I repubblicani abusano dell’impeachment: attacco alla democrazia?

I legislatori repubblicani del Wisconsin vogliono sottoporre Janet Protasiewicz, giudice della Contea di Milwaukee che ha vinto un seggio alla Corte Suprema statale, all'impeachment. La vittoria di Protasiewicz significa che i democratici avranno una maggioranza di 4 a 3 nell'organo giudiziario più alto del Wisconsin. E questo ai repubblicani non piace.

Domenico Maceri

“L’impeachment della giudice Protasiewicz non è solo assurdo ma anche pericoloso”. Così dichiara Eric Holder, procuratore generale durante l’amministrazione di Barack Obama, mentre commentava il piano dei legislatori repubblicani del Wisconsin di sottoporre Janet Protasiewicz all’impeachment. La giudice della Contea di Milwaukee alla recente elezione ha sconfitto Dan Kelly per un seggio alla Corte Suprema statale. La vittoria di Protasiewicz significa che i democratici avranno una maggioranza di 4 a 3 nell’organo giudiziario più alto del “Badger State” (Stato del tasso).
I repubblicani del Wisconsin sono preoccupatissimi perché la minoranza repubblicana alla Corte Suprema metterebbe a rischio la loro maggioranza in ambedue le Camere. La Protasiewicz è stata eletta promettendo di votare a favore dell’aborto e di accettare ricorsi al cosiddetto “gerrymanderning”, la delineazione dei distretti elettorali che negli ultimi tempi hanno avvantaggiato i repubblicani. Lo Stato del Wisconsin è uno dei cosiddetti “swing states”, stati in bilico, nelle elezioni presidenziali. Spesso il vincitore prevale sul suo avversario con 20 mila voti o poco più. Nell’ultima elezione presidenziale del 2020 Joe Biden sconfisse Donald Trump con una percentuale del 0, 64 ossia poco più di 20 mila voti. Trump fece ricorso e la Corte Suprema del Wisconsin che all’epoca aveva 4 giudici di destra e 3 che pendevano a sinistra. Trump perse di un solo voto.
L’importanza della Corte Suprema statale però non è da sottovalutare. La questione dei distretti elettorali è problematica perché nella sua attuale regolamentazione i repubblicani vengono favoriti in maniera schiacciante e anti-democratica. Nel 2012, per esempio, i repubblicani ottennero il 46 percento dei voti dello Stato ma riuscirono ad ottenere il 60 percento dei seggi alla Camera Statale. Nel 2016 il Partito Democratico ricevette quasi lo stesso numero di voti dei repubblicani ma il Gop ottenne il 64 percento dei seggi. Nel 2018 lo Stato elesse il democratico Tony Evers a governatore e per limitare i suoi poteri i legislatori repubblicani approvarono parecchie leggi per indebolirlo. Attualmente la Camera e il Senato statali riflettono una super maggioranza repubblicana (64-35 Camera, 22-11 Senato).
I repubblicani, quindi, hanno i voti per l’impeachment di Protasiewicz alla Camera ma per la condanna al Senato avrebbero bisogno dell’unanimità del loro caucus. Ma il piano anti-democratico dei repubblicani potrebbe però avere successo anche solo dopo il voto di impeachment alla Camera senza procedere al voto di condanna al Senato. In questa prospettiva Protasiewicz sarebbe sospesa dal suo incarico e in effetti creerebbe un pareggio nella Corte Suprema di 3 a 3, impedendo i ricorsi giudiziari già iniziati per dichiarare illegale la formazione dei distretti elettorali stabiliti dai repubblicani. In effetti, con il probabile impeachment della nuova giudice i repubblicani riuscirebbero a dichiarare nulla l’elezione democratica che ha visto Protasiewicz prevalere.
Oltre alla questione dei distretti elettorali esiste il nodo dell’aborto che ha visto la vittoria repubblicana l’anno scorso quando la Corte Suprema federale ha abrogato la Roe Vs. Wade. Con quella decisione il Wisconsin attualmente è caduto nel caos di una legge del 1849 che proibisce tutti gli aborti. I repubblicani ovviamente non sono affatto interessati a modificarla creando inevitabili ripercussioni alle urne poiché la maggioranza degli elettori americani e dello Stato del Wisconsin favoriscono il diritto d’interruzione di gravidanza.
