Tomaso Montanari: “Se i fascisti ritornano al governo”

Il video editoriale di Tomaso Montanari per MicroMega: "Stiamo brutalmente sottovalutando il rischio". Un governo che vada da Meloni a Salvini "sarebbe pericoloso, ancor più con il combinato disposto di una legge elettorale maggioritaria e il taglio dei parlamentari".

Tomaso Montanari

“Stiamo brutalmente sottovalutando il rischio di un ritorno dei #fascisti al governo” dice Tomaso Montanari in questo video editoriale per MicroMega. Giorgio Bocca nel 2004 sulla nostra rivista scrisse: “Basta con l’anti-antifascismo”, riferendosi alla borghesia conservatrice italiana che ha sempre vissuto la Resistenza e l’antifascismo con insofferenza.

Quasi 20 anni dopo molte delle cose che all’epoca erano impensabili sono state sdoganate e segretari di partiti al governo vanno a cena con i capi di Casa Pound e alimentano quotidianamente attraverso la rete i messaggi di insofferenza e proprio verso l’antifascismo.
Per Montanari “non è folklore, è un orizzonte di pensiero insofferente alle libertà, autoritario e nello stesso tempo apertissimo all’estrema destra di mercato” e l’assenza di dibattito su questo tema fa diventare la #destra e l’#estremadestra sempre più pericolosa.
“Un governo che vada dalla Meloni a Salvini fino a Forza Italia sarebbe un governo pericoloso, ancor più con il combinato disposto di una legge elettorale maggioritaria e il taglio dei parlamentari” chiosa Montanari.

Sul tema, leggi anche:

Se i fascisti rialzano la testa



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Tomaso Montanari

Con i fascisti non può esserci memoria condivisa. Non in una Repubblica che sull’antifascismo si fonda (da MicroMega 3/2020).

“La nave intitolata a Firenze è paradigmatica della situazione della città, sempre più ridotta a merce”. Il video editoriale di Tomaso Montanari.

Altri articoli di Politica

Il ministro dice di voler implementare lo smart working, «quello vero». Tutte le sue dichiarazioni però non lasciano sperare in nulla di buono.

Obiettivo: eliminare il reato di coltivazione, rimuovere le pene detentive e cancellare la sanzione amministrativa del ritiro della patente.

Si può fare peggio di Marchionne quando ricattò, con la minaccia di licenziamenti, i lavoratori di Pomigliano e Mirafiori. E si può fare peggio del Jobsact di Renzi.