Grillo e il suo osceno video per “difendere” il figlio

Maria Mantello

Tempo fa, sul suo blog-sito, Beppe Grillo pubblicò l’immagine del dipinto di Francisco Goya, Saturno-Crono che divora i suoi figli.

Un’immagine terrea e ferina, che il capo dei 5 stelle, ostentava per ribaltare a suo vantaggio l’accusa di fagocitare i suoi figli: le creature-parlamentari del movimento politico da lui creato, pretendendone l’assoluta obbedienza.

Ebbene, con la pubblicazione di quel famoso dipinto, Beppe Grillo affermava in una prova di forza proiettivo – comunicativa la potenza del suo potere assoluto, esaltandone le dinamiche della fascinazione imbonitrice che chiama e sviluppa consenso: per timore, vantaggio, autoconvinzione. Come a dire sono io Crono. Il padre padrone. E allora?

In questa prospettiva, potrebbe forse essere approfondita la dinamica dello psico-dramma odierno di Grillo che questa volta dal suo sito entra in scena per “difendere” il figlio accusato di violenza e stupro.

Un video osceno nella sua rabbiosa stereotipia misogino-sessista nel cliché: ma quale stupro, quale vittima, la ragazza era consenziente.

Un video osceno, che non ha nulla a che fare col dolore di un padre (certuni così lo stanno giustificando).

Al contrario, anche in questa occasione nel crescendo di “mio figlio non ha fatto niente”… culminato in quel “arrestate me”, Grillo sembrerebbe ancora imbrigliato nell’archetipo di Crono fino a identificare il figlio col proprio sé. Creatura-prodotto… anche educativo?

[Foto Flickr Giovanni Favia (CC BY-SA 2.0)]



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Maria Mantello

L’ingerenza vaticana sul ddl Zan ha riportato d’attualità la battaglia per una separazione effettiva tra Stato e Chiesa.

Poiché nel ddl non è in gioco la libertà di espressione, il timore vaticano reale è che venga messo in discussione il suo sistema dottrinario in materia.

Un emendamento del Pd permetterà ai laureati in Scienze delle religioni di occupare le cattedre di Filosofia, Storia dell’arte, Storia, Italiano...

Altri articoli di Blog

La vicenda di Genova ci segnala quanto sia indispensabile per la democrazia l’indipendenza del PM rispetto al potere politico.

Il Procuratore di Catanzaro denuncia i limiti di una riforma che rischia di fermare il 50% dei processi in corso.

Quella in campo a Genova nel 2001 era ben più che una grande mobilitazione, era una possibile alternativa sociale e politica a tutto il sistema dominante.