Negri: “Perché la Turchia di Erdogan fa comodo all’Occidente”

Alberto Negri, giornalista esperto di Medio Oriente, spiega a MicroMega l’ambiguo ruolo della Turchia di Erdogan nello scacchiere internazionale.

Valerio Nicolosi

Dal 2003 Recep Tayyip Erdoğan è al centro della politica turca, prima attraverso la carica di Primo ministro e dal 2014 come Presidente della Repubblica. Politico dai molti volti, ha cambiato spesso le sue posizioni, soprattutto in politica estera, dove sembra utilizzare uno scacchiere a geometria variabile in base alle convenienze.

Presidente di un paese membro NATO, capo della Fratellanza Musulmana, in passato alleato di Israele e ora acerrimo nemico dello stato ebraico, avversario di Putin in Siria e in Libia ma comunque con un canale diplomatico aperto con il Cremlino.

Di questo ruolo ambiguo ne abbiamo parlato con Alberto Negri, giornalista che negli ultimi decenni ha raccontato le guerre e la geopolitica del Medio Oriente.

“Molti dicono che il colpo di stato del 2016 Erdogan se lo sia fatto da solo ma non è così, però il fatto che sia fallito gli ha permesso di fare pulizia dei gulenisti e dei militari vicini alla NATO” racconta Negri che sulla politica estera aggiunge: “Oggi vediamo solo l’espansionismo turco ma dimentichiamo che la Turchia ha fermato l’avanzata della Russia in Medio Oriente, cosa che ha fatto comodo all’Occidente tanto da non dire nulla sul passaggio di migliaia di jihadisti dalla Turchia verso la Siria”.

Un ruolo centrale quello della Turchia non solo nel Mediterraneo Orientale ma in tutta l’area, anche grazie all’accordo del 2016 che l’Unione Europea ha firmato proprio con Erdogan, con il finanziamento di 6 miliardi di euro per fermare la rotta migratoria verso la Grecia e i Balcani.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

L’Europa ha perso l’ennesima occasione per ripensare le sue politiche migratorie, rimpiazzando una prigione con un’altra prigione.

Nella stazione di polizia di Korenica la pratica della violenza e della tortura contro i migranti è divenuta prassi quotidiana.

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”.

Altri articoli di Mondo

Quel che rende gli Stati uniti così peculiari è che più guerre perdono, più accrescono e rafforzano la loro presa sul mondo.

La catastrofe sanitaria in cui ci troviamo è il frutto della criminale incapacità dei governi di cooperare sul terreno della salute.

La strada per combattere fame, povertà, disuguaglianze parte dai Paesi più poveri. Il bilancio di “The Last 20” che ha fatto tappa a Roma.