Rinunciamo al gas, costringiamo Putin al negoziato

Tutti noi italiani possiamo chiudere i riscaldamenti di casa per incoraggiare il governo a sospendere immediatamente l’acquisto del gas russo.

Pancho Pardi

Non era necessario assistere agli effetti del massacro di Bucha per sentirsi obbligati a un atto di presenza civile. Bastava Mariupol, una bella città portuale rasa al suolo con i suoi abitanti costretti per più di un mese nel chiuso delle cantine, al freddo senza cibo, acqua, medicine. E con i corridoi umanitari aperti per finta e richiusi dalla mitraglia sugli autobus della salvezza obbligati cento volte a tornare indietro o a prendere la via della Russia. Ma la scena di Bucha, un sobborgo periferico, quasi rurale, della grande città di Kiev (gloriosa nella letteratura e nella musica russa) interroga in modo perentorio la coscienza di chi deve assistere da lontano ai delitti innominabili del nuovo imperialismo asiatico. Corpi disseminati, immobili ai lati della strada: vecchi, donne, uomini con le braccia legate dietro la schiena. Le coperte pietose coprono forse qualche bambino. Persone sottoposte a esecuzione sommaria, un colpo in testa e via. Questa è la civiltà di Putin.

Oggi finiscono le incertezze. Tutti coloro che hanno invocato la necessità del negoziato con l’aggressore ma non hanno finora mai suggerito un via per costringerlo, oggi hanno in mano uno strumento. Esplicito, ingenuo, dichiarato: tutti noi italiani (fatta eccezione per chi vive in condizioni disagiate o in malattia) possiamo proclamare di essere pronti a chiudere i nostri riscaldamenti di casa per incoraggiare il governo a sospendere immediatamente l’acquisto del gas russo. Sappiamo bene che il gas è essenziale anche per tutte le attività industriali. Non siamo così irrealisti da pensare che l’attività produttiva possa fermarsi di colpo. Ma noi per solidarietà con il popolo ucraino possiamo rinunciare alla comodità di una casa riscaldata. Pensando al freddo di quei poveri corpi ci vergogniamo del caldo superfluo che conforta le nostre comode case. Vogliamo rinunciare a un beneficio che alimenta, con una catena economica inesorabile, la sventura del popolo ucraino. Facciamo a meno del caldo in casa (è davvero poca cosa) per invitare il Parlamento e il Governo italiano a prendere prima possibile la decisione più rigorosa per costringere l’aggressore al negoziato.

Credit foto: Gazpromneft, raffineria alle porte di Mosca (EPA/MAXIM SHIPENKOV)

Guerra in Ucraina. Tutte le analisi e le opinioni



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Pancho Pardi

Ora è che gli ucraini sono in piena riscossa la questione del negoziato si pone in un quadro molto diverso da quello definito dall’invasione russa.

Ormai è palla agli elettori. L’ultima speranza: che siano loro a riuscire laddove, per l’ennesima volta, hanno fallito i leader della sinistra.

Per scongiurare un trionfo del centrodestra è necessario che la coalizione guidata dal PD possa cogliere un successo significativo.

Altri articoli di Mondo

La docente esperta di politica russa analizza il discorso del presidente russo che minaccia il ricorso all’arma atomica.

Il parlamento europeo definisce l’Ungheria una “autocrazia”. Tra i vari diritti conculcati da Orbán, quello all’interruzione di gravidanza.

Sopravviverà la monarchia inglese alla morte di Elisabetta e all’avvento di suo figlio?