Inchiesta Covid Bergamo: ora si vada fino in fondo

L’inchiesta per la (mala)gestione dell’emergenza Covid in Lombardia vede indagate 19 persone, fra cui l'ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Lombardia Attilio Fontana. Le accuse contestate sono epidemia colposa aggravata, omicidio colposo, rifiuto d'atti d'ufficio e falsi.

Vittorio Agnoletto

“Di fronte a migliaia di morti e alle consulenze che ci dicono che potevano essere eventualmente evitati, non potevamo chiudere con una archiviazione”: con queste parole il procuratore di Bergamo Antonio Chiappani ha spiegato le ragioni dell’inchiesta per la (mala)gestione dell’emergenza Covid in Lombardia che vede indagate 19 persone, fra cui l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, l’ex ministro Roberto Speranza, l’appena riconfermato presidente della Lombardia Attilio Fontana, l’ex assessore del Welfare lombardo Giulio Gallera, il direttore dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro. Le accuse contestate a vario titolo sono epidemia colposa aggravata, omicidio colposo, rifiuto d’atti d’ufficio e falsi.

La decisone della Procura di Bergamo rappresenta un primo passo verso una giustizia che non si fa intimidire da un potere politico che si è reso corresponsabile di alcune migliaia di morti altrimenti evitabili.

Sia il governo nazionale che la regione Lombardia avevano la possibilità d’istituire la zona rossa nella bergamasca. Il mancato aggiornamento del Piano Pandemico, l’assenza di un efficiente sistema di alert in grado di individuare settimane prima la presenza del virus in Lombardia, il mancato approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale che ha provocato la morte di molti medici e la riapertura repentina dell’ospedale di Alzano, hanno facilitato la diffusione del virus nei primi mesi del 2020.

La Lombardia è una delle regioni al mondo che ha pagato il prezzo più alto alla pandemia: 455 decessi per Covid ogni 100.000 abitanti. Una cifra spaventosa. Nella primavera del 2020 varie associazioni avevano raccolto oltre 100.000 firme per chiedere al governo di commissariare la sanità lombarda, nessuno ci rispose.

La Procura di Bergamo indagando anche numerosi tecnici ha sollevato un enorme interrogativo: quanto gli scienziati collocati ai vertici delle istituzioni sanitarie si sono resi disponibili a fungere da paravento alle decisioni delle autorità politiche?

La parola torna ora alla società civile, ai comitati dei familiari, perché mantengano alta l’attenzione per impedire che la politica si autoassolva e che, come spesso è accaduto in Italia, per altre e diverse stragi, tutto finisca nel nulla, nell’oblio del tempo.

Foto Canva | xavierarnau



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Vittorio Agnoletto

Se non vogliamo diventare gli Usa, adesso è il momento di lottare per la difesa del Ssn.

La Commissione europea continua a opporsi alla moratoria sui brevetti dei vaccini anti Covid. Un argomento tabù anche per gran parte dei media. Perché? Quali pressioni ci sono?

Un’analisi scientifica oltre le contrapposte tifoserie della narrazione governativa e delle tesi No vax.

Altri articoli di Politica

Nel terzo anno di guerra all’Ucraina, Putin è sempre più determinato nella sua svolta autoritaria e bellicistica.

Le vicende ucraine di questi ultimi due anni hanno lacerato la sinistra ancora di più di quanto già non lo fosse.

Dopo la bocciatura del Veneto e i passi avanti in Emilia-Romagna, nel Lazio si spinge per calendarizzare il voto in Consiglio sul suicidio assistito.