Giochi senza frontiere

Afghanistan, agosto 2021. Una poesia inedita di Ennio Cavalli.

Ennio Cavalli

Se vivevamo dove un popolo (non tutti)
cercava un Duce (o più)
e stomaci forti, una lista di vittime
invenzioni da urlo come la ghigliottina
la roccaforte di Caino nel deserto
una Kabul di faide, sosia di Robespierre
che sfidano a morra l’Altissimo
il male trafugato come il corpo di un rais
il passepartout dell’ignoranza
il suffragio dei maschi
per tenere le donne a casa,
nel loro regno…
Se vivevamo lì, nella certezza delle mancanze,
in un oblio armato di papaveri,
c’era poco da scrivere poesie.
Cosa vuoi scrivere o dire?
Il cuore è un pennino spuntato
il fegato un grosso fermacarte.
Come adesso.
Nel sogno e nel delirio
ripartono i Giochi senza frontiere
più splatter di sempre,
fantozziani e disturbanti come i salti dalle Torri
di fagotti disperati, ascensori di se stessi.
Altro che indice puntato verso il cielo,
calamita, parafulmine, ricetrasmettitore!
Tocca scalare gli aereoplani
afferrarsi alla carlinga con lo sturalavandini
decollare dalle insidie
congedarsi goccia a goccia
dal rubinetto che perde
tornare polvere, granello per granello
precipitare, aquilotti di paglia
mentre gli ex liberatori filmano l’accaduto
lo mostrano ai figli, i figli ai padri,
gli stessi che non hanno permesso
alle comparse in ciabatte
di cuocere nel proprio brodo, una vita fa.

(credit foto EPA/STRINGER)



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Mondo

Intervista a Carla Peruzzo, coordinatrice sanitaria di MSF in Grecia, a partire dal nuovo campo nell’isola di Samos per “accogliere” i profughi che arrivano dalla Turchia.

I sette partiti dell’opposizione, per la prima volta uniti, sceglieranno il candidato che sfiderà l’attuale premier Viktor Orbán alle elezioni politiche di aprile.

Quel che rende gli Stati uniti così peculiari è che più guerre perdono, più accrescono e rafforzano la loro presa sul mondo.