Flores d’Arcais/Barbero: Green pass, discriminazione o libertà?

Il video del dialogo fra lo storico Alessandro Barbero e il direttore di MicroMega Paolo Flores d'Arcais.

Redazione

Per i docenti firmatari dell’appello contro il green pass nelle università, fra cui lo storico Alessandro Barbero, quella introdotta dal governo è una “ingiusta e illegittima la discriminazione ai danni di una minoranza”. I sottoscrittori dell’appello (disponibile a questo link) “ritengono che si debba preservare la libertà di scelta di tutti e favorire l’inclusione paritaria, in ogni sua forma”, mentre il green pass “suddivide la società italiana in cittadini di serie A, che continuano a godere dei propri diritti, e cittadini di serie B, che vedono invece compressi quei diritti fondamentali garantiti loro dalla Costituzione”. Ma, come sostiene il direttore di MicroMega Paolo Flores d’Arcais, è evidente che in un contesto pandemico la “libertà di scelta” di chi non vuole vaccinarsi né sottoporsi regolarmente a tampone (perché questo prevede il green pass) limita pesantemente la libertà degli altri cittadini di frequentare serenamente l’università senza rischiare il contagio. Tenere a distanza chi non vuole vaccinarsi né sottoporsi a tampone, dunque, non ha nulla di discriminatorio, ma è una misura elementare minima di difesa della libertà (e vita) degli altri.

 

(credit foto ANSA/ANGELO CARCON)



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Redazione

MicroMega+ del 16 febbraio con Marco d'Eramo, Micol Meghnagi, Francesco Suman, Davide Passamonti, Nicolò Bellanca, Fabio Ciconte.

MicroMega+ del 9 febbraio con MicroMega+ del 9 febbraio con Giuffrida, Piaggio, Fanti, Carnevali, Barni e Dainotto.

MicroMega+ del 2 febbraio: con Guadagnini, Antonini, Bellanca, Grudzińska Gross, Arrighi, Silver, e un testo dall'archivio di Bruno Segre.

Altri articoli di Politica

Con la morte di Aleksej Naval'nyj muore anche l’idea di una Russia diversa da quella di Putin, spiega il presidente di Memorial Italia.

Il caso Assange volge a risoluzione? l'Alta Corte di Giustizia britannica è chiamata a decidere sull'istanza di appello contro l'estradizione negli Usa.

Il mondo della cultura è in ginocchio e sottoposto a un modello di sviluppo urbano che punto tutto solo sul turismo.