Famiglie spezzate: podcast di Valerio Nicolosi

Seconda puntata del podcast “Fuga dall’Ucraina”. Ci troviamo a Siret, al confine tra Ucraina e Romania. In questo racconto la voce dei volontari arrivati da ogni parte d’Europa per aiutare le famiglie in fuga.

Valerio Nicolosi

La figlia di Ilona ci guarda dal muro di bagagli caricato su un furgone e in partenza alla volta di Bergamo. L’esodo degli ucraini continua. Oltre due milioni e mezzo di persone sono fuggite dall’Ucraina. Siamo a Siret, uno dei punti di confine tra Ucraina e Romania, dove passano tra le 5mila e le 6mila persone al giorno. Donne e bambini da un lato della frontiera, gli uomini dall’altra, arruolati – spesso loro malgrado – nell’esercito ucraino, costretti a restare. Le famiglie che arrivano da questo lato del confine sono famiglie spezzate. Ad accoglierle, volontari da ogni parte d’Europa. E questo è il loro racconto.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

“Ho con me solo il passaporto”: podcast di Valerio Nicolosi

Voci da Kiev sotto assedio: i podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

A distanza di quattro mesi il testo di legge delega non è ancora pubblico. E ActionAid rilancia la campagna del 2019: #sicuriperdavvero.

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Altri articoli di Podcast

Dopo l’incendio i migranti dormono per strada. Il governo greco costruisce un nuovo campo in pochi giorni. Ma più che un campo, è una prigione.

Questa è la storia di Mustafa, giovane ragazzo di venti anni. Attraverso il suo racconto, riviviamo il dramma di Lesbo.

La situazione a Lesbo, in piena pandemia, è aggravata dall’incendio che distrugge il campo profughi di Moria.