Se l’aborto è un reato (anche in Germania)

Su MicroMega il documentario di Chiara Ercolani "Just a concession".

Redazione

Oggi nel mondo sono ancora molti i Paesi che criminalizzano l’aborto. Uno di questi è la Germania. L’interruzione di gravidanza è infatti regolata dagli articoli 218 e 219 del codice penale tedesco, inseriti nel titolo sui “reati contro la vita”. Il primo dei due articoli, dopo aver definito l’interruzione di gravidanza come un reato con pene fino a 5 anni, indica le condizioni alle quali il reato non è perseguibile, ossia quando l’interruzione di gravidanza avviene entro le 12 settimane e la donna ha ricevuto un certificato medico successivo a una consulenza obbligatoria. Questo comma della legge rende di fatto possibile l’interruzione di gravidanza in Germania, che però rimane un reato. L’articolo successivo, il 219, vieta qualunque forma di pubblicità all’interruzione di gravidanza ed è l’articolo usato dalle associazioni antiabortiste per denunciare i medici che sui loro siti internet forniscono informazioni sull’interruzione di gravidanza. In Germania le associazioni per i diritti delle donne hanno lanciato diverse campagne per l’abolizione di questi due articoli del codice penale.
—–
Just a concession
Regia: Chiara Ercolani
Assistenza alla regia: Sara Fantozzi
Musiche: Filippo Nardini, Michele di Martino
Voce: Rositsa Mahdi
Grafiche: Marianna Castronovo



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Redazione

Con contributi di: Axel Honnet, Moni Ovadia, Maurizio Franco, Marco Trainito, Teresa Simeone, Stefano Piastra.

Scopri la newsletter esclusiva per abbonati di MicroMega, ogni settimana nelle vostre caselle di posta elettronica.

Le raccomandazioni del Network italiano Salute Globale.

Altri articoli di Video

Ci siamo imbarcati da Fiumicino sulla San Vincenzo guidati dal comandante Gennaro Esposito per immortalare il momento in cui le reti vengono issate a bordo.

Il climatologo spiega le ragioni che hanno spinto associazioni e cittadini a portare in tribunale lo Stato per inadempienza contro la crisi climatica.

Il 30 percento di chi contrae il virus continua ad avere seri problemi di salute anche dopo il famoso tampone negativo: affanno, problemi respiratori, vuoti di memoria. Marta si è ammalata nei primi mesi del 2020 e ancora oggi non è tornata a una vita normale. Problemi e cure sono ancora da scoprire.