Giornate della laicità, “i confini dell’umano” e “scienza, politica e cittadini”

A Reggio Emilia due incontri con Massimo Baldacci ed Elena Gagliasso.

Redazione

Dalle Giornate della laicità i due incontri trasmessi in diretta streaming nella giornata del 12 giugno. Nel primo, Massimo Baldacci discute con Cinzia Sciuto. Titolo dell’incontro: “L’educazione ci rende umani“.
Che cosa ci rende umani? Già la parola “uomo” pone problemi: che è uomo? chiedeva Kant, ma per rispondere bisogna frequentare un limite, sporgersi oltre i confini e figurarsi più che umani.

Nel secondo – a seguire – Elena Gagliasso si confronta con Simona Maggiorelli su “Scienza, politica e cittadini: fra diffidenza complottistica e affidamento fideistico“.

In questo anno di pandemia abbiamo assistito a un andamento altalenante nei rapporti fra la scienza e i cittadini. Dalla completa diffidenza condita di complottismo si passa all’affidamento fideistico, pretendendo dagli scienziati certezze assolute che essi per definizione non possono dare. Ma la scienza ha bisogno di cittadini attenti, critici, informati, non di complottisti né tantomeno di fedeli.

IL VIDEO



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Redazione

MicroMega+ del 21 giugno con Maria Concetta Tringali, Fabio Bartoli, Marco d'Eramo, Pierfranco Pellizzetti, Simone Zoppellaro e Laura Branca.

MicroMega+ del 14 giugno con contributi di Luca Telese, Tara Riva, Checchino Antonini, Claudio Marradi, Elettra De Salvo e Giulio Sapelli.

Venerdì 13 giugno tutti davanti a Montecitorio contro il Ddl sull'autonomia differenziata che sarà discusso, forse votato, in Parlamento.

Altri articoli di Laicità

Vicino al riconoscimento il tribunale della comunità Sikh in Inghilterra: un tribunale religioso, conservatore e oppressivo per le donne.

Sulle parole del papa: è la vita seminariale chiusa, sessuofobica, ipocrita, a favorire modalità distorte della sessualità.

Il Vaticano in realtà si oppone ai gay solo quando chiedono riconoscimento e diritti.