I licenziatori e i loro complici

Il via libera ai licenziamenti di massa mentre non siamo ancora fuori dalla pandemia è una infamia, la conferma della subalternità assoluta della classe politica al mondo degli affari.

Giorgio Cremaschi

Mentre Grillo e Conte imperversano sui mass media con diarchie, garanti, visioni, comandi politici, il governo Draghi, che entrambi sostengono e si vantano di sostenere, ha dato il via libera ai licenziamenti di massa.

Queste giornate sono un riassunto del degrado della classe politica, della sua subalternità assoluta al mondo degli affari e del profitto, della cialtroneria dei suoi conflitti, che nascondono la sostanziale unanimità nelle scelte vere.

Torniamo al mercato ha festeggiato Brunetta, mentre decine di migliaia di operai si preparano a finire sulla strada. E da Meloni a Speranza, da Salvini a Letta, da Berlusconi a Renzi, tutti convengono che le povere imprese non potevano aspettare ancora a licenziare, soprattutto quelle che vanno bene e che nella pandemia hanno guadagnato tanto. Del resto tutti costoro hanno eliminato l’articolo 18. Perché ora dovrebbero impedire agli imprenditori di licenziare i lavoratori più costosi e sostituirli con precari sottopagati? Non bisogna forse dare una lezione ai fannulloni del reddito di cittadinanza? Sarebbe stata una così insopportabile violazione dei diritti civili dei padroni, pretendere da loro un po’ di sensibilità sociale e non licenziare? Magari aspettando quella estensione degli ammortizzatori sociali che sarebbe il primo dovere di un sistema un poco meno ingiusto? Ma oggi la società italiana è una brutale società di classe, dove i ricchi comandano e i politici li adulano e festeggiano.

I cinquestelle sono arrivati a oltre il trenta per cento dei voti perché hanno raccolto la protesta contro la classe politica, ed ora ne fanno parte nel modo più opportunista e ridicolo. Draghi, la Confindustria, le multinazionali, le banche, i poteri economici italiani ed europei, tutti questi sono il governo reale del paese, quelli che vanno in televisione a fare scena come leader politici sono solo burattini. Che il sistema inventa, usa e getta. Ieri era benedetto dal successo Renzi, poi è toccato a Di Maio, poi a Salvini, ora è il momento di Meloni. Tranquilli, la postfascista sarà consumata come i suoi predecessori, come Marine Le Pen già insegna. Ciò che non cambia è il governo dei ricchi per i ricchi, il resto è scena per convincere i poveri che tutto si fa per i loro interessi.

I licenziamenti mentre non siamo ancora fuori dalla pandemia sono una infamia del sistema, la seconda dopo i tanti morti per Covid dovuti alla scelta di tutta la classe politica di convivere con il virus, anziché di provare a fermarlo.

Ora dobbiamo solo lottare con tutta l’indignazione la determinazione che abbiamo, contro i licenziamenti, i licenziatori e tutti i loro servi e complici.

 

(credit foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Giorgio Cremaschi

Quella in campo a Genova nel 2001 era ben più che una grande mobilitazione, era una possibile alternativa sociale e politica a tutto il sistema dominante.

Nel 1986 invitò in tv un operaio siderurgico di Brescia che raccontò tutte le ingiustizie, le sofferenze, le terribili condizioni di lavoro della sua fabbrica.

L’omicidio del sindacalista a Novara non è un incidente, ma la conseguenza di una sempre più diffusa criminalità imprenditoriale.

Altri articoli di Blog

Il romanzo “Le impazienti” della camerunense Djaïli Amadou Amal è un mosaico di ritratti di donne che provano a ribellarsi.

Perché è ridicolo sostenere che il Green pass violi la nostra libertà.

La vicenda di Genova ci segnala quanto sia indispensabile per la democrazia l’indipendenza del PM rispetto al potere politico.