“Giustizia climatica, subito!”. Il grido dei ragazzi di Fridays For Future

Valerio Nicolosi

“Vogliamo la giustizia climatica e la vogliamo subito!” è lo slogan che i ragazzi e le ragazze di Fridays For Future hanno urlato a Roma il 24 settembre, giorno della mobilitazione internazionale per il clima, anche in preparazione dell’apertura dei lavori della COP-26, la conferenza sui cambiamenti climatici che si terrà a Glasgow a fine ottobre, e che vede disattesi molti degli obiettivi che si erano fissati cinque anni fa a Parigi, per la COP-21.

Se la Generazione Z, quella degli attuali adolescenti o poco più, è stata descritta come poco attiva nella politica, temi come l’ambiente e i cambiamenti climatici mettono invece tutti insieme e la piazza ha diverse anime, quelle più ambientaliste, quelle meno politiche e quelle dei collettivi studenteschi.

“Non è possibile che le grandi aziende inquinino e facciano profitti, mentre il costo sociale di questo modello di sviluppo ricade sulle persone. Per noi giustizia climatica è anche questo: fare in modo che la tutela dell’ambiente e la giustizia sociale vadano di pari passo” gridano i ragazzi dal microfono del furgone che apre il corteo con oltre 5.000 persone e che sfila per le vie del centro di Roma.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

L’ennesima strage negli Usa riapre il dibattito sulle armi, in particolare in Texas.

Gendron è solo l’ultima pedina di chi radicalizza online i giovani contro le minoranze. Una strage già scritta a Utoya, Macerata e Christchurch.

L’attivista aretino aveva 49 anni ed era affetto da artrite reumatoide. La promessa dell’associazione Luca Coscioni: “Andiamo avanti, anche in sua memoria”.

Altri articoli di Ambiente

Un nuovo impianto di smaltimento dei rifiuti nella quarta discarica più grande d’Italia. Un affare giocato sulla pelle di cittadini e ambiente.

I trafficanti sono oggi dei mediatori tra domanda e offerta nell’ambito dei mercati di riferimento, sia pubblico che privato.

Movimenti e associazioni presentano un'istanza all'Ocse contro l'oil company italiana. "Piano disastroso per l'ambiente e incompatibile con il contrasto ai cambiamenti climatici".