Tornare alla luce: voci da Kiev sotto assedio | podcast di Valerio Nicolosi

Fine del coprifuoco sulla capitale ucraina. Valerio Nicolosi ci racconta le strade di Kiev dopo 39 ore in cui la popolazione è rimasta chiusa nelle abitazioni e nei rifugi.

Valerio Nicolosi

Sto uscendo in questo momento dopo 39 ore di coprifuoco. Sono completamente solo in città, si sentono solo i rumori dei miei passi e delle cornacchie che volano. Questa è Kiev dopo quattro giorni di guerra. Per la terza notte si è combattuto per le strade. I carri armati russi sono arrivati alle porte di Kiev in poche ore. Da lì è iniziato uno stallo che rischia di essere davvero pericoloso. In questa città tutti sono pronti a combattere per difendere la capitale dall’invasione russa e quello che “giornalisticamente” mi sembra un dato da raccontare, è che barbieri, camerieri, impiegati sono pronti a combattere per difendere la propria casa.

Sulle motivazioni di questa guerra non voglio entrare in questo momento e in questa situazione e non voglio cavalcare la retorica dell’eroismo. Qui parliamo della vita delle persone di Kiev, una città spettrale che attende la prossima esplosione. E quella successiva.
ASCOLTA SU SPREAKER – ASCOLTA SU SPOTIFY

Voci da Kiev sotto assedio: i podcast di Valerio Nicolosi



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

A distanza di quattro mesi il testo di legge delega non è ancora pubblico. E ActionAid rilancia la campagna del 2019: #sicuriperdavvero.

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Altri articoli di Mondo

L’unico modo per ottenere un cessate il fuoco immediato – ormai chiesto persino dagli Usa – è l’interruzione di ogni sostegno militare a Tel Aviv.

Da sempre la propaganda di guerra ricorre all'argomento delle "armi segrete". Che siano vere o immaginate è secondario.

La storica sentenza della Corte suprema contro le disparità di trattamento degli ultra-ortodossi potrebbe destabilizzare il governo Netanyahu.