Di esorcismo si muore

In California una bambina di soli tre anni è morta soffocata durante un rito per “scacciare il maligno” in una chiesa pentecostale.

Cinzia Sciuto

Morire per asfissia durante un rito di esorcismo a soli tre anni. È accaduto in una chiesa pentecostale a San José, in California, lo scorso 24 settembre ma la notizia si è diffusa solo nelle scorse settimane quando le autorità hanno arrestato la madre, uno zio e un nonno della piccola Arely Doe, tutti e tre accusati degli abusi che hanno condotto alla sua morte.

Secondo la ricostruzione del quotidiano The Merkury News, i leader religiosi della chiesa hanno confermato di aver eseguito sulla bambina un rito per “liberarla dagli spiriti maligni”, ma hanno affermato che ciò che è accaduto era “la volontà di Dio”, non la conseguenza di un esorcismo. Le parole sono di Rene Huezo, pastore della Iglesia Apostoles y Profetas nonché nonno della vittima, sentito dal quotidiano pochi giorni prima di essere arrestato.

Le autorità hanno dichiarato che la mamma, lo zio e il nonno stavano tentando di indurre la bambina a vomitare per espellere quello che credevano fosse uno “spirito maligno” che la possedeva. Stando alle dichiarazioni della polizia, riferite dal New York Times, la notte del 23 settembre Arely si è svegliata ripetutamente, urlando e piangendo. La madre, convinta che la figlia fosse posseduta da un demone, verso le 6:30 del mattino insieme al fratello l’ha portata nella chiesa guidata dal nonno della piccola. Qui, nel tentativo di indurle il vomito che avrebbe scacciato lo spirito maligno, i tre avrebbero a turno stretto il collo della piccola Arely mentre gli altri due la tenevano ferma, finendo per soffocarla.

Dall’autopsia è anche emerso che la bambina era a digiuno da circa 20 ore ed era quasi disidratata. L’esame ha rilevato numerosi lividi sul collo e sulla clavicola, gonfiore cerebrale, ferite da corpo contundente al petto e alla schiena e un’emorragia interna al cuore.

Si potrebbe pensare che si tratti di un caso assolutamente marginale accaduto in una piccola chiesa protestante come ce ne sono a centinaia, se non migliaia, negli Usa. Comunità che non dipendono da nessuna gerarchia e che ruotano attorno a un pastore/guru. Ma quella degli esorcismi è lungi dall’essere una questione che riguarda solo piccole sette marginali. Lo scorso maggio si è tenuto a Roma, presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma, un “Corso su esorcismo e preghiera di liberazione”. E di fronte alla tentazione di pensare che nell’ambito del cattolicesimo gli esorcismi sono quantomeno eseguiti da sacerdoti formati all’uopo e che dunque “incidenti” come quello di San José non possono accadere, si consiglia di rispolverare le cronache dello scorso dicembre: a Vicenza una donna in evidente stato confusionale è stata tenuta sotto sequestro e sottoposta a esorcismo per nove ore, prima di svenire ed essere finalmente portata in ospedale.

Quello che accade durante gli esorcismi è difficile da sapere, giacché si svolgono sempre al chiuso e in privato. Quel che è certo è che le stesse identiche pratiche, se non fossero coperte dal “cappello” della fede sarebbero considerate intollerabili e rubricate per quello che sono: pratiche superstiziose, violente e pericolose, inaccettabili in una democrazia del XXI secolo.

CREDIT IMMAGINE: Francesco Pesellino, Filippo Lippi e bottega, altare di Santa Trinita e Pistoia, 1455-60, predella 03 esorcismo di San Zeno



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Cinzia Sciuto

Rifiutare l’alimentazione è una forma di lotta estrema, che pone gravi interrogativi etici a partire dallo sciopero della fame di Cospito.

Sono almeno tre le questioni sollevate dal caso dell’anarchico al 41 bis che meritano di essere tenute distinte.

Le reazioni di Giuseppe Cimarosa, parente del boss e figlio di un collaboratore di giustizia, all’arresto del latitante.

Altri articoli di Laicità o barbarie

Il battesimo è un'imposizione sui bambini perché non garantisce al minore libertà di opinione e religione, come stabilito la Convenzione sui diritti dell’infanzia.

La Cgil sta perdendo la sua laicità? L'udienza del 19 dicembre fra Bergoglio e migliaia di delegati causa sconcerto nel sindacato.

Il nazionalismo religioso sembra costituire la stella polare che Meloni intende seguire. Il suo discorso alla Camera è stato ricco di riferimenti cattolici.