Dal Globe Theatre occupato l’urlo dei precari dello spettacolo: “Serve un reddito di continuità”

Da Roma parte la battaglia per riconoscere reddito e ammortizzatori sociali veri a chi ha un lavoro discontinuo. "Non vogliamo tornare alla vita di prima", denunciano gli occupanti, "perché la vita di prima era il problema".

Valerio Nicolosi

Precari e lavoratori dello spettacolo, il 14 aprile, hanno occupato il Globe Theatre di Roma, nel cuore di Villa Borghese. L’obiettivo: rivendicare il diritto al reddito e agli ammortizzatori sociali per chi ha un lavoro discontinuo.

“I bonus sono insufficienti, perché non coprono tutti i mesi di non lavoro”. Il problema, denunciano i lavoratori, viene però da lontano, da prima della pandemia, ed è strutturale in un sistema che fa del lavoro nero e della precarietà la normalità.

“La nostra preoccupazione principale è di non tornare, a fine pandemia, alla vita di prima, come in tanti ripetono, alle condizioni economiche e lavorative precedenti”. Per questo chiedono un reddito di continuità che copra i mesi di non lavoro. “Nel momento in cui non stiamo sul palco, nel momento in cui ci formiamo, in cui studiamo, stiamo lavorando. Sono questi momenti che vanno tutelati. L’arte e lo spettacolo in generale sono il campo perfetto per sperimentare una simile misura che può essere estesa a tutti i lavoratori precari nelle nostre condizioni”.

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Da ormai due settimane le strade della Colombia sono occupate da manifestanti. Nel mirino le riforme del governo Duque.

Gli spari della Guardia Costiera libica contro i pescherecci Artemide, Nuovo Cosimo e Aliseo è solo l’ultimo caso in cui dei mezzi “italiani” vengono usati … contro gli italiani.

Nel primo podcast di MicroMega abbiamo raccolto le storie di otto persone che ci hanno raccontato come la Covid-19 ha cambiato le loro vite.

Altri articoli di Video

Che tempi per vedere il vaccino diffondersi in tutti i paesi del mondo? Come accelerare in Italia e in Europa e raggiungere l'immunità di gregge? Parla Giampiero Massolo, presidente di ISPI.

Il 48enne affetto da artrite reumatoide dal 2011 ha eliminato la morfina, sostituendola con la marijuana: rischiava sei anni di carcere per coltivazione a fini di spaccio. Mobilitazioni in 20 città italiane.

Per l'attore "è ora di chiudere le ambiguità: non si può fare appello alla Costituzione repubblicana senza essere antifascisti. L'Italia diventi finalmente un Paese serio mettendo fuorilegge le organizzazioni neofasciste".