Il Comitato Referendum Sanità lombarda al Consiglio Regionale: “Rispettate la legge”

Il Comitato chiede di visionare le motivazioni giuridiche in proposito alla decisione dell'Ufficio di Presidenza di rinviare la valutazione di ammissibilità al Consiglio regionale. Ma la maggioranza non risponde, tira diritto e nega il dialogo con i promotori.

Medicina Democratica

Milano, 8 settembre 2023. Referendum sanità lombarda: un forte richiamo è stato lanciato dal Comitato Promotore con una lettera inviata giovedì 7 settembre all’Ufficio di Presidenza e al Consiglio Regionale affinché non procedano alla votazione sull’ammissibilità del Referendum, in quanto l’Ufficio di Presidenza non ha rispettato in più punti le normative previste dalla legge n. 34/1983, che detta “Nuove norme sul referendum abrogativo della regione Lombardia”.
Infatti, dopo la decisione dell’Ufficio di Presidenza, il 25.08.2023, di rinviare al Consiglio Regionale, seduta del 12 settembre, la decisione sulla ammissibilità dei quesiti referendari proposti, abbiamo richiesto le motivazioni tecniche di questa decisione pilatesca, senza ottenere alcuna risposta . La richiesta di documentazione aveva l’obiettivo di comprendere le ragioni di questa decisione, anche perché nella delibera si richiama un “approfondimento effettuato dal Servizio legislativo e legale”, di cui non è stato fornito il testo, pur essendo stato richiesto, hanno dichiarato i rappresentanti del Comitato Promotore Marco Caldiroli (di Medicina Democratica), Vittorio Agnoletto (di Osservatorio Salute), Massimo Cortesi (ARCI Lombardia), Federica Trapletti (SPI-CGIL Lombardia), Andrea Villa (ACLI Milano).
Questa la cronistoria dei fatti: la proposta referendaria abrogativa di tre passaggi della legge regionale sanità (L.R. 33/2009 e successive modifiche fino alla l.r. 22/2021) è stata depositata con oltre 100 firme di promotori, il 27 luglio scorso; il 25 agosto la maggioranza dell’Ufficio di Presidenza decide di non decidere sull’ammissibilità, rimandando la decisione al Consiglio regionale, convocato per il 12 settembre; il 7 settembre il Comitato Promotore ha inviato la lettera all’Ufficio di Presidenza e al Presidente del Consiglio Regionale segnalando il contrasto della procedura in corso con quanto previsto dalla l. r. n. 34/1983. Non sono stati svolti gli indispensabili approfondimenti tecnici dall’Ufficio di Presidenza dello stesso Consiglio regionale, non attuando quanto previsto dalla legge: “Si è trattato di una decisione esclusivamente politica – hanno aggiunto i promotori referendari – senza rispetto nè della lettera nè dello spirito della legge l.r. n. 34/1983. Si tratta di una violazione sostanziale di un diritto, indicato in questa legge, che prevede una valutazione giuridica e, in caso di parere negativo, lo svolgimento di un confronto con i promotori sui motivi ostativi. Invece, nessuna motivazione tecnica, nessuna risposta è stata data alle nostre richieste di chiarimenti”.
Per queste considerazioni, i promotori del Referendum chiedono al Consiglio Regionale di rimandare all’Ufficio di Presidenza la questione affinché lo stesso esprima considerazioni giuridiche garantendo la legittimità, i diritti dei promotori e quello degli elettori di disporre di questo strumento di democrazia diretta.

Abbonati a MicroMega



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Medicina Democratica

Morti sul lavoro: occorre intervenire su un fenomeno alimentato dal mancato rispetto delle norme e dalla precarietà dei contratti.

L’inchiesta per l’inquinamento Solvay di Rosignano va riaperta: “Chiediamo informazioni complete sull’andamento dello stato di salute dei lavoratori e della popolazione dei territori interessati dalle attività produttive della  Società Solvay Chimica Italia S.p.A di Rosignano. Per questo, con l’avvocata Marianna Giorgi, che ringraziamo per il gran lavoro svolto, abbiamo presentato istanza alla Procura della Repubblica...

Assolti perché il "fatto non sussiste" tutti i 26 imputati, dirigenti ed ex dirigenti della centrale elettrica di Vado Ligure(Savona).

Altri articoli di La parola a...

Venerdì 13 giugno tutti davanti a Montecitorio contro il Ddl sull'autonomia differenziata che sarà discusso, forse votato, in Parlamento.

Nel 2023 è cresciuto il numero di esecuzioni ma il numero degli Stati – solo 16 – che praticano la pena di morte è al minimo storico.

134 economisti italiani provenienti da 50 università hanno firmato un Manifesto a supporto di un’agenda “Tax The Rich”.