una sorprendente giravolta ci viene detto che, al prossimo turno, invece che alla somma delle parti la vittoria sarà affidata alla vocazione maggioritaria di ognuna di loro. Quindi anche la prossima volta la coalizione sarà impossibile? Auguri.

Chi ha voglia di far qualcosa è in grave imbarazzo. L’unione degli interessi sociali spezzettati appare lontanissima. Ma i tempi della politica sono molto più impellenti. Cinque anni sono troppo brevi per la costruzione di un nuovo blocco sociale. Ci si può sperare ma è difficile crederci. Ma non si può arrivare alle prossime elezioni senza un nuovo blocco elettorale. Quindi l’inventiva politica deve ingannare e superare l’ostilità reciproca degli interessi. La costruzione di una vera nuova sinistra è auspicabile ma non risolve il problema. Del resto è almeno dal Social Forum del 2002 che se ne parla e i tentativi sono tutti naufragati in prospettive marginali e minoritarie. L’imperativo categorico è costruire una coalizione ma lo si può fare solo se i protagonisti attuali, responsabili della sconfitta recente, saranno sostituiti da forze giovani, magari inesperte ma non segnate dai vizi d’origine. Gli interessi sociali saranno ancora separati e in conflitto ma va messa alla prova la capacità politica di stimolare le menti invece dei portafogli.

Foto Canva | Gloria Sonda



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Pancho Pardi

Sergei Khadzhikurbanov non dovrà scontare la condanna di 20 anni di carcere avendo combattuto in Ucraina da detenuto arruolato.

Una risposta all'articolo “Guerra: perché le parole di Mattarella sono gravi” di Raniero La Valle.

La sinistra continua inutilmente a scavare nel passato per trovare responsabilità di altri della guerra che Putin ha portato in Ucraina.

Altri articoli di Blog

Mattarella di ritorno a Trieste per continuare un percorso di pace è insediato dalla destra populista e dal presidenzialismo meloniano.

Sarebbe assai interessante sapere le motivazioni che hanno portato, nei giorni scorsi, la commissione preposta dal Comune di Milano per valutare la collocazione di opere d’arte nello spazio cittadino a negare l’esposizione in una pubblica piazza della statua donata dalle eredi della scultrice Vera Omodeo, morta lo scorso anno. La statua, che rappresenta una  donna...

Il lavoro di Teresa Antignani è un connubio tra arte e resistenza, che prende forma con il racconto degli scempi e dei conflitti ambientali.