“La giustizia sociale per combattere ogni fascismo”, le proposte della Rete dei Numeri Pari

De Marzo: “Sconfiggere le disuguaglianze è fondamentale per prevenire la rinascita di qualsiasi forma di fascismo”.

Filippo Poltronieri

5,6 milioni di persone in povertà assoluta, una su tre rischia l’esclusione sociale. Sono i numeri denunciati dalla Rete dei Numeri Pari, un coordinamento di 105 associazioni che operano nel terzo settore, unite dalla lotta per una società più equa fondata sulla giustizia sociale e ambientale. La Rete aveva indetto una manifestazione in occasione della XXIX giornata mondiale di eradicazione della povertà. L’appuntamento è poi confluito nella più grande manifestazione nazionale, indetta sabato 16 ottobre dai sindacati, contro l’aggressione fascista della settimana scorsa.

“L’antifascismo è nella nostra cultura ed era necessario fare un passo indietro” ha spiegato in piazza del Campidoglio Giuseppe De Marzo, coordinatore della Rete che, attraverso il lavoro di diversi gruppi tematici, ha portato a conclusione un percorso culminato nella presentazione di una serie di proposte per uscire da una crisi acuita dalla pandemia. “Sconfiggere le disuguaglianze è fondamentale per prevenire la rinascita di qualsiasi forma di fascismo” ha commentato sempre De Marzo.

La Rete, attraverso una piattaforma orizzontale di democrazia partecipata ha riunito decine di associazioni presenti sul territorio, accomunate dall’opposizione alla giunta Raggi e dallo sforzo di fornire alternative concrete dal basso sui temi dell’accoglienza, della lotta alle mafie, dell’inclusione, del mutualismo e del diritto all’abitare, tra le altre. “Chiediamo risposte strutturali per l’abitare, non emergenziali”, dice Silvia Paoluzzi dell’Unione Inquilini Roma. “Questo percorso serve a unire le istanze. Noi chiediamo da anni le case popolari: il PNRR prevede stanziamenti per il social housing, sembra che anche questa volta non si voglia rispondere in modo concreto alle esigenze delle famiglie”.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Filippo Poltronieri

La digitalizzazione della raccolta firme rischia di rendere troppo facilmente “attivabile” lo strumento referendario?

Oltre cinquantamila persone hanno riempito piazza San Giovanni per chiedere al governo di sciogliere le forze politiche neofasciste, a partire da Forza Nuova. MicroMega ha raccolto le voci dei manifestanti.

Nel Lazio ci sono oltre 40mila ettari di terreni agricoli pubblici abbandonati. Alcuni dei progetti di occupazione agricola, nati negli anni '70, portano ancora i loro frutti, con un uso del suolo meno intensivo e l'impiego di persone fragili.

Altri articoli di Video

Presentazione vol.1/2024 di MicroMega “La Costituzione e i suoi nemici”, con Roberto Scarpinato, alle Nuove Officine Zisa di Palermo.

In diretta sabato 11 novembre alle 15.00: “La strage di Hamas e l'invasione di Netanyahu: quale pace è possibile?”

La testimonianza di una volontaria di Gazzella onlus parla di situazione insostenibile per civili, anziani, donne e bambini nella città bombardata.