I giornalisti devono avere libero accesso a Gaza

Sei settimane di guerra e 60 giornalisti uccisi: un appello per l'accesso a Gaza e per la libertà di informazione.

Rossella Guadagnini

Nella Striscia di Gaza, dal 7 ottobre a oggi, sono stati uccisi 60 giornalisti sotto i continui bombardamenti. In sole sei settimane di guerra si è raggiunto il numero più alto dal 1992, secondo quanto afferma il Comitato Internazionale per la protezione dei giornalisti (CPJ).
Amnesty International Italia, Assopace Palestina, Fnsi, Odg, Usigrai Articolo 21, Rete NoBavaglio, Un Ponte per, Free Assange Italia, Gv Press e Lettera 22 sostengono una petizione, firmata da giornalisti italiani e internazionali che chiedono l’accesso a Gaza per coprire una guerra di vitale importanza per i nostri Paesi e il nostro futuro.
“Questa non è solo una richiesta per giornalisti -sostengono- ma un appello per difendere i principi fondamentali su cui si fonda ogni società libera e democratica. La copertura giornalistica indipendente è fondamentale specialmente in periodo di guerra.
La richiesta è resa ancora più urgente dai continui blackout mediatici che isolano completamente la Striscia di Gaza, rendendo impossibile anche la comunicazione su social network.
Venerdì 24 nella sala di Stampa Romana di piazza della Torretta 36 a Roma si terrà un incontro per discuterne: interverranno – tra gli altri – Alessandra Costante, Vittorio Di Trapani, Beppe Giulietti, Lucia Goracci, Riccardo Iacona, Luisa Morgantini, Tina Marinari, Alberto Negri, Nello Scavo e i colleghi che hanno portato avanti petizioni analoghe in Francia e Spagna.
CREDITI FOTO: EPA/FAZRY ISMAIL



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Rossella Guadagnini

Il caso Assange volge a risoluzione? l'Alta Corte di Giustizia britannica è chiamata a decidere sull'istanza di appello contro l'estradizione negli Usa.

Ddl Calderoli: una devoluzione della potestà legislativa esclusiva dal lavoro alla sanità, dalle infrastrutture, alla scuola, all’ambiente.

Nel 2023 l’Italia risulta ultima in Europa per uguaglianza di genere sul lavoro. La matrice culturale della violenza di genere parte anche da lì. Per discuterne il 24 novembre prossimo ci sarà un incontro (alle 10) con l’onorevole Martina Semenzato tra esperti e studenti a Unitelma Sapienza. L’evento è organizzato dalla School of Gender Economics...

Altri articoli di Mondo

Nel terzo anno di guerra all’Ucraina, Putin è sempre più determinato nella sua svolta autoritaria e bellicistica.

Le vicende ucraine di questi ultimi due anni hanno lacerato la sinistra ancora di più di quanto già non lo fosse.

La storia personale e il lavoro artistico della dissidente curda Zehra Dogan ci ricordano quella di un popolo determinato a resistere.