La crudele beffa nascosta nella nuova indennità per i lavoratori autonomi

L’ultima legge di bilancio approvata dal Governo Conte bis ha istituito l’Indennità straordinaria di continuità reddituale ed operativa (ISCRO): potrebbe sembrare una cassa integrazione, in realtà è solo un bonus. Per questo ACTA, associazione di lavoratori freelance, ha lanciato la campagna di protesta #RidateciLaTorta.

Mariasole Garacci

Immaginate che un gruppo di persone decida di versare del denaro in una cassa comune e acquistare gli ingredienti per cucinare una bella torta da condividere dopo il pranzo domenicale e che poi, quando la torta è fatta, ne venga assegnata ai partecipanti solo una piccola fetta corrispondente al 9,4% del totale, mentre il restante 90,6% se lo tiene chi era incaricato di aprire e chiudere il forno. Ora succede che, con la legge di bilancio 2021 (n.178 del 30 dicembre 2020, art. 1, commi da 386 a 401), il Governo Conte bis ha fatto in tempo a istituire una misura denominata ISCRO, acronimo di “indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa”: una sorta di cassa integrazione in forma di bonus richiedibile una volta, dedicata esclusivamente agli autonomi in partita IVA con Gestione separata, pari al 25% dell’ultimo reddito dichiarato e attiva in forma sperimentale solo per il triennio 2021-2023.

Si dirà: non è molto, è solo un sostegno una tantum (ritmo letale al quale le misure emergenziali degli ultimi tempi ci hanno abituati), ma è pur sempre qualcosa. Invece no. E i lavoratori autonomi, dagli storici dell’arte, agli archeologi, dalle guide turistiche agli interpreti, gravemente colpiti dall’attuale crisi del loro settore, fino ai traduttori, agli archivisti, insomma le figure professionali appartenenti al variegato mondo del lavoro culturale precario (ma non soltanto) stanno protestando contro questa misura. ACTA, associazione di lavoratori freelance, ha lanciato in questi giorni la campagna #RidateciLaTorta.

Quali sono i motivi della protesta? Anzitutto, l’ISCRO prevede un aumento della contribuzione INPS, per questa categoria di autonomi, dello 0,26% nel 2021 e dello 0,51% nel 2022 e 2023: un prelievo che risulta davvero iniquo e ingiustificato, non solo considerando la drammatica situazione economica che molti stanno affrontando in questo momento, ma soprattutto se ci si prende la briga di verificare il saldo tra quanto gli autonomi già versano all’INPS e le indennità effettivamente ricevute tra maternità, malattia e assegni familiari. La proporzione è, appunto, 9,4% contro 90,6%.

I “Rendiconti delle Gestioni Assicurative e/o Previdenziali” relativi al 2019 sono accessibili a tutti collegandosi al sito dell’INPS, e da questi emerge, segnalano gli attivisti di ACTA, uno spaventoso divario tra entrate e uscite dell’ente previdenziale: oltre 161 milioni di euro sono stati versati dai contribuenti, a fronte di indennità erogate per poco più di 15 milioni, con un attivo, dunque, di circa 146 milioni di euro. Avanzo che viene alimentato da quei lavoratori autonomi a partita IVA che pagano i contributi previdenziali obbligatori al fondo INPS in Gestione separata, cioè quello che, secondo le statistiche, raccoglie proprio i più poveri e precari (il reddito medio degli iscritti in maniera esclusiva alla GS nel 2019 è di 15.500 euro) e che serve a sovvenzionare altre casse che, al contrario, sono in passivo. Perché, allora, questi contribuenti devono subire un aumento del prelievo per pagare una misura di sostegno come l’ISCRO, che ha già margini per essere ampiamente finanziata?

Vignetta di Pat Carra

Le contraddizioni non finiscono qui. L’ISCRO, così come è stata concepita, ha dei limiti che a fronte di un ulteriore prelievo la renderanno accessibile a pochi: può essere richiesta, infatti, solo dai lavoratori a partita IVA iscritti alla Gestione separata da almeno quattro anni, che abbiano registrato un calo del reddito di almeno il 50% rispetto alla media dei redditi del triennio precedente, che nell’anno per cui si chiede il sostegno abbiano avuto un reddito non superiore a 8.145 euro e che, tuttavia, non abbiano cessato l’attività. Ciò significa, per fare un esempio, che un professionista con un reddito annuo di 10.000 euro ridotto a 6.000 (ben al di sotto della soglia di 8.145 euro), non potrà accedere all’ISCRO perché non soddisfa la seconda condizione. L’ISCRO, inoltre, potrà essere richiesta solo l’anno successivo a quello in cui si registra il calo del fatturato, dunque non interviene nel momento del bisogno. Ma c’è dell’altro: sebbene la misura sia assimilabile a un trattamento in costanza di rapporto, l’accesso è condizionato dall’obbligo di partecipare, dopo la crisi, a imprecisati corsi di formazione organizzati da istituti privati sovvenzionati dallo Stato, che richiederanno tempo al lavoratore (il quale, per allora, dovrà invece dedicarsi a cercare nuovi impieghi e commissioni) e denaro agli ignari contribuenti che con le loro tasse finanziano queste sovvenzioni. Insomma, fingendo di ignorare che la crisi lavorativa dipenda, ora più che mai, da una contrazione della domanda (strutturale o congiunturale che sia), si afferma una politica passiva del lavoro già conosciuta con il sostanziale fallimento dei centri per l’impiego, dei navigator e della NASpI. La crisi innescata dalla pandemia dovrebbe rendere evidente l’urgenza di una revisione del welfare all’altezza dei tempi e delle esigenze dei lavoratori, ma chi spartisce la torta preferisce distribuire contentini, e farseli anche pagare.

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Stiamo lavorando per completare il nuovo sito.

MicroMega rimane a disposizione dei titolari di copyright che non fosse riuscita a raggiungere.

Altri articoli di Mariasole Garacci

Anche una modesta area archeologica della capitale può essere sfruttata per dare prestigio al mercato immobiliare di un quartiere.

Altri articoli di Politica

Commesse milionarie, autostrade, aeroporti, droni. Ecco i veri motivi della visita del premier in Libia.

La comunità cristiana di base romana si aggiunge alle molte voci del mondo cattolico contrarie al diktat della Congregazione per la Dottrina della Fede.

In zona rossa librerie ed edicole possono restare aperte mentre i negozi di dischi devono abbassare le serrande. La musica non è un bene essenziale?