Migranti, la rotta balcanica e “Il lungo viaggio di Cip e Tigre”

Un libro illustrato per bambini racconta il fenomeno delle migrazioni e quel viaggio della speranza percorso da migliaia di profughi con un solo obiettivo: arrivare in Europa.

Valerio Nicolosi

Il lungo viaggio di Cip e Tigre (Carthusia edizioni) è il titolo del libro per bambini scritto da Fabrizio Tonello e illustrato da Aurélia Higuet che tratta il fenomeno delle migrazioni ispirandosi alle storie che tutti i giorni attraversano la rotta balcanica. Storie di migliaia di profughi che cercano in ogni modo di arrivare in Europa.

In questa intervista Fabrizio Tonello, sfogliando le pagine del libro, racconta perché, oggi, è importante raccontare ai nostri figli cosa sta accadendo alle porte dell’Italia.

“La gattina Cip e la grande Tigre s’incontrano e decidono di mettersi in cammino insieme. Sulla strada incappano in tutti gli ostacoli di un viaggio oltre le frontiere, alla ricerca di un futuro migliore. La loro avventura avrà un buon esito, ma per gli altri viaggiatori con cui hanno condiviso un pezzo di strada è ancora tutto da scoprire…”.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il nuovo accordo supera Dublino. Ma è una vittoria della destra che non vuole accogliere. Vediamo perché.

A poco meno di un anno di distanza dal ritorno dei talebani a Kabul, i corridoi umanitari italiani sono ancora fermi a causa della burocrazia.

Anche se il soccorso in mare è sparito dalle cronache, i migranti continuano a partire dalla Libia. E a morire.

Altri articoli di Video

In diretta sabato 11 novembre alle 15.00: “La strage di Hamas e l'invasione di Netanyahu: quale pace è possibile?”

La testimonianza di una volontaria di Gazzella onlus parla di situazione insostenibile per civili, anziani, donne e bambini nella città bombardata.

La discussione sulle elezioni in Turchia che presenta il volume di MicroMega 3/2023, "La democrazia nemica di sé stessa".