Un mese di guerra in dieci parole: podcast di Valerio Nicolosi

Assedio. Sabotatori. Evacuazione. Corridoi umanitari. No Fly Zone. Sanzioni. Resistenza. De-nazificazione. Disertori. Esodo.

Valerio Nicolosi

Attraverso dieci parole, Valerio Nicolosi racconta un mese di guerra in Ucraina.
Assedio: una parola che ci riporta indietro nel tempo, alle guerre medievali o alla seconda guerra mondiale.
Sabotatori: sono figure a metà tra il mitologia e la realtà. Spesso evocati, qualche volta arrestati o uccisi, raramente efficaci, almeno in questa guerra.
Evacuazione e corridoi umanitari: termini entrati nel linguaggio comune, con riferimento al tentativo di far uscire i civili dalle zone sotto assedio.
No Fly Zone: a lungo chiesta da Zelensky, la no fly zone è una zona interdetta al volo, soprattutto per gli aerei russi.
Sanzioni: per gli appassionati di politica e di steri non sono una novità: Russia, Iran, Cina.
Resistenza: di popolo, quella delle molotov in strada e dei fucili distribuiti ai civili, chi si è arruolato, chi riempie i sacchi di sabbia sulla spiaggia di Odessa.
De-nazificazione: chi conosce l’Ucraina ha pensato subito al battaglione Azov, a Pravy sector e ai gruppi che elettoralmente valgono poco ma che hanno molto seguito.
Disertori: li abbiamo raccontati nel nostro podcast, sono gli uomini che provano a lasciare il paese illegalmente, vestendosi da donna o nascondendosi dentro le scatole dei giocattoli dei figli.
Esodo: non è stata utilizzata molto, però lo abbiamo fatto noi raccontandovi l’enorme flusso di persone, così grande e veloce che non ha precedenti nel mondo.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

A distanza di quattro mesi il testo di legge delega non è ancora pubblico. E ActionAid rilancia la campagna del 2019: #sicuriperdavvero.

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Altri articoli di Mondo

Non si fermano le proteste contro il regime iraniano dopo la morte di Mahsa Amini. Manifestazioni in diverse città.

Con 200 miliardi di finanziamenti e aiuti contro il caro-energia e il no al tetto sul prezzo del gas, Berlino sfida gli altri paesi dell’Ue.

“Piena solidarietà a coloro che, nonostante la dura repressione, continuano a chiedere, in Iran, il rispetto delle libertà fondamentali”.