Dal Globe Theatre occupato l’urlo dei precari dello spettacolo: “Serve un reddito di continuità”

Da Roma parte la battaglia per riconoscere reddito e ammortizzatori sociali veri a chi ha un lavoro discontinuo. "Non vogliamo tornare alla vita di prima", denunciano gli occupanti, "perché la vita di prima era il problema".

Valerio Nicolosi

Precari e lavoratori dello spettacolo, il 14 aprile, hanno occupato il Globe Theatre di Roma, nel cuore di Villa Borghese. L’obiettivo: rivendicare il diritto al reddito e agli ammortizzatori sociali per chi ha un lavoro discontinuo.

“I bonus sono insufficienti, perché non coprono tutti i mesi di non lavoro”. Il problema, denunciano i lavoratori, viene però da lontano, da prima della pandemia, ed è strutturale in un sistema che fa del lavoro nero e della precarietà la normalità.

“La nostra preoccupazione principale è di non tornare, a fine pandemia, alla vita di prima, come in tanti ripetono, alle condizioni economiche e lavorative precedenti”. Per questo chiedono un reddito di continuità che copra i mesi di non lavoro. “Nel momento in cui non stiamo sul palco, nel momento in cui ci formiamo, in cui studiamo, stiamo lavorando. Sono questi momenti che vanno tutelati. L’arte e lo spettacolo in generale sono il campo perfetto per sperimentare una simile misura che può essere estesa a tutti i lavoratori precari nelle nostre condizioni”.

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Nella stazione di polizia di Korenica la pratica della violenza e della tortura contro i migranti è divenuta prassi quotidiana.

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”.

Le voci dei migranti afghani intrappolati in Bosnia, tra abitazioni di fortuna e la minaccia di finire nel campo-prigione di Lipa.

Altri articoli di Video

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”.

Intervista a Cecilia Strada che si trova a bordo della nave ResQ: “Essere qui e salvare vite è il modo migliore per salutare mio padre”.

A bordo di una piccola imbarcazione, accompagnati da un gruppo di attivisti, per mostrare l’inquinamento del fiume della Capitale.