Le elezioni hanno conseguenze, specialmente quelle legate al sistema giudiziario. In America, come si sa, i giudici della Corte Suprema federale sono nominati dal presidente e poi confermati dal Senato. Nella maggioranza dei casi delle Corte Supreme Statali vige un sistema simile. Ma nel Wisconsin come in altri 24 Stati i giudici della Corte Suprema Statale vengono eletti democraticamente. In 10 di questi Stati i candidati sono eletti in elezioni regolari e i giudici sono identificati nelle schede elettorali secondo l’affiliazione con il loro partito. In altri 14 Stati, invece, i candidati appaiono nelle schede elettorali senza l’identificazione del partito politico. Ciononostante, nella campagna elettorale l’ideologia dei candidati a giudici emerge chiaramente. La Protasiewicz ha fatto una campagna elettorale dichiarando di favorire il diritto all’aborto e di rivalutare le circoscrizioni dei distretti elettorali.
La legge in Wisconsin sull’impeachment dice che può avvenire in caso di “corruzione” o per la commissione di “reati”. La Protasiewicz non ha nemmeno iniziato il suo compito di giudice, quindi, sarebbe difficile provare la sua ineleggibilità. Lo State Judicial Panel, una commissione giudiziaria statale che si occupa di comportamenti etici dei giudici, ha valutato le dichiarazioni di Protasiewicz fatte in campagna elettorale e ha rifiutato le accuse dei repubblicani. Ciò che un candidato dice in campagna politica non è rilevante al modo di decidere dopo l’inizio dell’incarico.
Poco importa però ai repubblicani che vedono la perdita della loro maggioranza alla Corte Suprema Statale come eliminazione del baluardo alla loro sopravvivenza politica. Il problema dei repubblicani in Wisconsin però è stato additato da uno di loro, il parlamentare statale John Macco, eletto per cinque mandati in un distretto che anche Trump aveva vinto. In un’intervista al New York Times che indagava sulle intenzioni dei repubblicani di votare sì o no per l’impeachment di Protasiewicz, Macco ha spiegato che in un distretto repubblicano, lui non può capire come la maggioranza abbia votato per la giudice liberal. In realtà si capisce bene. Al livello Statale la Protasiewicz ha vinto con un margine di 11 percento, una vittoria a valanga, dovuta alle sue posizioni sull’aborto e le mappe elettorali dei distretti.
L’uso dell’impeachment per sovvertire la democrazia è in evidenza anche a Washington di questi giorni. Proprio al momento di scrivere veniamo informati che lo speaker repubblicano della Camera Kevin McCarthy ha annunciato la nomina di una commissione per avviare un’indagine sul possibile impeachment di Biden. Un tema che analizzeremo in un futuro articolo.
Di Domenico Maceri, PhD, è professore emerito all’Allan Hancock College, Santa Maria, California. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della National Association of Hispanic Publications.
Abbonati a MicroMega

CREDITI FOTO: Wikipedia | Channel 3000



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Domenico Maceri

Aver incassato il rifiuto della Corte Suprema a pronunciarsi con urgenza sul caso è una vittoria per Trump e i suoi legali.

La questione migratoria sta tornando violentemente al centro del dibattito pubblico negli Usa, soprattutto in vista delle elezioni presidenziali.

Trump non partecipa ai dibattiti e allora uno dei suoi avversari ha deciso per l’attacco frontale.

Altri articoli di Mondo

La storia di Zhang Ruimin, e di come convinse i suoi sfiduciati operai a farsi inventori di ciò che producevano.

Israele considera i civili palestinesi come "danni collaterali", mentre Hamas li usa come scudi umani e strumenti di propaganda.